Erich Fromm


 

idealismo

 

 

 

Uomo ideale o uomo idealista?
“Affermare che l’uomo non deve essere soggetto a qualche cosa di superiore a lui non significa negare la dignità degli ideali. Ci costringe però ad un’analisi critica di che cosa è un ideale. Oggigiorno si dà di solito per scontato che un ideale è un qualsiasi fine il cui perseguimento non implichi un guadagno materiale, una qualsiasi cosa per la quale una persona sia pronta a sacrificare dei fini egoistici. Questo è un concetto puramente psicologico, e anzi relativistico, dell’ideale.

 

Da questo punto soggettivistico un fascista, che è mosso da un desiderio di subordinarsi a un potere, e nello stesso tempo di sopraffare gli altri, ha un ideale proprio come lo ha l’uomo che si batte per l’eguaglianza e per le libertà umane. Su questa base il problema degli ideali non può in alcun modo essere risolto. Tutti i veri ideali hanno un elemento in comune: esprimono il desiderio di qualche cosa che non è ancora realizzato, ma che è desiderabile ai fini dello sviluppo e della felicità dell’individuo. Abbiamo visto che l’intenso desiderio di una attività incessante era radicato nella solitudine e nell’ansietà.

 

Quali sono questi impulsi? il più importante di tutti appare la tendenza a crescere, a sviluppare e realizzare la possibilità che l’uomo ha maturato, in sé nel corso della storia, come, ad esempio la facoltà di pensare in modo creativo e critico e di avere esperienze emotive sensuali differenziate. Ci sono bisogni imperativi che debbono venir soddisfatti prima di ogni altra cosa. Quando solo dopo la soddisfazione dei bisogni primari restano all’uomo tempo ed energia, la civiltà può svilupparsi e con essa quelle aspirazioni che accompagnano i fenomeni dell’abbondanza. Le azioni libere (o spontanee) sono sempre fenomeni di abbondanza.”

 

 

Erich Fromm

Annunci

Un pensiero su “Erich Fromm

  1. Finché l’ideale (per quanto l’uomo si dichiari dedito al bene collettivo) si muove nella dimensione dell’ “avere” quale appropriazione del reale (forse a superare un sentimento di debolezza e inferiorità legato anche alla soddisfazione dei propri bisogni, certo), si resta imbrigliati nella pretesa di un dominio sulle cose, dominio che, fuori da ogni ordine generalmente vantaggioso, è in realtà propenso a diventare esercizio di potere fine a se stesso, supremazia sul reale e sulle persone, con la conseguenza anche di fanatismi, coi regimi totalitaristici, con sistemi mercantilistici d’accumulazione di ricchezze piuttosto che di condivisione. Non so se sto dicendo qualcosa di corretto, è un mio pensiero a cielo aperto. Se l’ideale, invece, si apre allo sguardo ‘critico’ dell’individuo, se è consapevolezza che nel momento in cui poniamo delle direzioni possibili e auspicabili facciamo i conti con una dimensione mobile che tocca esseri viventi in relazione sociale… Ogni sistema nella sua idealità ha probabilmente delle necessità primarie da soddisfare che non sono esclusive di una persona (per quando debbano soddisfare ogni persona), e non può fondarsi, in questo senso su una superiore visione applicabile al reale, ma ha da accendere una sensibilità ecologica. Non so se riesco a esprimere il pensiero. Poi l’ ‘abbondanza’… interessante, appunto, che non sia connessa all’accumulazione, a una soddisfazione oltre bisogno vitale, ma al porre ognuno in condizione di dare, una volta soddisfatti i bisogni dell’ ‘avere esistenziale’. Dare ed espandere le proprie potenzialità e quelle della convivenza e… mi fermo… Ah scusate, la manifestazione burrascosa del pensiero… Non me ne voglia anche Fromm…
    buona giornata a tutti

    Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...