Luigi Pirandello


 

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

Ai Lontani…

Ancora forse sul turbato mare

scendon le nubi a sera, entran per gli ampî

veroni a illuminar le stanze i lampi,

e si vede la notte sussultare.

 

Forse fra le cataste alte del solfo,

ancora, al mite lume siderale,

su l ’arso lido strillan le cicale

ne la calma purissima del golfo.

 

Salpa da l ’intricato porto a sera

con flosce vele qualche nave, a lento,

mentre il faro s ’accende e nessun vento

spira su l ’acque e sale una preghiera.

 

Ancora queste cose io sento, io vedo,

come se m ’accogliesse non mutato

la vecchia casa ne l ’antico stato,

e tra la madre e la sorella io siedo.

 

Da questa casa tu, dolce sorella,

a nozze uscisti, ed or ne sei pur lunge…

Ora anche te forse un rimpianto punge!

Oh se insieme vi fossimo! Di quella

 

vecchia musica mesta ho tanta sete!

Tu suoneresti ne l ’attigua stanza,

io comporrei con l ’estro che m ’avanza

un canto smanïoso di quiete.

 

Secche son le mie labbra e gli occhi stanchi

di questa fiamma ond ’arsa, io temo, è già

tutta l ’anima mia, se piú non sa

quel che giovar le possa, o che le manchi.

 

Pianse la madre nel veder da fieri

desii condotto fuor del fido tetto

paterno il figlio; attese che l ’affetto

lo ritornasse a lei… Madre, e pur jeri

 

m ’animasti a fidar ne l ’avvenire…

“Resta lungi da me, figlio; non darti

alcun pensier di noi. Ben vorrei farti

contento, o figlio, a costo di morire!”

 

Io resterò cosí sempre lontano.

Troppo è il cor mio disajutato ormai.

Son caduto, son vinto. E non vedrai

che il sacrificio tuo, madre, fu invano.

 

Luigi Pirandello

Monte Cavo, 13 agosto l893.

Annunci

12 pensieri su “Luigi Pirandello

  1. Son poco note le poesie di Pirandello e fai bene a condividere queste chicche…sperimenta giochi di assonanze e già “vede” quel confine tra mare e terra che lo accompagnerà dall’Esclusa ai Miti.

    Liked by 3 people

    1. Amico carissimo, ti seguo costantemente anche se non sempre lascio traccia del mio passaggio, lo sai, non amo commentare per fare presenza e nemmeno per adulare, di solito seguo un blogger perchè ho stima di lui e di tutto ciò che scrive, cosi come nel tuo caso, ora però non posso fare a meno di lasciarti queste poche righe in segno di grandissimo affetto.
      Ho percepito una sorte di stanchezza o forse come sta capitando a me, una momentanea ritrosia nell’assecondare “timidi” e “scarni” pensieri qualunquisti.

      Per come sei, per quello che scrivi, per quello che rappresenti, meriti tanto da tutti e anche da me, però non voglio essere superficiale perché penso di non esserlo, quindi dedico a questa nostra grandissima amicizia la citazione di un filosofo a te molto caro: …il Talento colpisce un bersaglio che nessun altro può colpire, il Genio colpisce un bersaglio che nessun altro può vedere….con questo voglio dirti che sei una persona meravigliosa tanto quanto l’affetto che provo per te, tantissimo!!
      L’Essere umani ci condanna alla finitudine, ma finchè saremo in grado di farlo, dovremo donare Bellezza a chiunque sfiori la nostra Essenza, e tu lo stai facendo da tempo in modo esimio.
      Grazie Franz per tutto quello che continuamente ci doni.
      Ti voglio bene….

      Liked by 4 people

      1. Nico carissimo,
        la tua lettera (che di lettera si tratta e non di commento) mi ha colpito profondamente. Non certo per i complimenti, che pure gradisco da una persona colta quale tu sei, quanto per l’affetto caldo che mi fai sentire tra le tue righe, un affetto che entra tra le pieghe di ciò che il mio animo mi detta tra ciò che scrivo e dunque un affetto alto per me. Io non giudico chi mi commenta (non tutti riescono a esprimere appieno ciò che l’animo gli detta)…certo il commento svogliato , come dire, d’obbligo mi ferisce a volte…poi però mi faccio indulgente e mi dico :m’è caro chiunque voglia leggermi e trarne qualcosa per sé…Ti voglio bene anch’io.
        Tuo Franz

        Liked by 2 people

  2. ” da quel primo avvertimento del contrario mi ha fatto passare a questo sentimento del contrario. Ed è tutta qui la differenza tra il comico e l’umoristico” un pensiero stupendo di Pirandello nella donna parata come un pappagallo. Grazie Nico!

    Liked by 2 people

    1. ..egli stesso si definiva un artista dalla poetica umorista, un personaggio sagace, attento alla ricerca delle inflessioni che stavano intaccando i Valori sociali, acuto osservatore degli inganni delle nostre coscienze, un perfetto Mattia Pascal che descrive la sofferenza di ogni individuo costretto a vivere una “parte” già decisa da altri, il dover scegliere tra il rifiuto di una vita fatta di conformismo come unica via di ribellione, oppure vivere un’Esistenza fatta di sofferenza.
      Pirandello, un grande premio Nobel, descrisse con molto anticipo il moderno conformismo, unica nota dolente che non inficia il mio amore per la sua poesia, l’essersi schierato in quel periodo con il Potere fascista.

      Felice serata dottorè.. 😀

      Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...