Wilhelm Reich….l’energia Orgonica!


 

L’amore, il lavoro e la conoscenza sono le fonti della nostra vita. Lasciamo anche che la governino.    (Wilhelm Reich)

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 


Energia Orgonica e sessualità.

 

L’Orgonomia è la scienza che studia l’energia cosmica primordiale, pre-atomica, presente ovunque nell’universo: l’energia da cui deriva tutto ciò che vive. Il suo scopritore è stato il dott. Wilhelm Reich e il termine da lui coniato deriva dai termini orgasmo e organismo. Infatti, sono stati i suoi studi sulla funzione dell’orgasmo a portarlo alla scoperta dell’energia orgonica.

L’energia orgonica è l’energia vitale cosmica, la forza creativa fondamentale. Essa si differenzia da tutte le altre energie conosciute, che derivano dalla materia e che sono pertanto definite energie secondarie: elettrica, magnetica, nucleare, ecc. La scienza classica conosce solo queste ultime forme di energia e considera l’atomo come il costituente base della natura, mentre l’Orgonomia lo considera già come il prodotto di una specifica funzione dell’energia primordiale e cioè della Superimposizione, dove due o più correnti di energia si uniscono (come esempio si consideri la figura di una galassia a spirale a due o più bracci) e da cui si genera materia. Questa lettura inserisce l’unione sessuale di due organismi, l’atto che genera la vita, nel più ampio contesto di funzioni cosmiche.

Una seconda funzione basilare dell’energia orgonica è la Pulsazione. Osservabile facilmente nell’organismo vivente (pulsazione cardiaca, respirazione, ecc.), è presente anche a tutti i livelli della natura: cosmico e atmosferico. La Terra stessa pulsa.

 

 

stella

Specifica dell’organismo vivente è invece la terza funzione dell’energia orgonica: la Convulsione Orgastica. L’energia accumulata in eccesso dall’organismo, attraverso l’assunzione di alimenti, di liquidi, attraverso la respirazione e l’assorbimento diretto dell’energia cosmica e non completamente utilizzata per il suo normale funzionamento, si concentra nei genitali. Quando la tensione accumulata supera una certa soglia, i genitali si caricano energeticamente, e questo viene percepito come eccitazione sessuale (in termini orgonomici, l’organismo ha raggiunto il punto di luminazione).

Fin dalle prime ricerche Reich sostenne sempre che la maggior parte delle nevrosi mostrassero una particolare struttura stratificata e sviluppò in seguito l’idea che questi “strati” potessero avere una vera e propria connotazione fisica e ostacolassero il naturale fluire dell’orgone (energia) nell’organismo, alterando così il meccanismo naturale di carica/tensione e scarica/distensione. Le stratificazioni non necessariamente ostacolerebbero le funzioni genitali, ma porterebbero progressivamente all’impotenza sessuale, con la conseguente incapacità di liberare completamente l’energia in eccesso e di raggiungere una distensione completa, pur mantenendo la capacità di ottenere l’orgasmo fisico.

 

 

possesso

Secondo Reich la funzione erettile sarebbe la controparte meccanica dell’accumulo di energia orgonica, da cui la distinzione tra “orgasmo genitale” (l’eiaculazione) e “orgasmo sessuale” (la scarica di energia in eccesso). L’erezione sarebbe dovuta alla tensione meccanica prodotta dal naturale accumulo di orgone nell’organismo, per poi passare alla fase di massima tensione che si ha durante l’amplesso: la pratica dell’amplesso porterebbe l’organismo alla massima carica possibile fino al raggiungimento dell’acme sessuale, infine con l’orgasmo avverrebbe la scarica seguita dalla distensione.

La funzione dell’orgasmo, la prima e più importante scoperta di Reich, è quella appunto di scaricare completamente l’energia in eccesso e ciò avviene attraverso la convulsione orgastica. Solo attraverso questo atto si realizza la pulsazione unitaria dell’organismo e la naturale regolazione di tutte le funzioni bio-psico-emozionali.

La repressione della scarica orgastica produrrebbe l’accumulo (ovvero la mancata scarica) di una certa quantità di orgone. La parziale quantità di orgone così sfogata ricomparirebbe quindi distorta e sotto forma di pulsione secondaria ovvero una pulsione di carattere patologico. Questa a sua volta genererebbe un meccanismo causa-effetto stratificato, in cui ogni pulsione secondaria genererebbe a sua volta un’altra stratificazione per reprimerla, la quale avrebbe generato a sua volta una pulsione secondaria differente, e ogni pulsione secondaria ne avrebbe generato a sua volta di ulteriori. Una stratificazione sarebbe quindi divenuta la causa di ulteriori stratificazioni, l’insieme delle quali venne denominato “corazza caratteriale” o più semplicemente “corazza”.

La “corazza caratteriale” (orgone stagnante non scaricato) andrebbe abbinata alla “corazza muscolare” (tensioni muscolari fisiche): Reich sosteneva di poter comprendere dove si trovassero le tensioni muscolari dalla postura assunta dal paziente nelle sue azioni più semplici, e di potere così individuare almeno in parte la catena di pulsioni secondarie che costituivano la corazza per poi tentare di lavorarci sopra.

 

da: cosmicegg.org

 

 

Annunci

Un pensiero su “Wilhelm Reich….l’energia Orgonica!

  1. Una doccia, una mini e corro in Tangenziale o ad Arcore, a far il pieno di Orgone.
    Al limite, mi contento di un nano Orcone…
    Son un po’ giu’ di Ormone.
    Ci vorrebbe un Omone…

    Mi chiamo Org e vengo da Org(Ione).
    N’ano, n’ano, qua’ la mano…

    No, scherzo, è una cosa seria Reich.
    Wilhelm, non il Quarto…

    Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...