Riflessioni Personali…..l’Inquietudine!


 

“Detesto, provandone nausea e stupore, i sinceri di ogni sincerità e i mistici di ogni misticismo o, piuttosto e ancor di più, le sincerità di tutti i sinceri e i misticismi di tutti i mistici. Questa nausea diventa fisica quando tali misticismi sono attivi, quando pretendono di convincere l’intelligenza altrui, o di scuotere la volontà degli altri, di trovare la verità o di riformare il mondo”. (Fernando Pessoa)

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

“A volte, senza che me lo aspetti o che me lo debba aspettare, mi attanaglia la gola il soffocamento della banalità e ho la nausea fisica della voce e dei gesti del cosiddetto mio simile. La nausea fisica diretta, sentita direttamente nello stomaco e nella testa, stupida meraviglia della sensibilità vigile… Ogni individuo che mi parla, ogni viso i cui occhi mi fissano, mi offende come un insulto o come un’oscenità. Trabocco di orrore per ogni cosa. Mi sento stordito dal sentire che li sento. E succede quasi sempre che, in questi momenti di malessere di stomaco, vi sia un uomo, una donna, persino un bambino, che si staglia davanti a me come un rappresentante reale della banalità che mi affligge. Non un rappresentante dovuto a una mia emozione, soggettiva e pensata, ma costituito da una realtà oggettiva, realmente conforme, all’esterno, a quello che io sento dentro, che nasce per magia analogica e mi fornisce l’esempio della regola che penso.

(..) Ci sono giorni in cui ogni persona che incontro e, ancor più, le persone abituali della mia convivenza forzata e quotidiana, assumono l’aspetto di simbolo e, isolate o in relazione fra loro, formano una scrittura profetica o occulta, che descrive in ombre la mia vita.

(…)

Mi irrita la felicità di tutti questi uomini che non sanno di essere infelici. La loro vita umana è piena di tutto ciò che costituirebbe una serie di angosce per una sensibilità vera. Ma poiché la loro vera vita è vegetativa, quello che subiscono passa loro accanto senza toccarli intimamente e vivono una vita che si può paragonare soltanto a quella di un uomo con il mal di denti che abbia ricevuto una fortuna: la fortuna autentica di vivere senza accorgersene, il dono più grande che gli dèi concedono, perché è il dono di farlo simile a loro, superiore come loro (seppure in modo diverso) all’allegria e al dolore. Per questo, comunque, vi amo tutti. Miei cari vegetali! “

 Fernando Pessoa

Annunci

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...