Riflessioni Personali…..dove ci sta portando questo Governo?


 

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

“Sono convinto che in un futuro, speriamo più vicino possibile, ci si chiederà con compassione ed incredulità come sia stato possibile che le decisioni fondamentali del nostro paese, e di molti altri, siano state sottoposte al vaglio ed al giudizio meticoloso di controllori esterni. Come sia stato possibile che un parlamento eletto, seppure con un sistema truffaldino, abbia accettato di rinunciare alla sua sovranità per delegarla ad autorità esterne non elette da nessuno. E soprattutto ci si chiederà come sia stato possibile che le decisioni sul lavoro, sulle pensioni, sulla sanità, sulla scuola, sul sistema produttivo, sulle stesse regole democratiche, siano state prese in funzione del giudizio su di esse da parte di sconosciuti burocrati installati e Bruxelles dalla finanza, dalle banche, dal potere economico multinazionale.

.

Ci si chiederà come sia stato possibile che le generazioni precedenti abbiano rinunciato a decidere sugli aspetti fondamentali della propria vita sociale, economica e politica, accettando il potere quasi assoluto di una entità astratta chiamata Europa. Entità astratta dietro la quale si sono nascosti gli interessi concreti delle élites economiche, delle classi più ricche e delle caste politiche e burocratiche di tutti paesi del continente. Tutte queste élites non avrebbero mai avuto la forza di imporre paese per paese, ognuna direttamente contro il proprio popolo, quella drammatica distruzione delle conquiste sociali e democratiche che oggi stiamo vivendo. Da sole non ce l’avrebbero fatta a smantellare la più importante conquista dei popoli del continente, il patrimonio storico politico che l’Europa avrebbe dovuto accrescere e contribuire ad estendere in tutto il mondo: lo stato sociale.

.

Un sistema che assegna diritti sociali, lavoro e reddito, casa, istruzione, salute, pensione, vita dignitosa e sicura, un sistema che assegna questi diritti alle persone per il solo fatto di essere cittadini dello stato. Oggi pare che anche questi diritti sociali fondamentali debbano essere conseguiti secondo il merito. Questa parola falsa ed ingannatrice, gran parte di coloro che la proclamano come nuova guida della società non meritano di stare là dove stanno, questa parola, merito, ha sostituito la parola diritto nella ideologia di regime. In fondo ci si deve meritare di vivere.

.

Lo stato sociale era stato sancito dalle costituzioni antifasciste del dopoguerra. Quelle costituzioni che, come la nostra, si erano date l’obiettivo non della semplice eguaglianza giuridica contenuto nei vecchi statuti liberali, ma quello della eguaglianza sociale. Eguaglianza da perseguire prima di tutto attraverso il potere pubblico, e poi con l’azione sociale diretta delle classi subalterne e dei popoli, che veniva costituzionalmente protetta. Questo sistema costituzionale non poteva piacere alla finanza internazionale. Nel 2013 la Banca Morgan aveva affermato in un suo documento ufficiale che le costituzioni antifasciste, con la loro marcata impronta sociale, erano un ostacolo verso il pieno dispiegarsi della controriforma liberista. Bisognava abbatterle e a questo è servito il nuovo mantra della politica senza alternative: lo vuole l’Europa!

.

La giustificazione lo vuole l’Europa, dietro la quale sono passate le peggiori sopraffazioni e ingiustizie sociali, ha quasi sostituito quella precedentemente abusata: lo vuole il mercato. Evidentemente quest’ultima era considerata non in grado di reggere. Un puro principio di interesse economico si logora, se non corrisponde agli interessi reali o confligge con essi . Il richiamo al mercato non bastava più, occorreva quindi una immagine più forte che in qualche modo comunicasse dei valori extra economici. Gramsci ha ben spiegato come il capitalismo abbia sempre bisogno di valori esterni alla pura logica del mercato , per giustificare la più feroce ricerca del massimo profitto.

.

Nel Medio Evo era con Deus vult, Dio lo vuole, che si giustificavano le sopraffazioni del potere. Laicamente ora si afferma che lo vuole l’Europa, ma i fini sono gli stessi che in quell’epoca apparentemente lontana.

.

