I Nomadi


 

poesia in musica

 

 

Gli Aironi neri

 

Gli aironi neri, attraversano il cielo,
l’inverno bianco, scende dal nord,
l’estate gialla, s’è nascosta nel mare,
il vento freddo sta correndo sui prati.
Ma io e te amica mia, con le mani nelle tasche,
camminiamo sulla strada, e l’estate ancora dentro,
con un sogno di maree e di corpi caldi al sole,
e di voci nella notte, notte chiara.
Tu che conosci il mare, portami via con te,
dove la gente veste solo dei suoi colori,
tu che conosci il mare e il vento suo padrone,
riempi quella vela e rompi quelle onde.
La nebbia grigia, ha riempito le strade,
lampioni persi sulla riva del fiume,
l’estate gialla, c’è rimasta negli occhi,
la pioggia bianca, copre le strade d’argento.
Ma io e te amica mia, con le mani nelle tasche,
camminiamo sulla strada e l’estate ancora dentro,
con un sogno di maree e di corpi caldi al sole,
e di voci nella notte, notte chiara.
Tu che conosci il mare, portami via con te,
dove la notte è chiara e il cielo è più vicino,
tu che conosci il mare e le stelle come guida,
prendi quel timone e insegnami la via

 

I Nomadi

Charles Aznavour


 

poesia in musica

….Lei può essere la ragione per la quale sopravvivo…il motivo e il fine della mia vita…

 

 

 

She (lei)…

Lei, forse sara’ la prima che io non potro’ dimenticar
la mia fortuna o il prezzo che dovro’ pagar
lei, è la canzone nata qui che ha gia’ cantato chissa’ chi
l’aria d’estate che ora c’e’ nel primo autunno su di me
Lei, la schiavitu’ la liberta’ il dubbio la serenita’
preludio a giorni luminosi oppure bui
Lei, sara’ lo specchio dove io riflettero’ progetti e idee
il fine ultimo che avro’, da ora in poi

Lei, cosi’ importante cosi’ unica dopo la lunga solitudine
intransigente e imprevedibile
Lei, forse l’amore troppo atteso che
dall’ombra del passato torna a me per starmi accanto fino a che vivro’
Lei, a cui io non rinuncerei sopravvivendo accanto a lei
ad anni combattuti ed avversita’
Lei, sorrisi e lacrime da cui prendono forma i sogni miei
ovunque vada arriverei a passo a passo accanto a lei

 

Charles Aznavour

Mi fido di te… Jovanotti


 

poesia in musica

 

Anche quando il cielo è coperto, il sole non è scomparso.
È ancora lì dall’altra parte delle nuvole.
Eckhart Tolle

 

 

Mi fido di te…

 

Case di pane, riunioni di rane
Vecchie che ballano nelle chadillac
Muscoli d’oro, corone d’alloro
Canzoni d’amore per bimbi col frack
Musica seria, luce che varia
Pioggia che cade, vita che scorre
Cani randagi, cammelli e re magi
Forse fa male eppure mi va
Di stare collegato
Di vivere di un fiato
Di stendermi sopra al burrone
Di guardare giù
La vertigine non è
Paura di cadere
Ma voglia di volare
Mi fido di te
Mi fido di te
Mi fido di te
Mi fido di te
Io mi fido di te
Ehi mi fido di te
Cosa sei disposto a perdere
Lampi di luce, al collo una croce
La dea dell’amore si muove nei jeans
Culi e catene, assassini per bene
La radio si accende su un pezzo funky
Teste fasciate, ferite curate
L’affitto del sole si paga in anticipo prego
Arcobaleno, più per meno meno
Forse fa…
 .
 .
Jovanotti

L’Ululato del Lupo bianco.


 

In questo video un maestoso Lupo bianco ci viene mostrato in tutto il suo splendore e non appena gli uomini iniziano ad “ululare” anche lui decide di farci sentire il suo ululato davvero straordinario…

 

 

 

 

Io sono….

“Il Lupo che ti segue senza farsi vedere, credi sia lontano e invece e’ piu’ vicino di quanto tu possa immaginare, ti osserva, ti scruta, studia il tuo comportamento,comprende la tua anima, le tue paure, le tue gioie, i tuoi dubbi, non lo vedi ma ti accompagna passo dopo passo e solo a volte guardando l’orizzonte riconosci la sua sagoma riflessa nel sole che sta tramontando, piano piano impara a capire se puo’ fidarsi di te e si avvicina solo quando avrà la certezza che non lo tradirai, sarà sempre pronto a proteggerti in caso di pericolo, a mostrare il suo lato “feroce” contro il suo nemico, contro il tuo nemico ….. mai per odio ma per istinto di sopravvivenza ….e spesso…. per Amore.

Il Lupo e’ leale fino al punto di dare la sua vita se si affeziona, però nonostante la sua incommensurabile fedeltà e il suo attaccamento, non sarà mai del tutto sottomesso. Se lo abbandonate muore, ma voi potete crepare senza poter ottenere da lui una reale ubbidienza, sarà amico fedele che in silenzio ti starà vicino e dividerà con te ogni emozione, ti darà coraggio solo per la sua presenza, ti insegnerà ad affrontare la solitudine ma anche a vivere nel branco, con lui scoprirai l’importanza di una corsa libera in mezzo ai boschi, la gioia di rotolarti in un prato, il saper apprezzare il cibo che ogni giorno potari consumare senza dover combattere ogni volta per averlo.

Il Lupo insegna che la felicita’ spesso sta nel non avere nulla e nel non volere nulla ma possedere ogni cosa in Spirito di libertà, proprio come me….il Lupo bianco”.  (cuoredilupo)

 

Max Weber