Ottiero Ottieri


 

Seppur in modo marginale lo scritto di oggi può essere collegato a quello dell’altro ieri di Goffredo Parise, non a caso Ottieri insieme a Calvino e Vittorini furono gli scrittori che meglio interpretarono quel filone di letteratura industriale o post moderna che prese forma con racconti dagli esiti sempre inattesi e mai scontati, un descrizione della quotidianità che da li a poco sarebbe cambiata con la trasformazione industriale di quell’Italia agricola oramai lanciata nello sviluppo industriale in tutti i settori, trasformazione che segue il realismo di Verga e della Serao di fine ottocento e la lettaratura post moderna o meglio conosciuta come modernismo del primo dopoguerra dei vari Pirandello, Borges o Nabokov.

Nico (max weber)

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

La mente deve essere occupata
dal dubbio
Dal dubbio deve essere
occupata la mente
Altrimenti che pensa la mente ?
Che fa la mente imperplessa ?
Vacua di desideri anfibi vaga
nella felicità pericolosa e dimenticata,
nella agognata ma assurda
giornata serena
spencolata nell’intenzione
bramata, obliata. Eppure la mente
conosce la soddisfazione
di se stessa.
E’ una messa che consiste
nella contentezza costante
e molta
e continua, di sera, di mattina,
al risveglio e alle cinque.
Ingenua è la mente,
lieta sarebbe di natura sua
se la sorte fosse propizia,
se esistesse una zia
blanda, stanca, o una vera
conquista. Ha bisogno la mente
di godere costantemente
di afferrare sicuramente
e sempre, narcisistica mente
desiderosa di acuzie
ma più di blandizie.
Trepida mammola in attesa.

 

Ottiero Ottieri

Annunci

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...