Riflessioni Personali….gli Anni che stiamo vivendo!


 

da una mail ricevuta da un amico, uno di quelli che nonostante tutto ti restano sempre accanto!!

immagine presa dal web
immagine presa dal web

Voglio, ancora una volta, trattare il tema della comunicazione, ma soprattutto centrando la figura del “comunicatore” (sia esso giornalista, esperto in, intellettuale, professore di). Nell’immaginario collettivo (ingenuo?) ci si aspetterebbe che questi “personaggi”, siano i veicolatori di
pensieri originali, genuini, e che quindi agiscano da volano per aiutarci a districare la complessità del mondo, dotando il maggior numero di persone di una capacità critica che permetta loro di prendere posizioni “consapevoli” rispetto ai tanti “problemi” che, quotidianamente, ci vengono sottoposti.

Non è così, e il nostro disincanto e la nostra ribellione è lì a dimostrarlo.
Oggi, trovare pensatori e/o intellettuali “indipendenti” non al soldo, è come cercare un quadrifoglio in un campo di trifogli. Certo se riuscite a trovarne
uno, è una fortuna…. :-)))

 

Beh, provate a leggere questo:

da: GLI ANNI CHE STIAMO VIVENDOAntonio Scurati

“Negli ultimi anni è emersa una nuova leadership intellettuale, sempre legata alle professioni delle comunicazioni (perlopiù al giornalismo), ma anche erede della “cultura alta” come tradizionalmente intesa.
Si tratta comunque di intellettuali senza opere, perché la sua azione si esalta e si esaurisce nell’efficacia comunicativa; lui intellettuale senza opere, un’opera senza pensiero, un pensiero senza contenuti, una comunicazione senza messaggio.
La comunicazione trionfante mira, infatti, al dissolvimento del messaggio, non attraverso il suo occultamento, ma attraverso la moltiplicazione esorbitante di tutte le sue varianti.
L’ideologia superiore di questo nuovo intellettuale egemone è, insomma, l’opinionismo. Mettendo in scena il teatro delle opinioni, si tenta di sottrarre terreno alla verifica e alla prova, di far cadere l’aspetto concettuale, di fondare un potere sugli affetti retorici e sulle verifiche sensoriali
Il risultato è uno strano ibrido di populismo ed elitarismo; tenere il popolino nella sua condizione di inferiorità intellettuale, celebrandone l’ignoranza come nuova forma di civiltà espressa dalla cultura di massa, al fine di conservare il potere nelle mani di una ristretta elite do ottimati della comunicazione.”

Ci si potrebbe domandare “ingenuamente?” come mai così in tanti abdicano a se stessi pur di apparire e di essere “ammirati” da chi, per definizione, non è in grado di capire una beata minkia ? La risposta?
Eccola, molto semplice:

E’ difficile far capire qualcosa a un uomo se il suo stipendio dipende dal fatto di non capirla.” – (Upton Sinclair)

 

Annunci

6 pensieri su “Riflessioni Personali….gli Anni che stiamo vivendo!

  1. Ci provano sempre spudoratamente….poi, quando qualcuno invece riesce a capire allora restano sorpresi dall’evento! Penso che la gente ormai sia stanca di far la parte dell’imbecille, tranne quelli di cui hai parlato che praticamente sono obbligati se vogliono mangiare, o almeno lo spero vivamente!

    Liked by 3 people

    1. …alcuni di noi hanno le idee chiare e non possono venir influenzati dai bla..bla..bla mediatici, altri invece, per opportunismo o per ignoranza formano la loro opinione sul “sentito dire” dei media, sono questi ultimi, che facendo da àncora al sistema di potere, non permettono il vero cambiamento, e sono ancora in troppi, purtroppo…
      Sera bella per te, cara Silvia..

      Liked by 2 people

  2. L’altro giorno mi chiedevo: se Pasolini fosse vissuto adesso, nell’era dei social, nel mondo illusorio dove uno conta uno ovvero un emerito .bip., sarebbe stato Pasolini o gli sarebbe toccato di tenere un blog che nessuno avrebbe letto? E’ dura, molto dura. Io mi sono ridotto a leggere i giornali nigeriani, spiegano il mondo molto meglio dei nostri. E anche le analisi politiche sino migliori.E poi ci sono interessanti consigli sessuali che non fanno mai male.

    Liked by 5 people

    1. Hai posto in tono scherzoso una domanda molto pertinente, chissà davvero come Pasolini avrebbe potuto coniugare la sua straordinaria sensibilità ed intelligenza con le mostruose “brutture” degli inganni e a cui la politica ci sottopone quotidianamente, ed il bello è che pur essendo consapevoli non facciamo nulla per “ribaltare” questo Sistema, basterebbe poco caro Giorgio, togliendo loro l’arma della persuasione di massa, toglieremo loro il potere, ……parlo dei media, ovvio!!

      Liked by 4 people

  3. Condivido al cento per mille le considerazioni sul nuovo fenomeno comunicativo, costituito dalla nuova creatura sociale quale il “commentatore” che io. molto modestamente, definirei seriale, un po’come per le immagini create da Warhol: sempre uguali, ma con quella variazione di tinta che, diluendo il messaggio, ne moltiplica gli effetti nella ripetitività. Così è pure sul web: la possibilità di moltiplicare i commenti, finisce per renderli seriali pur nella piattezza feroce, accrescendone la forza d’urto e la dirompenza. Come abbiamo potuto assistere anche nel caso della povera donna suicida…
    Un carissimo saluto…

    Liked by 4 people

  4. Siamo passati dalla società dello spettacolo al tentativo di massificazione completo, anche in Italia (Jerry Rubin affrontava aspetti simili negli states degli anni ’70-80); ora non esiste più la figura dell’intellettuale in quanto detentore di sapere ed attività dell’intelleto, ma si è tali se riconosciuti e sponsorizzati dalle tv.
    Non sopravvaluterei Pasolini (per quanto mi piacciano i suoi film e moltissimi suoi interventi pubblici), è sempre stato creativamente “ribelle”, ma soprattutto bastian contrario; ciò lo ha portato, non so se volutamente, a schierarsi, su aspetti importanti, con lo status quo. Celebre, anche se non è l’unico caso, il suo articolo contro i figli della borghesia (studenti) che picchiavano i figli degli operai (poliziotti) … in occasione degli scontri di Valle Giulia, quando per la prima volta la polizia intervenne in modo massiccio e devastante contro gli studenti universitari.
    Ciao

    Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...