Riflessioni Personali….Otto bugie sul sesso a cui bisogna smettere di credere, secondo i sessuologi!!


 

Quasi ogni giorno, durante le sessioni di terapia, i sessuologi ascoltano i loro clienti condividere pensieri e convinzioni sul sesso che non sono semplicemente sbagliati e falsi, ma anche dannosi per la loro vita sentimentale.

Di seguito, alcuni sessuologi ci parlano dei pregiudizi più diffusi di cui hanno sentito parlare nei loro studi. (Allarme spoiler: alcuni fra i miti più diffusi nascono dall’idea che il sesso debba essere spontaneo. No, in realtà bisogna lavorare sodo).

immagine presa dal web

 

 

 

 

Mito n°1: Gli uomini devono essere “pronti” sempre e ovunque.

Nonostante ciò che pensano molte persone, gli uomini non sono fatti per avere prestazioni sessuali “su richiesta”. Non sono dei robot. Il sesso non avviene e basta. Un uomo può essere stanco, preoccupato, distratto o avere dei sentimenti da elaborare, che possono riguardare anche la partner. Inoltre, invecchiando, gli uomini potrebbero aver bisogno di una stimolazione diretta del pene prima e durante l’attività sessuale. Il sesso non riguarda solo te, ma è un piacere reciproco. Chiedi al tuo uomo cosa lo eccita e poi agisci di conseguenza, come partner attiva e impegnata.

Stephanie Buehler, psicologa e sessuologa che gestisce il The Buehler Institute.

.

Mito n°2: Se non raggiungi l’orgasmo, non è sesso.

Sbagliato! Il sesso non è solo avere un rapporto e raggiungere l’orgasmo. Se siete convinti di questo, è il momento di essere più creativi e realistici sul sesso e su ciò che comporta. Il sesso è fatto di baci, abbracci e massaggi sensuali. Il sesso è stimolazione orale, manuale, masturbazione reciproca e stimolazione anale. Il sesso è fatto di linguaggio spinto, lettura di romanzi erotici, visione condivisa dei porno, giochi di ruolo e condivisione delle fantasie. Ampliate la vostra idea di sesso, fate calare la pressione, e a beneficiarne saranno il vostro godimento e il vostro piacere .

Moushumi Ghose, sessuologa e autrice di Classic Sex Positions Reinvented.

.

Mito n°3: Devi sentirti “sufficientemente sexy” per goderti davvero il sesso.

Forse è colpa dei media e del porno se le donne credono che sia necessario un corpo stupendo per essere attraenti e godersi il sesso. Generalmente, gli uomini non fanno caso ai “difetti” fisici di una donna. Pensano solo “Oddio, una donna nuda accanto a me!”. Come ho suggerito alle mie clienti, non importa che aspettano abbiate, se amate il vostro corpo anche gli uomini faranno altrettanto. Questo implica anche coltivare un sano apprezzamento della propria fisicità. Quando una donna inizia a vedere le sue imperfezioni come accattivanti particolarità, avrà iniziato ad amarsi in un modo che le consente di amare gli altri .

Diana Wiley, terapista matrimoniale e familiare e sessuologa a Seattle, Washington.

.

Mito n°4: l’infedeltà sessuale è dovuta a qualche mancanza nella relazione.

Alcuni si concedono delle scappatelle perché non sentono appagati i loro desideri nella relazione, ma è solo una delle tante ragioni dell’infedeltà. Molte persone felicemente accoppiate hanno delle storie semplicemente perché se ne presenta l’occasione. Disponibilità, facilità della cosa e rischio minimo sono tutti fattori che possono condurre a “tresche occasionali”. Alcuni sono più inclini ad agire d’impulso. Per lo stesso motivo nei supermercati le corsie con gli alimenti base sono in postazioni prevedibili, mentre gli articoli da “acquisto compulsivo” si trovano in fondo e vicino alle casse .

Gracie Landes, sessuologa e terapista matrimoniale a New York.

.

Mito n°5: L’orgasmo vaginale è facile da raggiungere.

La gente crede ancora che l’orgasmo vaginale sia facile e raggiungibile senza difficoltà. In verità quasi tutte le donne necessitano di stimolazione clitoridea per avere un orgasmo. Vi sorprenderebbe sapere quante clienti restano scioccate di fronte a questa notizia — e alcune di loro sono dei medici. L’idea che solo l’orgasmo vaginale sia la norma crea tensioni nella coppia. Lascia la donna con un senso di frustrazione, mentre l’uomo si sente inadeguato. Ci sono diverse idee sbagliate sull’orgasmo femminile. Raramente una sveltina vaginale è il modo migliore per raggiungere il “grande O” 

Lisa Paz, sessuologa e terapista matrimoniale a Miami, Florida.

.

Mito n°6: Il sesso dovrebbe essere super eccitante fin dall’inizio.

Molti dei miei clienti in fase di frequentazione credono che la loro prima volta con un nuovo partner sarà indimenticabile. Succede solo in rari casi ma, più probabilmente, il sesso sarà nella norma. Per la maggior parte delle persone, la chimica sessuale si sviluppa col tempo e poi s’intensifica fino a raggiungere livelli da capogiro. Ecco perché il sesso formidabile richiede una conoscenza approfondita dell’altro, una conoscenza anche sessuale. Se fai sesso con una persona per la prima volta, ovviamente non sai cosa le piace, di cosa ha bisogno o come entrare in sintonia. Inoltre, sarete entrambi un po’ nervosi ed avrete molte aspettative sulla prestazione. La domanda più importante che devi porti quando inizi a frequentare qualcuno è: “Voglio rivedere questa persona?”. Se è stato tutto perfetto fin dall’inizio, potrebbe non esserci spazio per affiatarsi. Trovare l’intesa è ciò che lega davvero le persone.

Keeley Rankin, sessuloga di San Francisco, California.

.

Mito n°7: Se usate il lubrificante significa che non siete davvero eccitati.

Sbagliato. Il lubrificante è tuo amico. Ma ha una cattiva reputazione. Però, in tutta onestà, un po’ di lubrificazione in più è di grande aiuto. Si pensa erroneamente che se lei è eccitata, si bagnerà naturalmente. Ma a volte l’eccitazione può essere più emotiva che fisica ed usare del lubrificante è un ottimo modo per dare inizio al divertimento.

.

Mito n°8: una relazione non può sopravvivere al calo del desiderio sessuale.

Ciò che preoccupa di più le coppie che ricorrono alla terapia è la differenza nel desiderio: quando uno dei partner vuole far sesso più spesso dell’altro.  Non mi sono ancora imbattuta in una coppia che, dopo tanti anni di relazione riporta gli stessi livelli di frequenza nell’appetito sessuale, perciò le discrepanze nelle rispettive libido non porteranno al fallimento della vostra relazione. La cosa importante è parlare col partner della cadenza con cui volete fare sesso. Dovete anche riconoscere che i vostri desideri possono essere diversi. Se il divario è troppo, è nel vostro interesse parlare con un professionista che possa aiutarvi ad appianare le differenze e concepire un buon piano affinché entrambi possiate ritenervi soddisfatti della frequenza dei rapporti”  Rankin.

 

da: HuffPost.usa  (Milena Sanfilippo)

Annunci