Percy Bysshe Shelley


 
“Alcuni autori confondono società e governo al punto che fra l’una e l’altro non rimane alcuna distinzione, o ne rimane una ben lieve, mentre al contrario essi non solo sono diversi, ma hanno anche diverse origini. La società nasce dai nostri bisogni, il governo dalla nostra malvagità; la prima promuove la nostra felicità positivamente, unendo i nostri affetti, il secondo negativamente, tenendo a freno i nostri vizi. L’una incoraggia i rapporti fra gli uomini, l’altro crea distinzioni. La prima protegge, il secondo punisce. La società è, in ogni caso, un grande bene, ma il governo, anche nel caso migliore, è soltanto un male necessario, e nel caso peggiore un male intollerabile; perché quando soffriamo o siamo esposti da un governo alle stesse miserie che potremmo aspettarci di dover sopportare in un paese senza governo, la nostra sofferenza è acuita dalla riflessione che noi stessi formiamo i mezzi della nostra oppressione. Il governo, come il vestito, è il simbolo dell’innocenza perduta; i palazzi dei re sono costruiti sulle rovine delle campestri dimore del paradiso”.

 

William Godwin (filosofo anarchico)

 

 

 

shelley2

 

 
… l’atroce maschera è caduta, l’uomo rimane
senza scettro, libero, non circoscritto, ma uomo
eguale, senza classi, senza tribù né nazioni,
esente da timore, culto, grado, re
di se stesso; giusto, benigno, saggio: ma uomo
senza passioni? no, ma tuttavia libero da colpa e dolore,
che esistevano perché la sua volontà li creava o tollerava,
non però esente, pur dominandoli come schiavi,
dalla sorte, dalla morte e dalla mutabilità,
pastoie di un essere che altrimenti potrebbe librarsi piu alto
della piu alta stella del cielo inasceso
alta sul culmine del profondo vuoto.

 

 

 

The loathsome mask has fallen, the man remains
Sceptreless, free, uncircumscribed, but man
Equal, unclassed, tribeless and nationless,
Exempt from awe, worship, degree, the king
Over himself; just gentle, wise, but man
Passionless? – no, yet free from guilt or pain,
Which were, for his will made or suffered them,
Not yet exempt, though ruiling them like slaves,
From change, and death, and mutability,
The clogs of that which else might oversoar
The lofties star of unascended heaven
Pinnacled deep in the intense inane.

 
Percy Bysshe Shelley

Annunci

12 pensieri su “Percy Bysshe Shelley

  1. Non mi sento di essere d’accordo, soprattutto nei tempi in cui viviamo la società non sempre promuove la nostra felicità, unisce i nostri affetti e incoraggia i rapporti tra gli uomini, direi tutt’altro purtroppo, basta vedere i quotidiani fatti di cronaca.
    Buona serata Nico 🙂

    Liked by 1 persona

            1. …penso che dovremmo aprire gli occhi e renderci conto che questa non è realtà ma un’apparenza reale della stessa, sta a noi recuperare valori come umiltà, solidarietà, altruismo, legalità e senso civico……ci sarà molto da fare da quel che vedo.
              Una dolce serata per te Silvia……

              Mi piace

  2. Permettimi (o scusami) un’apparente divagazione sull’onda del fatto che oggi il nostro governo italiano e i nostri governatori parlano tanto di educazione e cultura come mezzi per rifondare il sociale, e di lì con un mare di riforme, ma…
    Trovo importante quanto dice Godwin in questi passaggi, ma mi chiedo: e noi? dove e come andiamo?

    <>

    Liked by 1 persona

    1. Ti sei lasciata colpire dalla scritto di Godwin e non dalle strofe di Percey, che tra l’altro era allievo di Godwin, ed hai fatto bene, perché la parte più “politica” del pensiero di come dovrebbe essere una società strutturata con un governo che sia espressione di tutte le classi sociali e che per le stesse provveda alla risoluzione delle loro necessità.
      E’ sempre cosi? Visto l’andazzo politico degli ultimi anni nel nostro paese, ritengo sia superfluo rispondere.
      Grazie Dora per la tua acutezza intellettuale… buon pomeriggio 🙂

      Liked by 1 persona

      1. beh, sai, solitamente certi versi amo recepirli senza allungarci l’ombra di una mia parola. Questo era uno dei casi. Poi un commento mirato avrebbe interferito (poco delicatamente e impropriamente) con la connessione ‘come’ l’avevi tu proposta tra Godwin e Shelley (bravo a riportare anche la lingua e l’andamento originale)
        buon sabato sera Nico

        Liked by 1 persona

  3. scusate saltarono citazioni…
    Trovo importante quanto dice Godwin in questi passaggi, ma mi chiedo: e noi? dove e come andiamo?

    “The state of society is incontestably artificial; the power of one man over another must be always derived from convention of from conquest; by nature we are equal. The necessary consequence is, that government must always depend upon the opinion of the governed. Let the most oppressed people under heaven once change their mode of thinking, and they are free…. Government is very limited in its power of making men either virtuous or happy; it is only in the infancy of society that it can do any thing considerable; in its maturity it can only direct a few of our outward actions. But our moral dispositions and character depend very much, perhaps entirely, upon education. (1783)

    The most desirable mode of education… is that which is careful that all the acquisitions of the pupil shall be preceded and accompanied by desire… The boy, like the man, studies because he desires it. He proceeds upon a plan of is own invention, or by which, by adopting, he has made his own. Everything bespeaks independence and inequality. (1797)”

    Liked by 1 persona

    1. ….infatti è solo agli inizi che in una società, si possono fare le giuste regole per gestire al meglio la socializzazione fra uomini, mentre nella sua maturità, può gestire solo alcune delle nostre azioni esteriori, senza poter mettere mano all’aggiustamento che si dovrebbe ritenere necessario per una più equa e solidale uguaglianza sociale.
      Ciao..

      Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...