Riflessioni Personali L’Alienazione di Max Weber


 

 

 

 

NOI SIAMO SEMPRE I RAGAZZI DI IERI.

 

 

Già allora, si parlava addirittura della alienazione dell’uomo moderno, la degenerazione dello spirito studiata sin dall’inizio del 900 da Max Weber ed altri, ma arrivata all’attenzione degli intellettuali e dei giovani negli anni ’60 a seguito del grande successo del saggio Minima Moralia di Theodor Adorno e della scuole dei filosofi “francofortesi” (Horkheimer).
Per Weber e per i suoi continuatori la società capitalistica portava a compimento il sogno illuminista di introdurre la razionalità nel mondo, dominando la natura e incasellando i rapporti umani in una rete di relazioni codificate (la burocrazia). Questo successo dell’illuminismo corrispondeva però ad una spersonalizzazione dell’uomo, una rinuncia alla soddisfazione dei desideri primari, sostituiti dai desideri indotti dalle logiche di mercato, in definitiva ad una sottomissione del principio di piacere al principio di realtà o, secondo una logica psicanalitica, dell’Es al Super-Io.
Per descrivere questa deriva del mondo capitalistico viene usato il termine alienazione, funzionale al sistema capitalista e a cui l’uomo deve piegarsi (auto-alienazione, alienazione del pensiero) rinunciando e dimenticando i principi naturali della ricerca della verità e della felicità nella conoscenza, sostituite dal desiderio di successo nel dominio del mondo e della natura.

 

 

L’ALIENAZIONE.

 

L’alienazione sai cos’è
è il vuoto nei pensieri
le notti bianche
i giorni neri
e il vuoto intorno a te
Uno parla e non ascolti più
vivi e non sai perché
se ne amavi una
non l’ami più
anzi non sai più chi é
L’alienazione sai cos’è
è il vuoto nei pensieri
le notti bianche
i giorni neri
e il vuoto intorno a te
Tu mangi e bevi e dormi ma
non sai perché lo fai
non ridi più
non piangi più
sei chiuso a chiave ormai
L’alienazione sai cos’è
è il vuoto nei pensieri
le notti bianche
i giorni neri
e il vuoto intorno a te.

 

 

Ciao.

 

dal web: Musica & Memoria.

Annunci

15 pensieri su “Riflessioni Personali L’Alienazione di Max Weber

  1. spersonalizzano la nostra anima e riducendola ad uno specchio in frantumi, iniettano i loro slogan inducendoci a comprare; sono le merci i nuovi dei contemporanei o più probabilmente noi stessi col tempo abbiamo preso il posto delle merci, e la vita privata dei sentimenti è il grande vuoto.

    Liked by 1 persona

  2. Leggendo il tuo piccolo commento, caro Nico, mi venne in mente una vecchia storia russa.

    ” Un diavolo, a passeggio sulle nuvole con un uomo, perse un atomo di conoscenza. L’uomo, lesto, si scorse vedendo, così, un gruppo, sulla terra, che raccolse la particella persa dal diavolo. Presto avvertì l’amico dell’accaduto e questo, scortosi a sua volta, continuò tranquillo la passeggiata.
    ” Già … disse rivolto all’uomo… Non preoccuparti. Lo studieranno un poco poi lo inscatoleranno in uno scrigno prezioso, per non farci più niente poi …
    la passeggiata continuò tranquilla come prima dell’evento occorso alla piccola coppia nel cielo … ”

    * * * * *

    Parti mio cuore?
    E se parti … in quale direzione?

    Nel suo angolo calmo, quello del cuore,
    il capitano della nave,
    sicuro in tempesta di pensieri
    regge dritto il timone
    per mantenere la rotta.

    Ove sei mio cuore?
    Sono saldo, incolume, presente.

    Con affetto a tutti, Francesco

    Liked by 1 persona

    1. Quanto è vero Francè, oramai il nostro intelletto può essere paragonato a qualcosa di aleatorio, talmente leggero che non ci permette di agire nessun pensiero. Tu sai perchè sono qui e il perchè ho abbandonato dall’altra parte, li, si parlava solo di cultura e non di politica ma a quanto leggo, nelle poche volte che apro quel Blog, vedo che ancora non riuscite a capire che non sono i proclami di democrazia diretta o di piattaforma liquida(puntualmente non mantenuti) l’arma per creare qualcosa di nuovo, no, l’unica arma è la cultura e ciò che essa rappresenta, non hai idea di cosa si potrebbe fare con una massa ben acculturata e disposta ad agire il proprio pensiero critico.
      Cerchiamo di risvegliare le Coscienze per poter cambiare il sistema.
      Questa è Cultura caro Francesco!
      Un abbraccio fraterno e un augurio di una serena domenica a tutta la tua famiglia, nipotina compresa.
      Ciao 🙂

