About me!


 

Qualcosa di personale. (Nico 2015)

 

 

 

 

Frustra fit per plura quod fieri potest per pauciora (non occorre complicare le cose semplici)
Guglielmo di Ockham

.
Seguo il consiglio di Guglielmo da Ockham, taglio quindi tutto il superfluo per raccontarvi qualcosa di me, di quello che penso, di come vedo la vita e di ciò che rappresento per gli altri, lo farò in modo “materiale” perché la vita è reale e non in modo intellettuale come va di moda oggi e fa tanto trendy, quindi sarò breve e asciutto.

Tutti ma proprio tutti, arrivati ad un certo punto della propria vita sentono il bisogno di fermarsi per tirare le somme di ciò che hanno costruito, di ciò che avrebbero voluto fare ma non sono riusciti a farlo, di ciò che vorrebbero fare in futuro.
Eh si, è una sorta di inventario per capire se abbiamo agito sempre con consapevolezza le nostre scelte oppure se abbiamo sbagliato per nostra colpa o per quella di altri e se, nel mettere in pratica le nostre idee abbiamo avuto fortuna, dando quindi il merito a qualcosa di indefinito oppure abbiamo profuso costanza, tenacia e sacrificio, i quali uniti ai valori che portiamo dentro, ci hanno regalato gioia, soddisfazione e conquiste personali.

 

 

 

“Non ci si libera di una cosa evitandola, ma solo attraversandola”.
Cesare Pavese

 

.

Come in ogni azienda in cui lo stato patrimoniale si ricava facendo la differenza tra attività e passività, cosi funziona anche per la nostra vita, dobbiamo dunque ripercorrere il nostro passato per guardare il “bene” che abbiamo profuso o il “male” che abbiamo fatto.
Certo, non è facile essere imparziali quando giudichiamo noi stessi, vuoi per il nostro amor proprio che è preminente rispetto a quello per gli altri, vuoi per il nostro modo di intendere il “bene” o il “male”, quindi per giudicarci con imparzialità, occorre chiedere a chi si fosse relazionato con noi in qualsiasi forma lo abbia fatto, parlo quindi dei famigliari più stretti, degli amici più cari o di coloro i quali in qualche modo sono stati in contatto con noi per motivi professionali, sino ad arrivare a coloro che non conosciamo ma che hanno avuto traccia della nostra presenza.
Comunque sia proverò a farlo.
“La grandezza non consiste nell’essere questo e quello, ma nell’essere se stessi; e questo ciascuno lo può, se lo vuole”.
Søren Kierkegaard.

.

Ho letto molto, sopratutto classici di filosofia, dalla filosofia ho imparato che non posso conoscere tutto perché so che l’apprendimento della conoscenza non ha mai fine, fra i tanti pensieri filosofici ci sono alcuni che corrispondono ai miei Valori, questi li ho avuti sempre bene impressi nella mia anima, essi hanno guidato sempre le mie azioni, anche in presenza delle immancabili difficoltà che comunque esistono nel nostro percorso di vita.
Non esistono fatti, ma solo interpretazioni .

Nietzsche

 

 

 

terromoto irpinia    para

* immagini tratte da internet

.
Non ero ancora ventenne quando accaddero due eventi che avrebbero cambiato per sempre la mia vita, essi sono scolpiti nella mia memoria come monito dell’altruismo di cui dobbiamo essere capaci di fronte ai bisogni degli altri.
Ho visto ed empaticamente“sentito” la disperazione e la sofferenza, quando nel terremoto dell’Irpinia nel 1980 facendo parte di un corpo d’élite dell’esercito, fui inviato insieme ad altri soccorritori con il compito di dare aiuto alla popolazione colpita da quell’immane tragedia, ed è stato in quell’inferno dantesco, nel tirar fuori dalle macerie i vivi ma anche coloro che orribilmente maciullati, furono meno fortunati perdendo la vita, che compresi a fondo alcuni dei valori universali che mi avrebbero guidato negli anni a venire, amore e generosità.
Il secondo episodio riguarda invece la prima missione all’estero del nostro esercito, era il 1982 ed ero in Libano con il contingente italiano, lì ho visto l’aberrante violenza di cui è capace l’uomo, con la strage di palestinesi nel campo profughi di Sabra e Shatila, immagini fisse nella mia memoria che ancor oggi, a distanza di tanti anni mi commuovono ancora.
Da allora ho sempre pensato che non posso essere sereno se vengo circondato da persone sofferenti ed è questo il motivo principale per il quale mi sono impegnato nella vita ed ancora oggi mi impegno (entro i limiti di quello che è in mio potere di fare) nel dare serenità alle persone che hanno bisogno e che, con me si relazionano.

