Riflessioni Personali…..qual’è il vero dio?


 

Esiste un dio buono e un dio cattivo?

foto presa dal web

 

 

 

“Dio non può essere solo di una parte di umanità. Se dio è dio non può aver creato solo i cristiani, ma tutti gli uomini, anche i musulmani e i buddisti, altrimenti sarebbe un dio settario.

Il papa crede più nell’uomo che in dio, e non legittima l’evidente conflitto di civiltà per non attribuire più considerazione all’uomo che a dio.

Può sembrare un paradosso, ma solo chi crede ciecamente può uccidere in nome di dio, e in tal modo ne riconosce i limiti.

Come puoi allora uccidere l’uomo che hai creato, soltanto perchè esso sbaglia? Nella storia degli altri, nessuno parla del nostro dio, se non per indicare uomini che si dichiarano fedeli al loro dio.

Perchè allora dovrebbero credere nel nostro, e perchè dovrebbero essere chiamati infedeli e ancor più, nemici?” (Vittorio Sgarbi)

.

Qual’è il vero dio e quale quello falso?

Annunci

34 pensieri su “Riflessioni Personali…..qual’è il vero dio?

  1. Non esiste alcun Dio, è il prodotto delle paure antiche che purtroppo ancora durano.
    Lucrezio disse: “la paura ha creato gli Dèi”
    Frase più che vera!

    Io so ateo e mi sento più sereno, ho sempre creduto nella forza delle persone. Una forza più potente di qualsivoglia Divinità!

    Liked by 3 people

    1. Ade, conosco il tuo pensiero al riguardo e non mi nuovo, questo articolo è una semplice provocazione per tutti coloro che professano il cattolicesimo, ed infatti come puoi vedere, tolti alcuni blogger che hanno sentito la necessità di lasciare un loro pensiero, tutti gli altri, pregni dell’ipocrisa cattolica hanno preferito dare forfait.
      I soli dieci like sono la prova che ancor oggi, il cattolicesimo non si tocca, CAZZO!!! 😀 😀
      Stammi bene pistacchino!

      Liked by 2 people

  2. L’imperfezione umana,aumentata dalla sua superbia,é cosa nota. Le guerre di religione esistono da quando l’uomo ha creato un Dio maschile,vendicativo e pretenzioso,e l’ha voluto sostituire alla Dea,alla Madre Terra,di cui siamo tutti ugualmente figli,uomini e animali. Rinnegando la Madre l’uomo ha voluto sostituirsi alla divinità,creare un Dio a sua immagine e somiglianza. Fosse stato meno superbo avrebbe imparato a vivere dai fratelli animali,a rispettare i territori altrui e l’ambiente,a vivere secondo Natura,come fanno ancora le ultime popolazioni Native dei vari luoghi nel mondo.

    Liked by 1 persona

    1. Mi piace il tuo pensiero, esiste l’Assoluto inteso come forma primitiva di Natura, quindi siamo costantemente circondsti dal nostro Dio..anzi, come hai ben detto: Dea.
      Grazie per il commento Lakota 🙂

      Liked by 1 persona

  3. Un appunto:adesso non sono i cristiani che cercano d’imporre il loro Dio,ma i musulmani che chiamano infedeli tutti quelli delle altre religioni e stanno decimando i cristiani in tutto il mondo in non del loro Dio.Ma nessuno ne parla. Dovresti sentire cosa dicono delle religioni femminili come la mia e che non sono nemmeno”del libro” come il cristianesimo,l’ebraismo e l’islam. Altro che intolleranza religiosa! Qui si va oltre,si ritorna al peggior medioevo!

    Liked by 1 persona

    1. ..qui ti lascio due righe da un mio vecchio post….

      Ignoranza e paura, ecco i due sostegni di tutte le religioni. L’incertezza in cui l’uomo si trova in rapporto al proprio Dio è precisamente il motivo che lo tiene aggrappato alla sua religione. L’uomo ha paura nelle tenebre, sia in senso materiale, sia morale. La paura diviene in lui abituale e si tramuta in bisogno; egli si crederebbe privo di qualcosa se non avesse niente da temere.

