Riflessioni Personali…….perchè il Potere pensa siamo degli scemi?


 

 

Il 1° gennaio sarà operativo il salvataggio forzoso: coinvolti anche depositanti. Banca Intesa: “Sia chiaro: noi non compriamo nessuna banca.

 

 

schiavitu-2

 

 

 

Riflessioni Personali

 

 

Non so voi, ma io un’idea me la son fatta oramai da tempo, con la scusa di combattere l’evasione fiscale, piano piano, si finirà tutti con l’avere carte di credito e non più denaro contante in tasca. Molti di voi, nella fattispecie i lavoratori dipendenti di aziende private e pubbliche, faranno i salti di gioia di fronte a questa notizia, la  speranza che finalmente verra’ abolito il “nero” dei lavoratori autonomi.

Ma siamo sicuri che il vero motivo di tale decisione, sia quello che continuamente ci viene ripetuto tramite i media in modo persuasivo e ammaliante, siamo sicuri che il problema dell’Italia siano i piccolissimi lavoratori autonomi che per “campare” in un momento di forte crisi economica, si arrangiano evadendo i 500 euro al mese? Ma siamo davvero convinti che i 120 MLD di evasione fiscale siano tali nelle cifre e provenienti dai piccoli lavoratori autonomi? Non ci viene mai il dubbio che si parla di evasione per non parlare di corruzione? Non ci chiediamo mai cosa accadrebbe, una volta abolita la circolazione del contante, se la nostra banca ci bloccasse il bancomat? Non pensiamo, questa sia una nuova forma di  schivitù?

 

Eh! si, sono tutte domande che molti di voi non si pongono e non si porranno mai, vista la mensilità sicura riscossa a fine mese e viste le moltituidini di intrecci che ognuno di noi ha con la politica locale, come dire, ognuno è intento a curare il proprio orticello.

Penso sia il momento di iniziare a porci queste domande, anche perchè, il poco denaro che abbiamo depositato in banca e che non vedremo mai nel caso di pagamenti obbligatori con carta di credito, verrà usato dalle banche per coprire i buchi di bilancio di altre banche, cosi sarà con o senza il nostro volere. E’ cosi che funzionerà una forma velata di esproprio verso le classi meno abbienti, se non siete ancora convinti leggete l’articolo sotto, è di oggi.

Good luck!!

 

 
Un piano per salvare le tre banche italiane Banca Marche, Carife e Popolare dell’Etruria, attraverso la creazione di una holding, finanziata dalle altri istituti di credito italiani, attraverso un aumento di capitale in contanti per 1,5 miliardi. E’ il piano salva banche di cui parla oggi Il Sole24 Ore, aggiungendo che tale piano è ora all’esame del board del Fondo Interbancario per la tutela dei depositi.

.

 

 

 

Prevista, secondo il quotidiano, anche “la conversione delle obbligazioni subordinate delle singole banche in dissesto (circa 700 milioni di euro di bond) in azioni degli istituti in difficoltà”.

.

.

“Quelle attuali sono dunque settimane di lavoro intenso nonostante il periodo estivo: dal primo gennaio 2016, infatti, a livello europeo diventerà operativo il nuovo meccanismo del bail in (il salvataggio forzoso delle banche a opera di azionisti, obbligazionisti e depositanti oltre i 100 mila ero), e l’intenzione di tutti è quella di risolvere tutto prima, definendo il piano, individuando gli aumenti di capitale necessari e convocando le assemblee. Lo auspicano in particolare Banca d’Italia, il Mef e Il Fondo interbancario di tutela dei depositi, ma anche le stesse banche, consce che l’alternativa è comunque peggiore”.

.

Ancora, l’articolo afferma che “un eventuale bail in, soprattutto per istituti di dimensioni non piccole, costerebbe caro in termini di reputazione per tutto il sistema ma anche di coperture, visto che i depositi sotto i 100.000 euro vanno comunque garantiti dai fondi appositi, sempre finanziati dalle banche sane”.

.

Il Sole 24 Ore torna sul piano, che “vede in cabina di regia il Fondo interbancario per la tutela dei depositi” e che “prevede la creazione di un veicolo ad hoc, il cui capitale complessivo sarà pari a 1,5 miliardi circa. Finanziato interamente dalle banche italiane del sistema – che verseranno il capitale in maniera proporzionale alla quota di mercato posseduta -, il veicolo ricapitalizzerà le tre banche in dissesto, riportandole in bonid. Di fatto le banche italiane sane diventeranno così socie delle banche in crisi. La scommessa è che, a fronte di un esborso cash immediato, una volta risanate e rilanciate da nuovi vertici, con CdA eletti da nuove assemblee, le tre banche vengano riportate sul mercato e vendute, permettendo così agli istituti di registrare, se non una plusvalenza, quanto meno una riduzione della perdita”.

.

.

Commenta intanto il piano il presidente del consiglio di gestione di Intesa SanPaolo, Gian Maria Gros-Pietro, a margine del workshop Ambrosetti a Cernobbio. “Vorrei essere chiaro: noi non compriamo nessuna banca. Però, se dobbiamo mettere i soldi per coprire un buco e garantire la tutela dei depositanti – e vogliamo farlo – vogliamo vedere come questi soldi vengono spesi”.

.

“Sulle architetture non mi pronuncio. Non è la nostra banca che gestirà questo processo, saranno la Vigilanza nazionale e sovranazionale a dirci cosa bisogna fare”.

.

Intesa Sanpaolo è dunque pronta a intervenire per il salvataggio di Banca delle Marche, Banca Etruria e CariFerrara (tutte commissariate), ma non intende acquisire nessuna di esse.

.

