Riflessioni Politiche…….siamo un Paese destinato a FALLIRE!!


 

Non è mio interesse convincere nessuno, quello che mi interessa invece è vedere se siamo esseri pensanti che riescono ancora ad esprimere un pensiero critico in quanto ogni giorno veniamo bombardati sempre da notizie tendenziose e parziali: l’ISIS e gli attentati, il VOTO in alcuni paesi europei, ERDOGAN e la repressione in Turchia, ISRAELE che subisce attentati dai Palestinesi, la SIRIA di Assad e le false notizie del gas nervino, il PAPA che difende la pace tra gli uomini e molte altre sciocchezze che diventano luoghi comuni per gli ITALIOTI  che assimilano certe notizie senza prima essersi assicurati di aver avuto una completa e corretta informazione.

Infatti certe notizie sarebbero complete se ad esempio venisse spiegato il perchè accadono certe cose, ad esempio:

..l’ISIS compie attentati senza dire che la stessa organizzazione è stata finanziata sin dagli inizi dall’Arabia Saudita, dagli Emirati Arabi e dagli USA( lo confermò Joe Biden il 7 ottobre 2014 quando disse – Abbiamo fatto piovere centinaia di  milioni di dollari e decine di migliaia di tonnellate di armi nelle mani di chiunque fosse in grado di combattere contro Assad, peccato che chi ha ricevuto i rifornimenti erano… al Nusra, al Qaeda e gli elementi estremisti della Jihad provenienti da altre parti del mondo”.)

..sul voto in Francia tutte le testate giornalistiche( di regime) danno come vincente il candidato MACRON instillando in questo modo la totale nostra fiducia a questo personaggio, non dicono però che MACRON rappresenta i POTERI FORTI DELLA FINANZA MONDIALE, un pò come lo è stato MONTI in Italia e come lo è ora PADOAN.

..si attacca Erdogan per la crudele repressione nel suo paese senza dire che la NATO possiede sue basi militari in Turchia, e questo lo salva da sanzioni per le ripetute violazioni dei diritti civili contro il suo popolo, tanto per fare un esempio vi ricordo  che le sanzioni alla RUSSIA di Putin vennero adottate in soli 40 giorni.

..per quanto riguarda ISRAELE, esistono solo quei pochissimi attacchi dei Palestinesi che i media amplificano a dismisura, ma tutti sappiamo chi veramente compie le VERE STRAGI di civili, mi conviene stendere un velo pietoso su questo argomento altrimenti non so dove andrei a finire se dovessi dire come la penso.

..la SIRIA di Assad ci viene mostrata come un campo di concentramento in cui il popolo viene continuamente torturato, vi ricordate dell’ex Jugoslavia, della Libia e dell’Egitto? ..paesi dove l’adozione del  “pugno di ferro” riusciva a tenere a bada la convivenza di diverse etnie? ecco quindi, caduti quei governi chiamati “dittature” da quel paese che esporta democrazia in tutto il mondo, ora sono paesi in balìa di lotte fraticide che lasciano sul terreno migliaia di morti civili

..altra notizia incompleta che “storpia” la nostra visione della realtà, riguarda lo STATO PONTIFICO e quindi il PAPA, colui che parla sempre di pace tra i popoli senza dire che che il Vaticano riceve ogni anno con l’otto per mille, oltre due miliardi di euro e che lo stesso non paga l’IMU sui suoi immobili adibiti a ricezione turistica.

 

immagine tratta dal web

 

 

 

Tutto questo per farvi capire, sempre se volete capire è ovvio, che ogni informazione che riceviamo è faziosa perchè incompleta, un esempio attuale è quello che riportano i media televisivi sul caso ALITALIA.

Quando si parla di ALITALIA, oltre a quello che dicono in tv, occorre sempre tener presente quanti soldi PUBBLICI (soldi nostri) sono stati spesi per tener in piedi questa azienda carrozzone che non produce utili da oltre dieci anni e  mantiene oltre DODICIMILA dipendendenti.

 

“Ma quanto è costata finora Alitalia allo Stato? La gestione pubblica dell’azienda è durata fino al 2008, con la compagnia che negli ultimi anni diventata un autentico carrozzone per i conti pubblici. Ma, anche col nuovo corso il peso sulle casse statali è stato elevato.