 

massacro palestina

sabra_e_chatila_19822

*Immagini tratte da internet

.

.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. Karl Popper
Nella vita reale e non in quella apparente, siamo costretti nostro malgrado ad accettare la materialità della stessa, quindi ad accettare denaro in cambio dei nostri servizi, quanto più denaro avremmo a disposizione tanta più generosità potremmo espandere verso gli altri, atti concreti e non parole, ecco quindi la necessità del denaro per aiutare concretamente chi si trova in difficoltà. Quindi perché essere ipocriti, avere disponibilità economica non rappresenta qualcosa di immorale, immorale casomai è l’uso che ne facciamo dello stesso.
Quindi parlare di maschere non ha senso, perché far finta di “essere” o “non essere” chi realmente siamo serve al travestimento a cui siamo obbligati, perché questo è indispensabile quando si vive in una società malata basata sull’ipocrisia, sull’invidia, sulle dicerie, dove l’individualismo cinico ha preso il posto di valori come solidarietà, altruismo e generosità, quindi qualsiasi maschera io indossi, nulla toglierebbe a quello che faccio quotidianamente con le mie azioni che sono sempre reali, un aiuto è sempre un aiuto, sia se lo faccio personalmente oppure per interposta persona come potrebbe essere per esempio il parroco del paese.

 

“Per chi intraprende cose belle, è bello soffrire , qualsiasi cosa gli tocchi” . Platone

.
Mettere in secondo piano i miei desideri rispetto alle necessità di chi vive nella mia sfera affettiva o amicale è un sentimento che mai potrò mettere in discussione ed infatti lo sto insegnando anche ai miei figli, perché se quel “poco” fosse agito dai “molti” porterebbe un’infinità di gioia ai nostri simili e di conseguenza a noi stessi.
Sono una persona con forte temperamento, il che significa che mi emoziono facilmente di fronte a determinate forme di espressione affettiva o di piacere, ma allo stesso modo reagisco aggressivamente di fronte a forme emozionali dolorose, insomma una personalità da combattente e come tale di conseguenza mi comporto, quindi non amo le prevaricazione di nessun genere, non amo l’ipocrisia, non amo la violenza gratuita, non amo le mistificazioni, al contrario però, in uno slancio di generosità, sarei capace di mettere a repentaglio la mia vita per quella degli altri come più volte mi è capitato di fare, io sono fatto così.

 

 

Per me amore vuol dire generosità, dare tutto completamente di se stessi senza chiedersi se sia giusto o sbagliato, generosità vuol dire aiutare gli altri sotto ogni forma, qualsiasi forma, essere generosi è la missione per l’Uomo il cui cuore è pieno d’amore. Amare porta anche a sbagliare? No mai se uno ama davvero, gli eventuali sbagli sono e restano sempre un atto d’amore nei confronti del prossimo, ma come sempre accade, questi errori vengono visti a torto, come segno di debolezza o di presuntuosità, mai come gesto d’amore, ed è per questo motivo che a volte occorre mettersi una maschera.


“L’armonia invisibile è una sfera perfetta e incontaminata. Quella visibile, invece, si deforma continuamente sotto il peso della realtà.” (Eraclito)

 

 

Un gesto di solidarietà non ci costa nulla, ma porta un alito di vita in chi, poco a poco la sta perdendo.

 

 

Buona domenica a tutti voi.
Nico.

Annunci

25 pensieri su “About me!

