Alfred Adler….il Senso della Vita.


Se la vita è movimento ed il movimento presuppone una direzione verso una meta, allora il senso della vita non può che essere interpretato come un processo volto al superamento di una condizione di inferiorità, limitazione e insicurezza, percepita ogniqualvolta un ostacolo si frappone al raggiungimento dell’obiettivo. Alfred Adler, quindi, sovvertendo la visione scientifica tradizionale che ricerca prevalentemente le cause dei comportamenti, si volge, invece, ad esplorare la mente ideatrice di un piano di vita, solo in parte cosciente, soffermandosi sulle strategie messe in atto per raggiungere il fine ultimo: la condotta umana viene considerata come una proiezione del Sé nel futuro piuttosto che come esito di eventi preesistenti.

Buona lettura!

 

adler1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Senso della vita

 

“Ci sono tanti significati dati alla vita quanti sono gli esseri umani … forse ognuno di questi contiene un margine variabile di errore … qualsiasi significato che sia anche minimamente utilizzabile non può essere definito completamente sbagliato”. Ciascuno, in modo originale e creativo, inconsapevolmente, definisce quello che ritiene essere il “suo” senso della vita (fama, danaro, stabilità familiare, …); ciò che accomuna gli intenti di tutti gli uomini è il “successo”, cioè il superamento del sentimento d’inferiorità (qualsiasi senso abbia l’inferiorità).
L’aspirazione alla superiorità è la “gara”, che l’individuo indice con se stesso per elevarsi verso la perfezione, riferimento ideale verso cui si tende, ma che è umanamente irraggiungibile. Dietro ogni attività umana c’è una forza fondamentale di base, una spinta da una situazione di minus a una situazione di plus, da un sentimento d’inferiorità a uno di superiorità, perfezione, completezza.
Nel movimento ascensionale dal basso verso l’alto, assume un’estrema importanza il “pensiero antitetico”, quel tipo di percezione basato sugli opposti (alto/basso, forte/debole, maschile/femminile, …) che segna i limiti del percorso.
Per rendere comprensibile il processo evolutivo occorre, però, fornire dei punti di riferimento e tracciare delle coordinate che consentano di rappresentarlo in modo concreto ed operativo; questi punti di riferimento vengono rappresentati nei cosiddetti tre “compiti vitali”: la famiglia, il lavoro, le relazioni sociali.

.

 
La famiglia è il primo nucleo sociale in cui la persona si confronta con altri soggetti diversi da sé. Compito della famiglia è preparare il bambino alla vita sociale; il ruolo centrale è affidato alla madre, o alla figura che la rappresenta, che ha il duplice incarico di educare il bambino alla cooperazione ed avviarlo alla socialità insegnandogli ad interagire col padre e con i fratelli. Al padre, o a chi per lui, spetta l’impegno di formarlo circa i tre compiti vitali trasmettendogli l’amore per il lavoro, per la famiglia ed il rispetto per la madre, per i fratelli e per gli amici.
Nell’interazione con i fratelli e con i coetanei, il bambino apprende le regole del gioco della vita fatto di momenti di dominio, che si alternano a momenti di sottomissione, e collaborazioni più o meno facili da realizzare; ciascuno, poi, a seconda dell’ordine di nascita, sperimenterà il rispetto per i fratelli maggiori, la disponibilità con i più piccoli, la tolleranza nei confronti di coloro che sono più problematici.
 
La rete delle relazioni che si strutturano all’interno della famiglia, secondo caratteristiche specifiche per ciascun nucleo, è definita “costellazione familiare” proprio per sottolineare il carattere di interdipendenza che influenzerà, significativamente, lo stile di vita di ognuno dei suoi membri. All’interno della famiglia si acquisiscono, quindi, regole e principi che, integrati poi dalle esperienze che si andranno ad effettuare nel corso della vita, rappresentano il sistema di valori di ciascun individuo. La capacità di collaborare/cooperare, assimilata in seno alla famiglia di origine, si esplicherà anche nella relazione con l’eventuale nucleo familiare acquisito con il matrimonio o la convivenza.

.
 
Il lavoro è un altro importante ambito in cui si realizza la capacità di cooperare ed è un’occasione per valorizzare le doti di ciascuno; inoltre, la suddivisione del lavoro garantisce, attraverso le specializzazioni, la soddisfazione dei bisogni della comunità. Nella scelta della professione, grande importanza è attribuita all’opera della scuola che deve saper riconoscere le attitudini di ciascuno ed incoraggiarne la realizzazione. Impegno e responsabilità nella professione sono sempre indici di un buon sviluppo psichico e di maturità personale; il lavoro si attesta, così, anche la possibilità di divenire occasione per educare o rieducare soggetti socialmente instabili. Una vita con buone e ricche relazioni sociali ed affettive è segno di sviluppo armonico della personalità; al contrario, l’isolamento, gli atteggiamenti ipercritici, oppositivi o polemici, denunciano un disturbo nella relazione con il mondo e la realtà. Il sentimento sociale, in quanto parametro per la valutazione della capacità di “percepire” correttamente gli altri, è criterio per misurare anche la “salute” psichica: solo chi sa collaborare, dimostra di possedere un buon giudizio di sé, del mondo e della realtà.

.
Se lo scopo individuale del vivere è evolvere ed ogni individuo è, per la sua natura sociale, strettamente connesso con le altre individualità, l’evoluzione individuale diviene origine e propulsione per l’evoluzione sociale. D’altra parte, un buon criterio per verificare la validità di un’azione è il suo effetto sulla società: tutto ciò che è socialmente utile è positivo, ciò che conduce vantaggio al singolo, a discapito della collettività, è dannoso proprio perché privo dello spirito di solidarietà”.
 

Alfred Adler

Annunci

12 pensieri su “Alfred Adler….il Senso della Vita.

  1. “Il sentimento sociale, in quanto parametro per la valutazione della capacità di “percepire” correttamente gli altri, è criterio per misurare anche la “salute” psichica: solo chi sa collaborare, dimostra di possedere un buon giudizio di sé, del mondo e della realtà.”
    E la chiusa dello scritto finisce con il parlare dello spirito di solidarietà…
    E che cosa posso io aggiungere a quello che qui si legge e che dice già “tutto”?
    Posso solo continuare a riflettere sempre di più.
    Grande grande Adler… dal linguaggio “semplice”.

    Grazie, caro Nico.
    Un sorriso sorridente
    gb

    Liked by 1 persona

    1. Ciao dolce Gelso, è davvero una bella riflessione questo scritto di Adler, chissà in quanti lo avranno percepito come un messaggio di solidarietà umana, perché quello che conta è sempre il modo con cui ci rapportiamo con gli altri, amore, dolcezza e sentimento, da usare in special modo con i più “deboli”
      Grazie per la sensibilità mostrata.
      Ciao Gb 🙂

      Mi piace

        1. ..benvenuta Enza, piacere di averti in questo blog, dai pochi commenti che hai lasciato, sono sicuro che avremo un bel confronto sui temi più svariati….
          Grazie per i contributi che lascerai qui…..
          Grazie di cuore… 🙂

          Liked by 1 persona

          1. Grazie a te Nico, di avermi accolta nel tuo spazio. Sarà per me un piacere dialogare con te e i tuoi lettori. Devo ancora far pratica con l’uso del blog, son su WP da pochissimo, quindi scusatemi se faccio qualche pasticcio nelle risposte e nei like 🙂

            Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...