A fare i conti in tasca alla compagnia aerea è stata Mediobanca, che ha provato a stimare quanto sia costata Alitalia nel suo complesso allo Stato. Gli studi di Piazzetta Cuccia parlano di una cifra complessiva che si aggira sui 7,4 miliardi, che raggiungerebbe quota 10 miliardi se si sommasse anche il denaro bruciato dai privati.” (fonte web)

.

VOGLIAMO O NON VOGLIAMO DIRE BASTA ALL’USO DEI NOSTRI SOLDI PER SALVARE AZIENDE CHE SONO GIA’ FALLITE E CHE VENGONO TENUTE IN PIEDI SOLO PER MANTENERE IL POSTO DI LAVORO A MIGLIAIA probabili ELETTORI DI CENTRO-DESTRA e, come si dice a Roma, “MAGNAPA’ A TRADIMENTO”?

P.S.  Ah dimenticavo la RAI, altro serbatoio di elettori per qualsiasi governo, il servizio pubblico nazionale ha 13 mila dipendenti, il costo medio di ognuno di loro è di 89 mila euro ( si, avete letto bene, quasi novantamila euro annui per dipendente) infatti la Rai ha debiti per 800 milioni di euro, circa millecinquecento miliardi di vecchie lire, forse così fa più effetto!!

Sereni incubi a tutti, perchè prima o poi pagheremo NOI la NAZIONALIZZAZIONE di Alitalia!!!

Nico (max weber)

Annunci

25 pensieri su “Riflessioni Politiche…….siamo un Paese destinato a FALLIRE!!

  1. Si è cosi. Proprio ieri sera dicevo a mio marito che è tutto calcolato e noi finiremo nell’inceneritore. Renzi in tv l’Alitalia nuovamente al centro l’Isis regalata e potenziata da super potenze e tutto il resto…….e noi paghiamo con stipendi miseri e il lavoro scarseggia. Che fine faremo? Popolo belante che siamo..tanto l’importante è avere i soldi x l pizza l’auto e un tetto sopra la casa. Ah scusa….e le ferie. Poi..tutto a posto.

    Mi piace

    1. Non siamo tutti uguali Paola, c’è chi sa scegliere e lotta… dalla parte giusta della barricata. Generalizzare è un male, perchè condanna anche chi non c’entra nulla. Per dire, non ho mai votato Renzi o Berlusconi, dunque non posso essere messo alla pari di chi li sostiene a spada tratta.
      Ma lo sai che mazzo devi farti per non essere un pecorone come i più? Avere la Coscienza giusta e soprattutto saper capire e scegliere oggi è lusso di pochi ma quei pochi fanno la differenza o almeno ci provano. Io so sempre là fuori a raccontare e dire le cose come stanno e posso parlare anche per altri. 🙂

      Mi piace

        1. Si ma condanni tutti, non lo trovo giusto a mio parere. Non credere che fuori dall’Italia sia meglio, anche là (per ora) solo in pochi sanno pensare e scegliere per bene… soprattutto capire che cosa succede. Pochi ma buoni ma vale anche per noi. Io il lavoro ce l’ho e le soddisfazioni non mi mancano ma vedere amici miei che hanno studiato tanto come me (per la Ristorazione devi studiare tanto, come in altri ambiti) o anche più di me e non hanno sbocchi o pochi, mi fa maturare un sentimento di ribellione che ho da sempre. Lo sai Paola, di recente uno chef esecutivo voleva licenziare il mio team, erano tutti terrorizzati ma sono riuscito a far calmare le acque. Non si buttano fuori le persone così… è violenza gratuita. Non ho cambiato il Mondo certo ma ho comunque fatto qualcosa. Non è eroismo o altro, è semplicemente battersi per le cause che si ritengono giuste. Non volevo vedere quei miei colleghi in strada e li ho difesi. Lavorano tutti adesso…per ora almeno.

