Joyce Mansour


 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

DA “LACERAZIONI”, 1955

.
Invitami a trascorrere la notte nella tua bocca
Raccontami la giovinezza dei fiumi
Premi la mia lingua contro il tuo occhio di vetro
Dammi a balia la tua gamba
E poi dormiamo, fratello mio,
Perché i nostri baci muoiono più veloci della notte.

C’è del sangue sul giallo d’uovo
C’è dell’acqua sulla piaga della luna
C’è dello sperma sul pistillo della rosa
C’è un dio in chiesa
Che canta e s’annnoia
Non ci sono parole
Soltanto peli
Nel mondo senza verzura
Dove i miei seni sono re.
E non ci sono gesti
Soltanto la mia pelle
E le formiche che brulicano tra le mie gambe untuose
Portano le maschere del silenzio lavorando.
Viene la notte e la tua estasi
E il mio corpo profondo questo polipo senza pensiero
Ingoia il tuo sesso agitato
Durante la sua nascita.

Un nido di viscere
Sull’albero secco che è il tuo sesso
Un cipresso nero piantato nell’eternità
Fa la veglia ai morti che alimentano le sue radici
Due ladroni crocifissi su costolette d’agnello
Se la ridono del terzo che, a missione compiuta,
mangia la sua croce di carne arrostita.
Il nero mi circonda
Salvatemi
Gli occhi aperti sulla vuota disperazione degli orizzonti marittimi
Mi scoppiano nella testa
Salvatemi
I pipistrelli dai corpi ammuffiti
Che vivono nei cervelli torturati dei monaci
S’attaccano alla mia lingua cremosa
La mia lingua gialla di donna accorta.
Salvatemi, voi che capite
E i vostri giorni saranno moltiplicati
Malgrado i peccati che non vi hanno perdonato
Malgrado lo spessore delle notti nelle vostre bocche
Malgrado i vostri bambini iniziati al male
Malgrado i vostri letti.

( traduzione di Carmine Mangone da “Fiorita come la lussuria”)

.

Joyce Mansour

Annunci

6 pensieri su “Joyce Mansour

    1. Quello della Mansour è un “erotismo” particolare direi surrealista, dove le immagini piccanti vengono espresse non direttamente ma per affinità.
      Si, mi piace molto questa poesia della Mansour, molto immaginifica pur nel suo stringente surrealismo.
      E’ per un piacere che tu abbia condiviso la mia scelta.
      Ti auguro un dolce fine serata .. 🙂

      Mi piace

  1. ..sono immagini raffreddate, stracciate, addolorate, mute nel grido, cupe nell’immobilità, strisciantemente angoscianti….
    veggo denuncia, rabbia forse, desiderio latente di riscatto e ribellione…. ma non scorgo in nessun punto quel filo ammaliante dell’eros…

    perdonami Nico, non ho sensibilità all’altezza per apprezzare questa lirica.. serena notte

    Liked by 1 persona

    1. ..in questa poesia non esiste Eros ammaliante ma un Eros surrealista che è cosa ben diversa perchè fuori dal significato comune che conosciamo, il Surrealismo, quello dei vari Breton, Cresson, Eluard, Aragon non è altro che l’evoluzione di un’altra famosa corrente del novecento, il Dadaismo di Zara.
      Esso rappresenta quella casualità del nostro inconscio che permette di sognare anche quando siamo svegli, consentendoci di associare in libertà, parole, pensieri e immagini senza freni inibitori o scopi preordinati, ed è questo quello che viene espresso nella poesia della Mansour, dunque non il classico “Eros” ma la fusione di pensieri liberi e incontrollati, senza uno schema preordinato.
      Spero di aver spiegato cosa intendevo dire con “Eros surrealista”, comunque molto bello il tuo commento..
      Grazie dolce Andrea…

      p.s. .. aspetto la “parcellizzazione dei tuoi crediti”….. 😀 😀 😀

      Liked by 1 persona

      1. ..ho ben inteso lupo, il tuo commento, che non contesto affatto: se parti dal presupposto che ci sia Eros, allora puoi esprimere, ovviamente, ciò che senti….
        il “problema”, se così possiamo dire, è che ho personalmente una concezione molto personale del surrealismo… per me non è accostabile ad altro che a se stesso…
        il surrealismo, sempre secondo me eh, esprime solo se stesso, non può essere accostato ad altro concetto che al surreale in sé (in questo caso l’Eros, ma vale per qualsiasi altra cosa)…
        ..e dunque, per me, non c’è niente oltre il surrealismo in una lirica come questa…
        che poi il surrealismo espresso sia più o meno coinvolgente, è altro discorso, ci mancherebbe; insomma, è tutta questione di ottica…

        ..per quel che riguarda l’Eros invece, non posso venirti incontro… intanto, l’Eros non è mai “classico”; e poi, per me, in qualunque modo lo si esprima, se non è ammaliante, che ti strega e ti costringe a seguirlo allo spasimo ovunque ti porti, non è Eros… 😉
        p.p.s. ..scusami caro, ma io non ho “crediti”, (semmai debiti), dunque probabilmente mi confondi con altro soggetto…. per il resto, se pure avessi un credito con te, sappi che sono un creditore smemorato cronico: appena contratto, è già, per me, dimenticato…
        ..buona ronda lupo, ti saluto e vado a nanna, c’ho un’età ormai….. 😀 😀 😀

        Liked by 2 people

        1. …nessuna ronda stasera, anche il Lupo ha un’età mica solo tu… 😀
          Si, per la parcellizzazione, forse mi confondo con quel “sanguisuga” del mio commercialista 😦
          ..e visto che dici di essere avanti con gli anni, passa una notte bella e serena… 😉

          Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...