      Mi piace

    1. Wiki, sei veramente una persona carinissima.
      Presto arriverò anche da te, promesso.
      Goditi intanto questa bella domenica, il mare è perfetto per un giro in barca..ehehe.
      Un abbraccio…. 🙂

      Mi piace

            1. E’ bello sognare, nei sogni possiamo realizzare tutto ciò che nella realtà non ci è possibile, come ad esempio guardare gli occhi di una persona che mai incontreremo. 😉

              Mi piace

  3. Ciao Nico. Buona domenica

    Mi sa che c’è un piccolo refuso che va cambiato:
    Citoti … li, si parlava solo di cultura e non di politica ma a quanto leggo …

    Mi sa che devi cambiare l’ordine di cultura e politica … Prima politica poi cultura.

    Ti ripeto, però, che quel luogo non è come questo, un posto deputato alla cultua. Quello è un blog popolare dove tutto è nato e dove parlano un po tutti, pertanto si deve trovare il giusto equilibrio fra cultura e popolare, non è facile e penso che migliorie ne debbano fare, concordo.
    Certo, ci potrebbe essere un gruppo (chiamiamolo, per intenderci, gr. dirigente) che determina l’agenda setting del Blog con argomenti alti … ma qui, anche, personalmente ci vedo intoppi.
    Quale cultura prenderesti per “dirigere” le discussioni?
    Penso, e lo sai perchè ne parlammo in viva voce, che, dovendo necessariamente avere più anime nel soggetto politico M5S, indirizzarlo verso una cultura progressista oppure conservatrice ne snaturerebbe la tendenza alla molteplicità che, ripeto ancora, è necessarissima. Soprattutto ora.
    Quel progetto non è ancora definitivo e penso debba ancora svilupparsi appieno. Per esempio, l’uno vale uno è altamente utopico allo stato attuale per molti validissimi motivi, ma tant’è che è stato dichiarato e la direzione va verso quel concetto. Essendo lo stesso nuovo di pacca, necessiterà anni perchè venga digerito prima dallo stesso movimento e poi “esportato” fuori da esso. Insomma, a volte sembra che tutti noi pretendiamo dal M5S cose che sono decisamente frettolose e che richiederebbero, invece, più dedizione e pazienza.
    Molte volte appare come mettessimo nel movimento le nostre frustrazioni di anni passati dove alcuni concetti non si riuscì a farli valere.
    Tempo al tempo Nico, ci vuole pazienza, secondo me. Dire ora che sia fallito mi sembra prematuro e eccessivamente pessimista. Ancora oggi è l’unico posto politico che possa rimettere in sesto la baracca … e non solo a livello nazionale … Ma mondiale … Bisogna rifletterci.

    Un abbraccio a te e famiglia …

    P.S.: Nipotina? Ancora no … Ho solo la gatta incinta e attendiamo a momenti il lieto evento … però ho apprezzato tanto il tuo “eccesso di zelo” ^_^ :)))))

    Liked by 1 persona

    1. Effettivamente non abbiamo mai capito le dinamiche di quel Blog, parlo al plurale perchè tu sai che ero in compagnia di altre bellissime persone, certo, ci eravamo accorti che molte cose erano da cambiare ed è per questo che stilammo quella proposta che tanto tanto ci porto vià.
      Non si cambiano le cose, non perché non c’è tempo per farlo, ma perché non lo si vuol fare, è sempre stato cosi e nel Blog di Grillo funziona allo stesso modo.
      Acqua passata ora, resta solo lo smarrimento per una causa giusta che viene sistematicamente stoppata dalla dirigenza e l’amarezza per non essere stati capiti e per di più offesi in modo subdolo e vigliacco, come solo i vigliacchi sanno fare, colpire di nascosto e in forma anonima, da come continuo a vedere è un prassi che stenta a morire in quel Blog.
      Nessuna nostalgia di quel posto.
      Ciao Francè.

      Mi piace

  4. Certo Nico, dal tuo punto di vista capisco benissimo. Personalmente, e per altri motivi mi sto allontanando dal Movimento nonostante sia convinto sia l’unico mov. pol. da prendere in considerazione. Per il resto penso che alla fine hai ragione tu. Ciao, stai bene.

    Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...