      Ogni sistema religioso non può esser fondato che sulla natura di Dio e dell’uomo, e sui rapporti che tra essi sussistono. Ma, per dare un giudizio sulla realtà di tali rapporti, bisognerebbe aver qualche idea della natura di Dio. Ora, tutti ci dicono e ridicono che l’essenza di Dio è incomprensibile per l’uomo, e nello stesso tempo non cessano di assegnare degli attributi a codesto Dio incomprensibile, e di asserire con sicurezza che l’uomo non può esimersi dal riconoscere questo Dio impossibile a concepirsi.
      La cosa più importante per gli uomini è quella che essi non sono assolutamente in grado di comprendere! Se Dio è incomprensibile per l’uomo, parrebbe ragionevole non pensarci mai; invece la religione sostiene che l’uomo non può smettere per un solo istante di fantasticarci sopra, altrimenti commette un delitto.
       

      Liked by 4 people

  4. Dio e’ uno solo, sono gli uomini a fare il resto, dargli un nome, regole, riti. Da sempre l’uomo ha confuso la religiosita’ con la religione, la stupidita’ umana ha fatto e continua a fare il resto. L’uomo, dalla sua comparsa sulla terra, si e’ evoluto fisicamente, culturalmente e tecnologicamente in maniera sorprendente ma spiritualmente sembra essersi fermato all’eta’ della pietra. Credo, ma e’ soltanto il mio modo di vedere, che le religioni orientali, tipo il buddismo e l’induismo, si avvicinano di piu’ alla religiosita’/spiritualita’, tutte le altre sembrano piu’ che altro storie manipolate a piacimento ed a proprio uso e consumo dall’uomo. Un po’ come la politica di oggi 😜

    Liked by 4 people

    1. ..anche a te cara Giuliana lascio un brano tratto da un mio vecchio post….

      Il cervello dell’uomo è, soprattutto nell’infanzia, una cera molle, soggetta a ricevere tutte le impronte che vi si vogliono effettuare. L’educazione fornisce al bambino quasi tutte le sue credenze, in un periodo in cui egli è incapace di giudicare da sé. Noi crediamo di aver ricevuto dalla naturao di aver portato con noi fin dalla nascita le idee vere o false che, in tenera età, sono state introdotte nella nostra testa. E questa convinzione è una delle più gravi cause dei nostri errori.

      Il pregiudizio contribuisce a consolidare in noi le credenze di quelli a cui è stata affidata la nostra istruzione. Noi li crediamo molto più bravi di noi; supponiamo che essi siano pienamente convinti delle cose che c’insegnano. Abbiamo in loro la massima fiducia: pensiamo alle cure che si sono presi di noi quando non eravamo in grado di aiutarci da soli, e quindi li giudichiamo incapaci di ingannarci consapevolmente. Ecco i motivi che ci fanno accogliere mille errori, senza altro fondamento che le parole dannose di chi ci ha allevato. Perfino la proibizione di discutere quel che ci dicono non diminuisce affatto la nostra fiducia, anzi contribuisce spesso ad aumentare il nostro rispetto per le loro opinioni.
       

      Liked by 1 persona

  5. Dio, per farsi conoscere, ci ha lasciato un libro prezioso: la Bibbia. E come ci insegna la Bibbia, la vera religione si riconosce dai suoi frutti. E, sempre nella Bibbia – Parola ispirata da Dio – c’è scritto che se questo è un mondo malvagio, è perché non è il suo regno… bensì quello di Satana. E sempre tenendo conto della Bibbia, un cristiano che la apre da solo e non aspetta che sia il papa a parlarne (in quanto legge solo quello che gli fa comodo) si renderà conto che i riti e le tradizioni che riportano i cattolici… Nella Bibbia non esistono! E provengono in realtà dai pagani. Inoltre, chi uccide in nome del suo dio, non sta sicuramente tenendo in considerazione il vero e unico Dio. Le false religioni sono tutte quelle che fanno azioni cattive in nome del loro dio, per giustificarsi o perché gli è stata inculcata -evidentemente – una dottrina errata. Se solo i cristiani aprissero la Bibbia, si renderebbero conto di tante cose. Anch’io sono stata scettica riguardo cosa riportasse, mi chiedevo se non fosse stata scritta da qualcuno solo per prendere potere. Invece no, ci sono delle profezie che si sono avverrate, ci sono testimonianze dell’esistenza di Gesù Cristo – figlio di Dio -. Basta anche solo guardarsi attorno, la perfezione della natura ci racconta della grandezza del nostro Creatore. Ma come si può pensare che la terra sia nata da un caso? Gli scienziati non hanno ancora trovato tutte le risposte… risposte che non troveranno mai, perché tutti noi siamo il frutto di un Creatore Superiore alla stessa mente umana.