  1. Ahhh Nico…Nico…
    Difficile commentarti in questo articolo.
    Parli di te e del mondo, scrivi del sentimento più puro, scrivi delle tue esperienze che a parer tuo ti hanno formato, ma tu sei ciò che sei e qualsiasi altra esperienza ti avrebbe formato in egual modo.
    Vorrei dirti adesso che tutti hanno un cuore…tutti!
    Non voglio essere superficiale o altro, ma il mio o il tuo compito…la “missione” dell’intelligenza o della sensibilità è, e rimane, per me, quella di scoprirlo e di far si che questo (questo cuore) si manifesti.
    Un abbraccio e buona domenica a te.
    Giuliana

    Liked by 2 people

  2. Avevo promesso da tempo di scrivere qualcosa su di me, quello che hai letto rappresenta una piccolisima parte della mia vita, ma è quanto basta per conoscere il mio pensiero, viviamo tutti le nostre vite con egoismo, incuranti dei bisogni degli altri, ci chiudiamo in noi stessi appena percepiamo il dovere di tendere una mano a chi è in difficoltà, allora perché i nostri padri ci hanno insegnato l’altruismo, l’ospitalità, la Solidarietà, cosa è cambiato negli anni per arrivare all’egoismo imperante?
    Hai ragione quando dici che tutti abbiamo un cuore, ad alcuni forse si è addormentato, è dunque nostro compito riuscire nell’intento di risvegliarli.
    L’Italia è cresciuta e progredita con la Solidarietà, non dimentichiamolo.
    Grazie, grazie davvero per il tuoi spunti riflessivi, sempre precisi.

    Ciao Giuliana, ti auguro una serena domenica. ❤

    Liked by 2 people

  3. Siamo giunti all’egoismo imperante (come tu lo definisci) perché la gente non crede più nella nobiltà d’animo, a quelle forme di gentilezza senza nulla a pretendere, ma guarda ogni gesto d’amore con occhio inquisitorio. Purtroppo, bisogna ammettere che non ha tutti i torti per via dei tanti farabutti che hanno svilito il significato di solidarietà. Fortunatamente c’è gente come te che la pensa diversamente, e questo fa sperare che possiamo ancora tentare di salvarci. Piacere di aver fatto la tua conoscenza. Buona domenica. Fabio

    Liked by 3 people

  4. E’ vero Fabio, se decidi di aiutare qualcuno senza che te lo chieda, sei guardato con diffidenza.
    La settimana scorsa in un grande supermercato ero alla cassa per pagare il conto, un signora molto anziana avanti a me doveva pagare un conto di 9,35 euro, dopo aver aperto il suo portamonete, iniziò a contare tutte monetine da 10, 20 e 50 centesimi, accorgendomi del fatto che non potesse arrivare a quella cifra, mi sono offerto per pagargli la spesa, a quel punto la signora anziana si scostò da parte e guardandomi con diffidenza mi chiese il perchè della mia azione, risposi che assomigliava a mia nonna in modo incredibile e mi avrebbe fatto piacere pagargli la spesa, mi diede una carezza con la sua mano leggera acconsentendo alla mia offerta.
    Lo so, è poca cosa rispetto a quello che sarebbe da fare, ma c’è sempre un inizio per tutte le cose.
    Il valore della Solidarietà è geneticamente presente in ogni Italiano, qualsiasi cosa possano dire Maroni e Salvini!

    Ciao Fabio, passa una serena domenica! 🙂

    Liked by 2 people

  5. Importante il tuo lungo e molto ben articolato scritto! L’ho letto tutto d’un fiato sul mio cellulare e ora rileggendolo più attentamente sul computer, mi accorgo che hai scritto delle cose veramente forti, dolci allo stesso tempo e sacrosante. Bella la tua foto, bello il viso che trasmette forza e fermezza, belle le idee che hai, pulite e sane! Tra i tanti blog/spazzatura che purtroppo capita d’incontrare, pochissimi tra i quali il tuo riescono a trasmettermi dei valori sopiti o non condivisi. I tuoi scritti mi muovono qualcosa dentro al cuore e mi colpiscono: ti assicuro che non è facile stupirmi ancora. Quando anch’io scrivo di stati d’animo veri, o situazioni reali e crude che tutti sappiamo ma che nessuno o pochi vogliono riconoscere, la gente passa oltre e non è interessata. Ho fatto bene ad iscrivermi al tuo salotto! Complimenti Nico, a presto. Fabiana Schianchi,