Ogni volta che una lotta o un movimento sociale o politico acquisiscono la dimensione e la forza per confrontarsi con il sistema di potere, questi reagisce minacciando in nome dell’Europa. A questo punto finora abbiamo visto solo giustificazioni ed arretramenti che alla fine hanno indebolito o addirittura portato alla sconfitta quel movimento, quella lotta.

È giunto il momento di cambiare registro. Di fronte a quella minaccia si deve avere la forza di rispondere: che l’Europa vada al diavolo.

 

Giorgio Cremaschi  (FIOM)

Annunci

15 pensieri su “Riflessioni Personali…..dove ci sta portando questo Governo?

  1. Il pericolo reazionario si presenta sempre in molte forme. La più classica è il manganello (vedi nazifascismo) ma è anche vero che se usi il manganello, alla fine la gente si ribella (vedi Antifascismo e Resistenze). Le classi dominanti hanno imparato a dominare (da quasi sempre), mediante la finanza…un’oppressione subdola che pochi, tutt’ora, sentono.
    Io sono fiducioso comunque, nonostante tutto questo marciume. Come dico e scrivo sempre, non si può andare avanti così.

    Buongiorno!

    Liked by 2 people

    1. Certo che no.
      Passeremo dai due femminicidi al giorno, a venti, dai 30.000 euro di debito pubblico procapite a 300.000, cascheranno di abbandono le dimore, i campi inselvatichiranno, i Topi ci roderanno le Orecchie nel sonno…
      Non piovera’ per sempre , di certo Grandinera’.
      I Morti non si conteranno, così le Epidemie, le Vendette.
      Sorgeranno nuovi Imperi, Condottieri e tutti torneranno ad Ammazzarsi per nuovi Re, Papa ed Idiozie.
      Non sara’ il Denaro, il Feticcio, ma qualcosa di Concreto: il Cibo.
      Per esso, ammazzeranno, si prostituiranno, corromperanno.

      La Storia, narra sempre questa Storia: siamo così, da sempre, per Sempre.
      A meno che ci si decida ad Amar Dia.

      Da Sola, faccio un po’ fatica, lo Confesso, così Limitata, finita, circoscritta.
      Come puo’ l’Infimo Comprendere, Contenere l’Infinito..?
      Datemi/le una Mano, magari due …
      Avrete il MAXimo, gia’ da Subito: Tutta, Tanta, Gratis..!

      Liked by 3 people

  2. Vi propongo un Gioco: fissate intensamente i due personaggi raffigurati, come si fa con alcuni elaborati da computer.
    Si materializzera’ un terzo Personaggio, Impressionante.
    Funziona, garantito.
    Ai Neofiti, un po’ di Pazienza e Strabuzzamenti, ma non ve ne Pentirete.
    Non è da tutti cogliere l’Immagine di una Bestia Apocalittica, in Anteprima..

    Liked by 2 people

  3. Il mondo è piccolo.
    Ci sono le Pecore, i Lupi, i Pastori ed i Padroni.
    I Lupi mangian le Pecore ed a volte, i Pastori.
    I Pastori, mangiano l’erba ed a volte, Lupo arrosto.
    I Padroni, mangian Pecore, Lupi e Pastori, in tutte le Salse.
    Le Pecore, ormai non mangiano: l’erba, la posson giusto Fumare…

    Belle parole, ma Landini, il Piccolo lenin di noialtri, dov’è finito?
    Quante Fiat ha riconVertito?
    No, la risposta non verra’ mai dal Sindacalismo, in realta’ mai Esistito, fuori dalla Russia, Inghilterra.
    I Luddisti, almeno Sabotavano.

    Dovete smettere di Comprare. specialmente Automobili.
    Senza le Puttane ( come le chiamava De Andre) la Fiat fallisce.
    Fintanto che questa Stiva Milionate in Lussemburgo, saremo Schiavi.
    Tracollo di sei Mesi d’Invenduto e Scoppia.
    Da sola.
    S.Francesco, andava a Piedi ed era Felice.
    Lapo Elkann, con i Suv, è un Barbone Sfigato…

    Non è la Ruota che fa l’Uomo.
    L’Uomo, viceversa, fa la Ruota e la Gira.