          Mi piace

            1. Ho viaggiato tanto, so di cosa parlo. La crisi sta ovunque e il sistema collassa ovunque. Cambia poco trovare un Paese con una situazione meno peggio della nostra. Non vedo reali fronti di opposizione nel Mondo ma vedo comunque persone che provano a raccontare ed è già qualcosa (anche agire certo, nel loro piccolo e non è poco).
              Devo pure andare a Parigi per cercare nuove esperienze ma non mi faccio illusioni, la crisi sta anche là… vedremo.
              In Italia ho la fortuna di guadagnare bene perchè ho raggiunto posizioni notevoli ma se devo stare all’estero e beccare meno soldi di qua, ha poco senso ecco. Non è una fissazione di soldi ma una proporzione col farsi il mazzo per bene.

              Liked by 1 persona

                1. Sono uno che pretende a lavoro, pretendevo anche quando ero un lavapiatti (col rischio di farmi buttare fuori essendo l’ultimo arrivato) perchè è giusto pretendere, dato che conquiste e diritti ci sono nonostante li vogliono annichilire. Non siamo servi della gleba ed è giusto farsi sentire.

                  Un abbraccio e buona giornata!

                  Liked by 1 persona

  2. Bhè, non c’è molto da commentare, sono d’accordo su tutto anche sull’Imu… 🙂 su Alitalia sono un pò più ottimista di te, stavolta la vedo un pò più dura mettercela sul groppone, ma stiamo vigili perché i primi segnali a scopo elettorale (Renzi!) ci sono stati. Mi dispiace per i lavoratori, ma davvero di Alitalia non se ne può più: deve fallire. Sulla Rai sono curioso di vedere i dati degli introiti dopo che il canone è stato messo in bolletta, dovrebbero essere aumentati no? Impressiona comunque vedere le cifre che hai riportato, considerando che tante sedi all’estero hanno chiuso e l’informazione è sempre più “provinciale”… chi ciuccia tutti questi soldi, le sedi regionali? Lo dico da tempo, sono le regioni che devono essere abolite, non le province!

    Liked by 2 people

  3. Temo che siamo finiti in un cul de sac, mio caro nico, tutti quanti in giro per il mondo siamo finiti in un vicolo cieco. L’unica soluzione che ci vanno prospettando è la guerra di tutti contro tutti. O, meglio, stanno cercando di orientarci verso un nemico, in modo di farcela fare questa guerra per uscire dalla crisi in cui è precipitato il capitalismo.
    Un caro saluto

    Liked by 1 persona

  4. Mia nonna (1909) diceva sempre, rivolgendosi ai giovani; gli ci vuole la guerra…
    Un po’ estremo lo ammetto e assolutamente non auspicabile. Ma forse una guerra o qualcosa di simile sarà l’unico modo per l’umanità di tornare a necessità più “reali” come la mera “sopravvivenza” e per riscoprire valori “reali”.
    Con questo simpatico auspicio auguro la buonanotte a tutti.

    Liked by 2 people

    1. Spero tu stia scherzando…Nessuna guerra ha mai risolto niente, a meno che tu non faccia il becchino di professione! Quello che ci vorrebbe sarebbe una rivoluzione, che è una cosa molto diversa! Ma si intende una rivoluzione di pensiero prima che di armi….e per averla serve smuovere le coscienze, quindi temo che dovremo aspettare ancora un bel po’!

      Liked by 2 people

      1. Naturalmente la mia era solo una battuta oggettivamente mal riuscita. Lungi da me l’idea che le guerre possano risolvere i problemi. Sono profondamente pacifista ma purtroppo ancora più pessimista sulla capacità dell’umanità (non dei singoli uomini) di risolvere i problemi. Un saluto.

        Liked by 1 persona

  5. Mi fa piacere sapere che gli italiani ragionino ancora e vanno oltre le notizie!
    Però se posso dirti una cosa sola, l’unica su cui non sono d’accordo è di lasciar fallire Alitalia. Il discorso non dev’essere sul “Lasciamo naufragare chi non sa navigare” ma piuttosto “Insegniamo a navigare a tutti”! Perchè negli altri paesi le compagnie nazionali funzionano e in Italia no?