“Certamente noi non interverremo nella gestione. Quando dico che vogliamo vedere come vengono spesi i soldi non intendo dire che lo faremo in modo diretto: lo farà il fondo interbancario con i suoi strumenti e con i suoi organi di governo”. E sull’entrata in vigore del bail in: “L’idea è che anche in questo caso i depositanti debbano stare tranquilli, ma non si può pensare che i problemi creati dalle banche mal gestite si riversino sulle banche che invece si sono comportate bene, quindi è chiaro che si dovrà sviluppare un meccanismo nel quale coloro che prendono l’onere di tutelare i depositanti delle banche mal gestite abbiano anche il potere per fare quello che è necessario per contenere al minimo il danno”.

 
http://www.wallstreetitalia.com

 

Annunci

23 pensieri su “Riflessioni Personali…….perchè il Potere pensa siamo degli scemi?

  1. Perversione pura… Ma è anche chiaro che questo costituisce un altro tassello di quella costruzione che, già con l’introduzione della moneta elettronica, prevedeva l’asservimento dei ceti bassi e medi al dominio delle banche…
    Grazie infinite per la condivisione ed un caro saluto…

    Liked by 1 persona

    1. E’ una libertà apparente la nostra, siamo indotti a pensare ciò che loro vogliono noi pensiamo, se solo avessimo il beneficio del dubbio che ci farebbe chiedere se l’informazione fosse vera informazione, saremmo meglio avvantaggiati nel formarci opinioni personali, evidentemente al Potere fa comodo avere una massa di “sudditi” scarsamente dubbiosa. C’est plus facile….
      Un abbraccio caro Silviatico

      Liked by 3 people

      1. Si è anche felici di esser sudditi, felicissimi di inchinarsi a tappetino: ho negli occhi l’immagine di una giornalista televisiva che chiedeva, al giovane rampollo dei miserabili Savoia alcuni anni fa, se doveva chiamarlo principe. Esempio di come la sudditanza sia nell’animo un sentimento ancestrale, colpisce anche quando ci si dovrebbe sentire democratici……..Abbraccio ricambiato di cuore, carissimo nico…..

        Liked by 2 people

  2. Se è vero che le banche italiane possiedono il debito pubblico dello Stato in misura di svariate decine di miliardi di euro, appena una dovesse fallire, prima ancora dei risparmiatori, sarebbero le casse dello Stato a subirne il contraccolpo.
    Quindi lo Stato ha tutto l’interesse a mantenere la solidità di tali banche e in definitiva dell’intero sistema. Ecco perché non vi sono praticamente ingerenze statali nelle politiche adottate dalle banche e anzi esse usufruiscono di provvedimenti a salvaguardia.
    Fra cui quello di eliminare il denaro circolante per far sì che rimanga nelle disponibilità degli istituti di credito. Ciò significa che le transazioni migrano verso il mondo virtuale e usufruiscono di meccanismi di compensazione tra creditore / debitore in forma puramente elettronica.
    Così le banche hanno la liquidità e non rischiano il tracollo e lo Stato dorme un sonnellino tranquillo in più.
    Tutti i sistemi fondati sulla sola carta (vedi i derivati dei subprime)
    prima o poi però devono venire al pettine. Sta ai governanti di paesi industrializzati ad evitare che la resa dei conti arrivi.
    Come? Spremendo il cittadino, è ovvio. E sottraendogli il denaro, in tutti i modi possibili.

    Liked by 1 persona

    1. E’ esattemente cosi Piero, non debbo aggiungere nulla se non un pensiero di Marcuse sul fatto che ognuno di noi deve sforzarsi di dare il meglio di sè.

      “Io sono consapevole, del tutto consapevole di far parte del sistema e cerco di cavarne il meglio possibile usando la libertà di cui dispongo per dare il mio contributo ad un miglioramento ed avanzamento dell’attuale situazione.”
      Herbert Marcuse

      Ciao Piero, grazie per i tuoi commenti sempre molto lucidi…

      Liked by 1 persona

    1. Cara Viki, l’informazione è sempre parziale e pilotata, prodotta per essere “inferita” senza controindicazioni, non tutti sanno che soltanto 14 dei 120MLD di euro di evasione è prodotta dagli autonomi, il resto è imputabile ai grandi gruppi bancari finanziari e industriali, mentre la corruzione politica arriva a 80 MLD di euro.
      La differenza è sostanziale, il piccolo autonomo evade quel poco per poter mangiare, il politico che già guadagna molto, si fa corrompere per…..ingrassare!!
      Una bella differenza…
      Kisses…

      Liked by 1 persona

    1. Sem hai citato il titolo di un film che tutti dovrebbero vedere “too big to fail”, perchè narra la cruda realtà degli accordi sotterranei fra politica e finanza…..un mondo a noi ancora per poco sconosciuto.
      Ottimo e pertinente commento.
      Ciao….

      Mi piace

    1. Grazie a te Pietro, occore essere sempre informati su questi processi di impoverimento legalizzati, il cittadino che deposita il suo risparmio in banca, dando modo a questa di speculare in borsa, è meno difeso dall’eventuale collasso della banca stessa.
      Viviamo in un mondo che procede al contrario e non ce ne vogliamo accorgere.
      Ciao carissimo….

      Liked by 1 persona

    1. Buondì Dora, siamo continuamente calpestati, sopraffatti, derisi e ridotti a sciocchi cittadini che nulla devono sapere di quello che succede nei palazzi del potere….intrighi, accordi sottobanco e promesse da marinaio.
      Siamo davvero degli ingenui se continuiamo a credere loro….altrochè!!
      Una radiosa giornata di serenità ti accolga a braccia aperte….. 🙂

      Mi piace

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...