    Liked by 2 people

    1. Arianna, mi piace molto il tuo commento, ma se invece di credere a tutto ciò che è scritto nella Bibbia, metti il caso che io iniziassi a porgermi delle domande arrivando ad avere queste risposte, tu cosa risponderesti?

      * La religione unisce l’uomo a Dio, o li mette in contatto fra loro. Tuttavia, non dite che Dio è l’infinito? Se Dio è infinito, nessun essere finito può avere né contatto né rapporti con lui. Là dove non ci sono rapporti,non può esserci né unione, né contatto, né doveri. Se non ci sono doveri tra l’uomo e il suo Dio, non esiste alcuna religione per l’uomo. Così, dicendo che Dio è infinito, voi annientate “ipso facto” ogni religione per l’uomo, che è un essere finito. L’idea dell’infinità è per noi un’idea senza modello, senza protòtipo, senza oggetto.

      Se Dio è un essere infinito, non può esserci, né in questo mondo né in un altro, alcuna proporzione fra l’uomo e il suo Dio; quindi la nozione di Dio non entrerà mai nell’intelletto umano. Nell’ipotesi di una vita futura in cui l’uomo avrà maggiori capacità intellettive che in questa, l’infinità di Dio costituirà sempre una tale distanza fra la sua idea e la mente finita dell’uomo, che questi non potrà concepirlo nel cielo più di quanto lo concepisca sulla terra. Da ciò risulta con evidenza che l’idea di Dio non sarà più accessibile all’uomo nell’altra vita che nellavita presente. Ne risulta anche che intelligenze superiori all’uomo, come gli «angeli», gli «arcangeli», i «serafini», gli «eletti», non possono avere quanto a Dio delle idee più complete di quante ne abbia l’uomo, che non ne sa assolutamente nulla in questo mondo

      * tratto da un mio vecchio articolo.
       

      Liked by 2 people

      1. Chi dice che in una prossima vita, l’uomo, non possa sentirsi più vicino a Dio? Capisco bene il fatto che non potendolo vedere, né toccare o sentire una sua risposta… ciò crei difficoltà a credere in lui. Ma partendo dal fatto che l’uomo, per relazionarsi con Dio, non ha bisogno di intermediari quali i parroci e il papa… Possiamo arrivare attraverso Dio mediante Gesù Cristo, il quale ha abitato la terra ed è stato umano. A proposito, anche quando Gesù sostenne di essere figlio del Creatore, non fu creduto… nonostante facesse anche miracoli e fosse già molto intelligente nella sua giovane età, venne ucciso. Se l’uomo in quei tempi non credette nemmeno ai suoi occhi, figuriamoci oggi. Questa è la dimostrazione che bisogna avvicinarsi a Dio prima di tutto con il cuore, avendo fede. Un altro modo per sentire Dio più vicino, è di dargli un nome, quello che ricorre tantissime volte nella Bibbia: Geova. L’amore per Dio, è uguale a tutti gli amori: se non lo si alimenta, si spegne. E come lo si alimenta? Attraverso la sua parola, operando secondo il suo volere… e credo fermamente che ciò non farebbe altro che rendere le vite degli umani migliori. Che bello sarebbe! Tutti fratelli. Uno potrebbe anche dire che non è necessario credere in Dio per fare del bene… eppure anche un’impresa ha bisogno di regole per poter funzionare bene. E regole non vuol dire privazione, Dio non toglie niente, segue semplicemente la morale. Almeno questo è ciò che penso, Nico… e te lo dice una che è ”cattolica non praticante” 😂 … perché sono stata battezzata quando ancora non avevo il potere di scegliere. Oggi cerco di studiare la Bibbia, eh no, non sono assidua… però ogni volta mi fa sentire bene e mi fa sentire più vicina a Dio. Credo che ogni essere umano senta il bisogno di credere in qualcosa. E il bello è che nessuno me lo ha imposto, è la mia ricerca della verità… e le domande me le pongo anch’io, non è che accetto qualsiasi cosa mi si venga detta. Non so se la mia risposta può bastare, ma credo di non sapere ancora abbastanza per darti una risposta più completa… Ti ho risposto sul momento! Magari ti aggiorno 😀 . Sono comunque curiosa di sapere cosa penso tu di Dio, ho capito che non credi nelle istituzioni cattoliche… e forse sei più vicino al pensiero della “Dea Natura”, correggimi se sbaglio.

