Camillo Berneri


 

 

“L’anarchia non è una favola romantica, ma una testarda constatazione, basata su cinquemila anni di esperienza, che non possiamo affidare la gestione delle nostre vite a re, preti, politici, generali, e commissari provinciali.” (cit.)

 

 

berneri1

 

 

 

Agnosticismo di Camillo Berneri.

 

 

L’agnostico non nega né afferma Dio, quindi non dà ragione né all’ateo né al teista. Ad imbrogliare le cose viene il fatto che vi è un agnosticismo religioso che ammette l’esistenza di Dio, ma nega sia possibile conoscerne razionalmente la natura. Vi è un agnosticismo cattolico, che ha le sue origini nel concetto dell’assoluta trascendenza divina; vi è un agnosticismo eterodosso, che assume denominazioni diverse (fideismo, autoritarismo, tradizionalismo, ecc.) ma ha per carattere costante la sfiducia nei poteri naturali e razionali di conoscenza religiosa; vi è un agnosticismo gnoseologico che fa discendere le proprie conclusioni da un’analisi generale dei poteri umani di conoscenza: vi è un agnosticismo naturalistico o panteistico che dallo studio scientifico dei fenomeni naturali giunge all’affermazione di un Pensiero incomprensibile, dì un Essere divino, inaccessibile e misterioso che si rivela nelle leggi direttrici dei mondo fisico e di quello psichico.

.

Si ritiene che sia provato che “dio è creatura del cervello umano” e l’idea di Dio un’accertata menzogna. Da ragazzo, quando leggevo Feuerbach, la cosa pareva evidente anche a me, ma poi più ho letto libri sull’origine e sull’evoluzione dei culti e più ho constatato sappiamo ben poco tanto sull’origine delle religioni quanto sulla loro evoluzione.
Parlare di natura fenomenica dell’idea di Dio ha, in filosofia ben poco senso, dato che non conosciamo che l’aspetto fenomenico di quella idea e non la natura di essa: natura che per essere scoperta richiederebbe fosse scoperto che cosa sia il pensiero. Dire che Dio è creatura del pensiero umano è dare come dimostrato che il pensiero è un prodotto del cervello: cosa che non è ancora dimostrata.
Concludendo: l’ateo non è necessariamente un fanatico, ma lo diventa ogni qualvolta vuole dimostrare con pretese prove l’inesistenza di un ente la di cui esistenza od inesistenza non è sostenibile che in sede dì pura metafisica.”

 

Camillo Berneri (anarchico)

Annunci

7 pensieri su “Camillo Berneri

  1. Ciao, secondo te sarebbe più corretto dire “anarchia” o “anarchismo”?
    Per quanto riguarda l’agnosticismo… io sono molto più approssimativo di Bernieri: per spiegare qualcosa che non capisco (il Mondo e l’Uomo) dovrei ricorrere a qualcosa che capisco ancora di meno, anzi, è “inspiegabile per definizione”? No, non fa per me… (Tratto da “Agnosticism for dummies” di Sem).

    Liked by 2 people

    1. Dai Sem, sai benissimo la differenza tra uno stato di cose e una filosofia che racchiuda varie teorie, comunque sia sul mio blog c’è un bellissimo articolo a firma lylitu che spiega benissimo cosa si intende per anarchismo, questo il link
      https://poesiacultura.wordpress.com/2015/07/23/lylitu-anarchismo/

      ….per quanto riguarda il non capire deterrminate definizioni assolutistiche non voglio rifarmi alla fenomenologia della religione perché mi è difficile “capire” e di conseguenza interpretare i fondamenti epistemici delle stesse, ove esistano, chiaro.
      Buona serata Sem 🙂

      Liked by 1 persona

    2. chi potrebbe spiegartelo meglio di Errico Malatesta ” L’anarchia è l’ideale che potrebbe anche non realizzarsi mai, così come non si raggiunge mai la linea dell’orizzonte, l’anarchismo è il metodo di vita e di lotta e deve essere dagli anarchici praticato oggi e sempre, nei limiti delle possibilità, variabili secondo i tempi e le circostanze.” (Repubblicanesimo sociale e anarchia – 1922)
      per quello che invece riguarda l’agnosticismo, trovo che sia perfettamente spiegato nella Treccani “Termine coniato dallo zoologo inglese Th.H. Huxley nel 1869 (dal gr. ἂγνωστος «sconosciuto») per indicare l’atteggiamento di coloro i quali ritengono irrisolvibili i problemi metafisici e religiosi, dal momento che questi oltrepassano il mondo dei fenomeni e pertanto non possono essere oggetto di una conoscenza valida (cioè raggiunta tramite il metodo delle scienze positive). Tale atteggiamento – in cui si riconoscerà pubblicamente Darwin – troverà la sua più chiara espressione nei Sette enigmi del mondo (1880) del fisiologo tedesco É. du Bois-Reymond, secondo il quale alcune grandi questioni (tra cui l’essenza della materia e della forza, l’origine del movimento, la libertà del volere) sono destinate a rimanere senza risposta. Di fronte a esse il pensatore non può che ribadire: ignoramus e ignorabimus.” Ritengo, pertanto, in maniera assolutamente personale, che qualsiasi tentativo di associare “scuole di pensiero filosofico” all’agnosticismo sia, oltre che vano e dispersivo, assolutamente risibile, in quanto il concetto fondante dell’agnosticismo, la “non conoscibilità”, è l’unica condizione di esistenza e definizione dell’agnosticismo stesso; ogni altro atteggiamento che tenti comunque di dare una spiegazione – e quindi una “conoscibilità” – significa snaturare l’agnosticismo e dunque, di conseguenza, trasformarlo in un’altra cosa (che poi ognuno chiama come vuole…)
      buona giornata a tutti, ragazzi..

      Liked by 2 people

  2. Ho sempre pensato che l’anarchia sia inerente l’ideologia, mentre anarchismo è il movimento per praticarla.
    Non avevo letto nulla di Berneri, grazie per averne pubblicato un estratto, che condivido appieno.
    La mia tesi di laurea affrontava anche il concetto del divino, se qualcuno volesse leggerla, nonostante sia ripetitiva e ne occorra una riscrittura, può trovarla qui: http://www.barnabe-restauri.it/tesi.html.
    ciao

    Liked by 3 people

    1. Ullalà Pietro, un bellissimo regalo il tuo, ho fatto un copia incolla del link della tua tesi, l’ho memorizzato e quanto prima leggerò tutta la tua tesi dove ho già intravisto delle cose interessantissime….perchém come disse Seneca, se non fossimo curiosi di scoprire, nulla scopriremmo oltre quello che già sappiamo…
      “Numquam…invenietur si contenti fuerimus inventis”

      Tu quindi, sei ancora tutto da scoprire….

      Grazie infinite Pietro 🙂

      Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...