    Liked by 2 people

    1. Grazie Fabiana, grazie davvero per le tue belle parole che condivido, mi ritengo solo più fortunato di altri.
      Spero di poter continuare a fare quello che sto facendo da sempre, perché la Solidarietà non ha condizione e non puo essere imposta, occorre sentirla dentro.
      Un abbraccio 🙂

      Mi piace

  6. Grazie per aver condiviso questa parte di te, è stato molto bello da leggere.
    Io penso che le persone abbiano perso la cognizione della gioia che si ricava dalla gentilezza, dal donare qualcosa in modo interessato.
    Ti faccio i miei complimenti per come sei.
    Felice serata!

    Laura

    Liked by 2 people

  7. E bravo Nico, ci sei riuscito a farmi piangere! Sto scrivendo con gli occhi mezzi annebbiati e il groppo in gola…Così ragionano i grandi uomini, pieni di valori e con il cuore pieno d’amore da riversare sugli altri. Sono fiera di te e ti auguro ogni bene, hai scritto una pagina del Vangelo in cui tu sei tra i principali protagonisti. Continua così, grande anima. Un abbraccio, Giusy. PS. Sei proprio tu quello della foto? Ti ho sempre immaginato così.

    Liked by 1 persona

    1. Mi regali sempre delle bellissime parole che mi fa piacere leggere, si Giusy, parlo di Amore nel suo significato universale, l’Amore che dovrebbe legare ogni essere umano aiutandosi l’un l’altro, ma sappiamo che non sempre è cosi.
      Non mi è stato facile scrivere e postare questa piccola parte della mia vita, l’ho fatto soltanto per far compendere che non tutti vivono la propria vita con egoismo, ma ci sono migliaia di persone che si adoperano per aiutare gli altri donando se stessi.
      Si, nella foto scattata poche settimane fa, sono io.
      So che sei una donna paziente e comprendi gli impegni che tutti abbiamo, scusami se non ho ancora risposto alla tua mail, lo farò non appena avrò un po di tempo libero dal lavoro.
      Ti abbraccio Giusy…….. 🙂

      Mi piace

  8. Grazie, Nico.
    C’è molto molto in questo mio “grazie”.
    E tu puoi leggere tutto tra le righe d questo mio “commento”.
    Un sorriso di luce per te
    gb

    Liked by 1 persona

      1. Ho letto con grande piacere quello che hai scritto.
        E’ bello che tu sia riuscito a scrivere-dire tanto di te, tanto di così importante.
        A presto, Nico, bianco Lupo di mare
        🙂
        gb

        Liked by 1 persona

  9. Qui non hai gli occhiai e i tuoi occhi parlano la lingua più immediata del mondo.
    Ogni loro piega dice…
    Sì, Nico.
    La Solidarietà è una grande forza dell’Italia.
    Questo Amore per il prossimo dovrebbe essere in ognuno di noi.
    Un sorriso caro
    gb

    Liked by 1 persona

    1. Si Gelso, è l’Amore inteso come valore universale che accomuna tutti noi, dove c’è Amore non c’è guerra, non c’è fame, non ci sono padroni nè schiavi, non c’è cattiveria, c’è solo vita.
      Grazie per il bellissimo spunto,
      Ciao Gb

      Mi piace

  10. Le tue parole hanno una cosa di fondo che le rende importanti : si sentono vere . Quando le parole colpiscono, o arrivano dirette al cuore, come succede anche quando si scrive una poesia, è perché sono sentite, sincere e profonde. E le tue, qui, sono così e si sente. Complimenti. Isabella

    Liked by 1 persona

    1. Sei una persona cara Isabella, spero non ti sia commossa come è successo a me nel ricordare alcuni momenti della mia vita davvero dolorosi…siamo esseri umani quando togliamo la maschera da duri.
      Grazie per il tuo commento e per le belle parole che hai lasciato
      Notte bella per te..

      Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.