Grethe Garbus (white venus)


 

Quella sotto non è una poesia, non è un racconto, non è un componimento letterario, è solo un pensiero fugace tramutato all’istante in scrittura, opera di una mente sopra le righe.

 

grethe garbus (white venus)
Grethe Garbus (white venus)

 

Entro l’Attimo che leggo entro il suo corpo, divento tutta Lei, le bacio coi denti il Cuore, le tocco con la punta delle Unghie i suoi Pensieri, sfioro la nudita’ della pelle Sotto, dall’Interno vagina.
Sotto l’Iride, m’acceca la Luce che brucia il profumo dei Fiordalisi, il rosso del sangue a tinger Papaveri colti la notte di Van Gogh ad impressionar le Tinte ed i Profumi del tuo Corpo, le misure perfettamente morbide ed equilibrate come braccia di Bilancia.
Non saprai mai che un poco del tuo Canto, mi risuona nella voce, come lo spumeggiar del Mare entro la Conchiglia.
” La tua pelle ‘ è morbida” dicesti: ” la mia brucia dall’Interno; non so come ma è così”.
Finsi noncuranza, ma sapevo qual Differenza ci connotasse: Tu m’amavi, io forse…
Eri tenera e discreta nel Carezzar le natiche, i fianchi, l’incavo dell’inguine, il ventre, i seni.
Spesso t’addormentavi abbracciata come una bimba all’orsacchiotta Polare, per scaldar il cuore con un Ghiacciolo.
Era bello dimenticare il mondo, entro di Te, insinuarmici entro le piu’ recondite Ritrosie femminili.
T’Intrigavo, insidiavo, Vincevo.
Spesso Violandoti, spingendoti ad oltre il Pianto, al superamento del tuo Vissuto.
Mi sopravviverai, forse vivrai , forse vivro’…
Entro di Te, per sempre.
Come un astro vuoto, un canto muto, una luce spenta, una sinfonia triste, una commozione Graffiata entro il tuo Corpo.
Ma Tu sarai il mio fattore Y, un albero con le braccia levate al Cielo ed i piedi Radicati entro la Natura, donde mi porgesti il Frutto della Vita.
Nessuno ti Togliera’ l’avermi Generata…
Poco importa se amante mai fui amata e tu Amante mai m’Amasti.
La dolcezza dell’Anima tua m’Incanta e per questo, questa notte Canto entro il Sorriso ed il Centro del tuo Sole che Cogliero’ stanotte,sulla punta della Lingua.
Sino alla Consunzione, arsa di Frescura e Venti pungenti di roseto della Passione, sola ad attrar Labbra e Spine.
Dolce cavita’ nera, anfratto a mare e rocce,umidi muschi e Licheni, profumi d’intenso.

 
Grethe Garbus (white venus) – Stockolm

Annunci

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...