    Liked by 5 people

    1. Scusate l’Eufemismo che, involontaria non era espressione volta ad offender le Oneste, Bistrattate Puttane.
      In realta’, il termine usato, era Troie di Regime.
      Pero’, ne converrete, l’Immaginazione popolare avrebbe potuto Accostarla a figure politiche di primo Piano: pensi a Monti, Boschi, Fornero, Berlusconi ( bipartin onde evitar accuse di sessismo).
      Per questo l’ho sottaciuto, doverosa rettifica, senza altri fini fuorchè la comprensione, esclusa.

      Liked by 1 persona

  4. Salve. Grazie per questo contributo di Giorgio Cremaschi.
    L’ho letto con crescente interesse. E da gramsciana convinta.
    Ho 61 anni e sono una giornalista free lance che per formazione e per educazione più volte si è soffermata su alcuni passaggi del post.
    La mia generazione aveva punti di riferimento, valori. Oggi cosa tramandiamo a chi verrà?
    Parole vacue, veline, pessimi maestri, latitanze, imbonitori, promesse non mantenute ect
    Assistiamo ai tentativi continui di omologazione, all’appiattimento ( per non dire al quasi annichilimento) culturale tutto a vantaggio di ciò che è economicamente vantaggioso.
    Assistiamo alla perdita e/o alla mancanza di consapevolezza che essere italiani non è un bene negoziabile, ma un pregio che dobbiamo difendere e non svendere.
    MAI.
    Io combatto sulla mia barricata e non ho mai voluto nè padrini nè padroni in un Sud dove l’assistenzialismo ha male abituato la mia gente.

    Liked by 1 persona

    1. Mamma mia Marzia che bel commento, sarà perché abbiamo in noi la fierezza di non poter essere mai ammestrati, oppure perchè comunque, abbiamo vissuto dal vivo gli anni delle lotte, oppure…. non so dirti perché, so solo che ….non sarò mai padrone di nessuno e nessuno sarà mai mio padrone…combatterò sempre per una giustizia più giusta e per una uguglianza sociale piu uguale!
      Ti abbraccio, buona notte

      Liked by 1 persona

      1. Nico, il commento mi è scappato dalle dita dopo aver letto il post.
        La Resistenza non fu solo quella vissuta coraggiosamente da tanti durante la II guerra mondiale quando perse la vita ( aveva 20 anni) nelle Langhe il fratello di mia suocera, decorato poi con una medaglia d’oro al valor militare per non avere voluto tradire, pur torturato dai fascisti, i suoi compagni di lotta.
        Resistenza, o resilienza se preferisci, è anche questa nostra.
        Non mi son mai piegata alle logiche del potere.
        Ho avuto un incarico dalla Mondadori per un articolo riguardante Santa Maria di Orsoleo in Basilicata, ma non ho più lavorato per loro perchè volevano costringermi a scrivere sotto dettatura.
        E’ capitato anche ad altri.
        Ma la mia coscienza non me lo ha permesso.
        Non prestate fede ai giornali: son scritti da meretrici fra le peggiori, al soldo del potere.
        E della audience che, nel tempo, ha assunto un livello di mediocrità sconvolgente.
        Dei miei colleghi salvo pochissimi.
        Dobbiamo resistere, Nico, resistere stringendo in denti, per lasciare qualcosa di migliore a chi verrà dopo.
        Resistere ad oltranza.

        Scusami la lungaggine.

        Liked by 1 persona

        1. No no Marzia, va bene quello che hai raccontato, io penso che alla base di tutto ci sia la perdita di Valori simbolo dell’essere umano, rispetto, dignità, onestà e solidarietà, valori che hanno permesso al nostro paese di uscire dalla povertà estrema lasciata dalla Grande guerra, dimentichiamo troppo spesso che i diritti guadagnati faticosamente dai nostri padri e che ora vengono cancellati da una Politica disonesta asservita a delle autorità superiori (Troika), sono costati anni di lotte e sangue, peccato che l’essere umano abbia una memoria sempre più corta e si fidi dei politici di turno (la ripresa è vicina), non a caso una bellissima frase di Seneca vecchia di 2.000 anni è ancora attuale, a riprova che l’essere umano non ha subito quella mutazione di comportamento in meglio… sacrilegia minuta puniuntur, magna triumphis feruntur…come dire: i politici disonesti la fanno sempre franca.

          Buona serata Marzia..

          Mi piace

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...