Riflessioni Personali…….musica e storia!


musica e storia.

 

Mi Ricordo: l’Italia di fine 1977.

.

Nell’Italia violenta del 1977 , dove ogni giorno sui giornali appariva il resoconto di un bollettino di guerra, poteva anche capitare che un Generale di Corpo D’Armata potesse esplodere con il suo elicottero poco dopo il decollo da Catanzaro, era Enrico Mino, classe 1915. Il generale in questione, dopo la fuga di Kappler (avvenuta in agosto dall’ospedale militare del Celio a Roma) era rimasto molto amareggiato, soprattutto perché la sorveglianza era stata affidata ai suoi carabinieri.
Il 16 agosto, giorno successivo a quello dell’evasione, rassegnò le proprie dimissioni che furono respinte. Come tutti sappiamo, l’ex ufficiale tedesco aveva attaccato alla porta della sua camera il cartello “non disturbare fino alle dieci di domattina” e i carabinieri avevano rispettato le sue decisioni. Fu così che dopo un po’ – booom! – il generale Mino morì nell’esplosione sull’elicottero. Cosa c’è di strano? Spesso succede che gli elicotteri esplodano in volo. Non li avete mai visti? Strano!

Sul versante sociale tra ottobre e novembre dello stesso anno gli attentati rivendicati dalle BR, da Prima Linea e altri gruppi non sono meno di 56, senza considerare le bravate cosiddette minori tipo autobus incendiati, atti di vandalismo, aggressioni a persone etc. Il primo periodo degli anni di piombo è caratterizzato dalla pressoché esclusiva presenza dei gruppi di destra. Il peso di codesta attività tra il 1969 e il 1975 è del 95%, 85% nel 1974 e 61% nel 1975.
Per tutto il periodo che va dal 1976 al 1982 il colore politico predominante fu il rosso. Le sigle di sinistra che rivendicheranno gli attentati sono oltre 24. Molto di più quelle di destra (120 sigle attive tra il 1969 e il 1982). In questa tristissima gara, “vinsero” le BR con 494 attentati. Alla fine dei giochi a rimetterci le penne furono 1119 persone colpite.

.
In tema musicale, la canzone “Quando sarai grande” di Edoardo Bennato, rimase nella Hit Parade dei migliori 45 giri, per 8 settimane al 2° posto.

 

 

Quando sarai grande

Il vuoto e poi
ti svegli e c’è
un mondo intero
intorno a te.
 
Ti hanno iscritto
a un gioco grande
se non comprendi
e se fai domande
 
Chi ti risponde
ti dice: è presto
quando sarai grande
allora saprai tutto
 
Saprai perché, saprai perché
quando sarai grande
saprai perché…
 
E allora osservi
gli altri giocare
è un gioco strano
devi imparare
 
Devi stare zitto
solo ascoltare
devi leggere più libri che puoi
devi studiare
 
E’ tutto scritto
catalogato
ogni segreto
ogni peccato
 
Saprai perché, saprai perché
quando sarai grande
saprai perché…

Edoardo Bennato

Annunci

13 pensieri su “Riflessioni Personali…….musica e storia!

  1. Altri tempi, vien da dire, in modo assai banale. Eppure i tempi non sono mai banali. Ed oggi bastano pochi individui mascherati per scatenare un inferno di dichiarazioni e contumelie, come ad esorcizzare il pericolo che possano tornare proprio quei tempi. Ma qualcuno ha detto, mi pare, che la Storia non si ripete mai, se non in farsa.
    Solo che la farsa che viviamo oggi è anch’essa molto sanguinosa e vede attori diversi per scenari sostanzialmente diversi, ma con sempre per obiettivo la libertà degli individui ed il loro diritto a decidere del proprio futuro…
    Grazie per la citazione dello splendido Bennato

    Un carissimo saluto e l’augurio per una serata delle migliori.

    Liked by 4 people

    1. Caro Silviatico, non so spiegarlo, ma a volte ho degli improvvisi flashback che mi riportano indietro nel tempo facendomi rivivere scene che dire incivili sarebbe molto ma molto limitativo e comunque non efficacemente descrittivo di quegli anni.
      Siamo esseri umani dotati di quel dono che attesta la nostra diversità dal mondo animale, abbiamo la ragione e con essa tutto il corollario annesso, iniziando dal pensiero e terminando con il ricordo.
      Molti filosofi, partendo da Agostino da Ippona per arrivare ad Heidegger, hanno spiegato e specificato che esiste solo il tempo “presente” senza passato ne futuro, eppure io penso, ciò che crea esperienza e relativa saggezza è il tempo passato che ritorna con il “ricordo”.
      Ecco quindi l’importanza di ricordare, ricordare per non ripetere gli stessi errori ma anche per riconoscere quelli degli altri in modo da avere un po alla volta, un mondo migliore.
      Ma si sa, cambiano le persone ma non gli obbiettivi da raggiungere, il potere per noi e la negazione del diritto alla vita, per gli altri
      Non a caso, ho ricordato una pagina di storia comune di quegli anni eppure oggi molto attuale, in pochi gestiranno il comando, mentre tutti gli altri obbediranno a quel comando.
      Eppure basterebbe “ricordare” per poter cambiare, ma si sa, pensare richiede fatica ed impegno, fatiche che non siamo più in grado di sopportare.
      Sempre un piacere avere un tuo commento perchè sei lustro per il mio blog..
      Ti abbraccio carissimo amico, una felice serata a te

      Liked by 3 people

      1. Avevo replicato al tuo bel commento con mie riflessioni sul tempo passato e su come questo dovrebbe agire in noi.
        Mi è stato “rubato” .
        Riscriverò qualcosa.
        Ora non ho tempo.
        Proprio bello leggerti, Nico.
        gb 🙂

        Liked by 1 persona

  2. “Saprai perché, saprai perché
    quando sarai grande
    saprai perché…”
    Allora io non sono ancora grande…

    Grazie per tutto ciò che hai proposto, hai scritto, Nico
    Oh, un senso di impotenza mi prende

    Buon sabato
    gb

    Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...