    Ti invito inoltre se ne hai voglia a leggere questo, per capire che se fallisse Alitalia ci perderemmo ancora più soldi: http://www.linkiesta.it/it/article/2017/04/27/ecco-perche-e-necessario-salvare-alitalia-di-nuovo/33998/

    Liked by 2 people

    1. Ciao Danilo, a volte come nel caso Alitalia occorre guardare i numeri e non la proiezione economico-finanziaria che si avrebbe nel tempo se fosse mantenuto in piedi questo BUCO NERO che ingoia soldi nostri a valanga.
      Solo la Politica è interessata a mantenere in piedi questa compagnia aerea e sappiamo bene il perché, infatti dici bene quando fai il paragone con Monte Paschi e tutte le altre banche perché la politica e tutti coloro che campano con la politica, avevano nelle banche il loro bancomat, soldi prestati a quegli industriali amici di politici senza dare le dovute garanzie, anzi, per garanzia hanno dato la parola dell’amico politico.
      No, questo gioco al magna magna generale deve finire, non è più sostenibile.
      L’Alitalia ha un esubero di circa 4000 dipendenti, cosa si aspetta a ridurre il personale per poter continuare in quel progetto industriale che fu proposto da Air France qualche anno fa per poter risollevare questa compagnia?..e perché i dipendenti Alitalia sono cosi importanti da creare una notizia che viene messa in primo piano costantemente da tutti i media televisivi?..lo sai che nel 2016 hanno chiuso l’attività ben 2.016 aziende artigiane lasciando a casa la bellezza di 13.67 padri di famiglia?..cosa hanno di diverso i dipendenti di queste piccole aziende con quelli di Alitalia tanto da non essere interessanti per i media per non farne una notizia?
      No, questo sistema va AZZERATO con o senza forza, poi si deve ricostruire con uomini nuovi che abbiano ETICA, FIDUCIA, PREPARAZIONE e SINCERITÀ da vendere.
      La politica deve essere in mano a persone ONESTE, altrimenti dovrebbero essere gli stessi cittadini ad agirla in modo diretto.
      Cosi la penso.
      Grazie per lo spunto che mi hai dato.
      Ciao. 🙂

      Liked by 2 people

        1. Gaetano Intrieri famoso dis-economista scrive testualmente:

          (..) Il problema, ripeto, è la gestione dei processi e dei costi che sono fuori controllo. Alitalia non si è adeguata ai tempi…
          e ancora: (..) «Il problema dell’Alitalia non è più il costo del personale. I problemi sono la manutenzione, i contratti di leasing e l’approvvigionamento di carburante»

          Intrieri è quindi un esperto di sistemi di controllo, gestione e pianificazione organizzativa d’impresa, non è quindi un economista puro, scegliere un diverso metodo di gestione tra i tanti metodi non è la stessa cosa che scegliere tra diverse opzioni finanziarie che possano rendere attiva una società industriale in perdita da molti anni, e poi, perchè non si è mai riusciti a cambiare rotta a questa compagnia con i tanti esperti in circolazione fra cui Intrieri? Semplice, chiunque abbia avuto mandato di ri-sistemare i conti di Alitalia ha dovuto fare i conti con il diktat dei diversi governi succedutesi nel tempo, da Berlusconi a Monti, da Letta a Renzi, e cioè: potete fare tutto tranne che ridurre i DIPENDENTI che sono fonte di voto, ecco perchè non si è mai riuscito a trarre in salvo Alitalia, anche ora che rischia il fallimento (ce lo fanno credere perchè in effetti non ci sarà nessun fallimento) il Governo interverrà sicuramente con 1 MLD di euro, con SOLDI NOSTRI.

          Danilo, voglio farti una domanda, tu pensi davvero che il management di Ethiad non sarebbe capace di far produrre utili ad Alitalia se soltanto non avesse alcuni obblighi tra cui il mantenimento di tutti i dipendenti ?
          Ed ancora, sai che per entrare in società con Alitalia, tre giorni fa Lufthansa aveva posto come condizione la diminuzione del personale di 4.500 unità, e la stessa richiesta la fece Air France a suo tempo ?
          Ma allora chi ha ragione, noi cittadini che mettiamo i soldi, Intrieri o le diverse compagnie aeree che hanno dato forfait all’affaire Alitalia?

          Liked by 2 people

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...