        Liked by 1 persona

        1. sai una cosa Arianna?..ho due cugini che testimoniano Geova da molto tempo, li ascolto spesso e quando questo accade, ne nascono delle discussioni molto interessanti, almeno non sono dei biechi credenti come i catto-clericali.
          Si hai ragione, per me l’Assoluto è rappresentato da Madre Natura che ci permette di godere di tutta la bellezza possibile, peccato che un gran numero di uomini la deturpi continuamente sfregiando proprio quell’Amore che Dea ci dona con la meraviglia del giorno e della notte, del cielo, del mare, della vita umana e di tutto ciò che è possibile ammirare.
          GRAZIE ARIA…sei davvero una ragazza in gamba!!! 🙂

          Liked by 1 persona

  6. Cari amici vi ringrazio per il coraggio che avete dimostrato lasciando un commento, un post che ha totalizzato pochi like, dieci, anche se dalle statistiche di Wp risulta essere stato visionato o letto da 54 utenti, questo significa che l’argomento religione è molto sentito nel nostro Paese in cui risiede la culla del Cattolicesimo.
    Io non posso che prendere atto dell’ipocrisia dimostrata dai tanti cattolici che leggono e scrivono su questa piattaforma e che sono passati senza lasciare una traccia o un commento, questo dimostra la poca convinzione del loro credo religioso, il Dogma del cattolicesimo, eh si! troppi dubbi a cui i tanti proseliti di questo culto non possono dare risposta.
    Vi lascio con un piccolo contributo di un grande filosofo del diciottesimo secolo, contributo che spiega in maniera soggettiva perché le meraviglie della natura non dimostrano l’esistenza di Dio.
    Grazie e un sincero abbraccio a tutti voi…

    p.s. Quello che leggerete di seguito, rispecchia alle perfezione il mio pensiero sulla credenza dei “diversi” dio presenti nella storia dell’Uomo.

    “Ci dicono che le qualità di Dio non sono tali da poter essere capite da menti limitate: la logica conseguenza di questo principio dovrebb’essere che le qualità di Dio non sono fatte per interessare menti limitate; ma la religione ci assicura che menti limitate non devono mai perdere di vista un essere inconcepibile, le cui qualità non possono esser capite da esse. Da ciò si vede come la religione sia l’arte di tenere occupate le menti limitate degli uomini su ciò che esse non sono in grado di comprendere.

    Ci garantiscono che le meraviglie della natura bastano a suggerirci l’esistenza di un Dio e a convincerci pienamente di questa importante verità. Ma quante persone ci sono in questo mondo che abbiano la voglia, la capacità, le attitudini necessarie per contemplare la natura e meditare sui suoi processi? Gli uomini, in grande maggioranza, non vi badano affatto. Un contadino non è minimamente impressionato dalla bellezza del sole che ha visto tutti i giorni. Il marinaio non è affatto sorpreso dai movimenti regolari dell’Oceano; non ne trarrà mai induzioni teologiche. I fenomeni della natura dimostrano l’esistenza di Dio soltanto ad alcuni uomini prevenuti, ai quali si è mostrata in anticipo la mano di Dio in tutte le cose il cui meccanismo poteva imbarazzarli. Nelle meraviglie della natura, lo scienziato libero da pregiudizi non vede nient’altro che il potere della natura, le leggi costanti e molteplici, gli effetti necessari di diverse combinazioni di una materia straordinariamente diversificata.

