Addio Professore…..Maestro di vita e di Cultura!


 

Sono assai rare le star della cultura. Ma Zygmunt Bauman, scomparso oggi, lunedì 9 gennaio all’età di 91 anni, ha goduto di un’immensa popolarità, grazie alla sua capacità di parlare alla gente con un linguaggio semplice e comprensibile, mai riduttivo. Lascia un vuoto incolmabile: aumenterà la «solitudine del cittadino globale», privo della sua voce indignata e rassicurante. Sempre defilato dalle sfere istituzionali, il suo pubblico non erano i sociologi, né gli addetti ai lavori, ma le persone comuni che si affollavano attorno a lui per ascoltare le parole di un vecchio saggio che sapeva «vedere» i fenomeni generazionali. Fuori dalla sua età, ma con la saggezza della sua età. (Corriere.it)

 

Zygmunt Bauman  (1925-2017)
Zygmunt Bauman (1925-2017)

 

 

“La nostra vita è un’opera d’arte – che lo sappiamo o no, che ci piaccia o no. Per viverla come esige l’arte della vita dobbiamo – come ogni artista, quale che sia la sua arte – porci delle sfide difficili (almeno nel momento in cui ce le poniamo) da contrastare a distanza ravvicinata; dobbiamo scegliere obiettivi che siano (almeno nel momento in cui li scegliamo) ben oltre la nostra portata, e standard di eccellenza irritanti per il loro modo ostinato di stare (almeno per quanto si è visto fino allora) ben al di là di ciò che abbiamo saputo fare o che avremmo la capacità di fare. Dobbiamo tentare l’impossibile. E possiamo solo sperare – senza poterci basare su previsioni affidabili e tanto meno certe – di riuscire prima o poi, con uno sforzo lungo e lancinante, a eguagliare quegli standard e a raggiungere quegli obiettivi, dimostrandoci così all’altezza della sfida. L’incertezza è l’habitat naturale della vita umana, sebbene la speranza di sfuggire ad essa sia il motore delle attività umane. Sfuggire all’incertezza è un ingrediente fondamentale, o almeno il tacito presupposto, di qualsiasi immagine composita della felicità. È per questo che una felicità «autentica, adeguata e totale» sembra rimanere costantemente a una certa distanza da noi: come un orizzonte che, come tutti gli orizzonti, si allontana ogni volta che cerchiamo di avvicinarci a esso”.

da: l’Arte della Vita

 

Zygmunt Bauman

 

Bauman nel mio blog…
https://poesiacultura.wordpress.com/2016/07/09/zygmunt-bauman-2/

https://poesiacultura.wordpress.com/2016/06/25/zygmunt-bauman/

 

 

Annunci

9 pensieri su “Addio Professore…..Maestro di vita e di Cultura!

    1. Ebbi anch’io la fortuna di stringere la mano a Bauman, l’occasione venne da un convegno che si tenne a Firenze nei primi anni novanta, si parlava della stratificazione sociale come conseguenza della post-modernità, ricordo che fui molto colpito dalla sua aria trasognante, leggera ma incisiva.
      Un grande maestro, davvero una grande perdita..

      Grazie per il tuo contributo, ciao Donato 🙂

      Liked by 1 persona

  1. … penso che leggere Bauman, toglie il fiato, mentre provare a cercare nella propria vita, un suo solo capoverso, allora è vertigine.
    Ma come ci si sentirà ad avere una personalità così luminiscente?
    Hai scelto un brano tagliente!
    Un caro saluto a te!

    Liked by 1 persona

    1. Che belle queste tue parole su Bauman e sull’intensità della vita che nonostante l’incertezza, deve essere un “passaggio” pregno di emozioni e non un traguardo da raggiungere a tutti i costi.
      Forse, combattere l’Incertezza che accompagna sempre il nostro vivere sino alla fine, sta proprio nel dare valore alle piccole cose, chissa?
      Grazie Mina, per il tuo profondo commento ed anche perchè anche tu “ami” Bauman come me.
      Notte serena, carissima!

      Mi piace

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...