    C’è qualcosa di più strano della logica di tanti profondi maestri, i quali, invece di confessare la loro scarsa conoscenza dellecause naturali, vanno a cercare fuori della natura, cioè nelle regioni dell’immaginario, un agente molto più sconosciuto di quanto sia la natura, della quale essi possono almeno farsi qualche idea? Dire che Dio è l’autore dei fenomeni che vediamo, non significa attribuirli ad una causa occulta? Che cos’è Dio? Che cos’è uno spirito? Sono cause di cui non abbiamo alcuna idea. Scienziati! Studiate la natura e le sue leggi, e quando potreterintracciarvi l’azione di cause naturali, non ricorrete a cause soprannaturali che, lungi dal chiarirvi le idee, non faranno che confondervele sempre più, fino a mettervi nell’impossibilità di capire voi stessi.” (Paul-Henri Thiry Holbach)

    Liked by 3 people

  7. Un dio non esiste, esiste una guida interiore e il Conoscere se Stesse-i, altrimenti si proietta sugli altri quello che si vuole e non conoscendosi quello che ne può scaturire sono solo nemici e persone da combattere perché non la vedono come tali soggetti (che hanno inglobato il culto dell’io superiore egoriferito) per insicurezza devono avere persone che li seguono e ne confermino la debolezza interiore che loro stessi non vogliono affrontare (meccanismo perverso di qualunque culto per non far conoscere le persone a loro stesse) chi attacca infatti è debole, il forte realmente non deve attaccare perché conosce se stesso e riconosce le debolezze altrui per le quali ha rispetto, ma attaccare e annichilire sono ciò che capitalismo e patriarcato fanno dall’inizio della loro storia. Bel post.

    Liked by 1 persona

    1. Grazie cara, devo leggere qualche articolo sul tuo blog prima di poter rispondere in modo appropriato.
      Dammi qualche giorno, poi potremo confrontarci
      Grazie per aver lasciato il commento. 🙂

      Mi piace

  8. Eh, eh, ma tu scrivi certi post nelle giornate di ponte, il cervello lo facciamo riposare che sottrae sangue allo stomaco! Ho visto il titolo e mi sono segnato: A Nico devo rispondergli, anche se in realtà non so bene cosa. Sull’esistenza di Dio si potrebbe parlare per anni e secoli… esiste ed è uno? Per i cristiani si, è lo stesso Dio padre per tutti, anche di quelli che non ci credono. Ma non era questo l’oggetto della provocazione, giusto? Anche perché qualunque argomentazione logica non smuoverebbe chi ha fede, come il contrario del resto. E’ quello che si fa in nome di Dio che cambia le cose… o quello che si fa in nome dell’assenza di Dio. La nostra società in questo momento storico nonostante i fondamentalismi fa sostanzialmente a meno di Dio… è un’altro Dio quello che è venerato oggi, è quello del Vitello d’Oro, il Mercato, e quello è davvero unico per tutti anche per gli atei e non è buono, è spietato. Di fronte a questo dio affermo che qualunque altro Dio, dei cristiani dei musulmani dei buddisti o dei pastafariani è benigno e misericordioso.

    Liked by 1 persona

    1. Buon 1° Maggio Giorgio, ti dedico un bel pensiero di un grande Socialista, a dir la verità uno degli ultimi Veri socialisti, Pertini.

      Io credo nel popolo italiano. È un popolo generoso, laborioso, non chiede che lavoro, una casa e di poter curare la salute dei suoi cari. Non chiede quindi il paradiso in terra. Chiede quello che dovrebbe avere ogni popolo.

      Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...