Riflessioni Politiche…..18 giugno 1982: Calvi e il Blackfriars Bridge!


 

Blackfriars Bridge- London-

 

…di Nico (max weber)

Solitamente nel nostro paese, quando accadono cose che il “popolo ebete” non deve sapere, viene apposto il segreto di stato a determinati avvenimenti in cui vi siano immischiati uomini politici e di governo, i molti…OMISSIS….nei verbali di interrogatorio dei tanti testimoni stanno proprio ad indicare la presenza di trattative o accordi segreti tra politica, mafia, massoneria e clero.

Per i più giovani forse i vari nomi come Banco Ambrosiano, Calvi, Sindona, IOR, Marcinkus, Flavio Carboni o Pippo Calò, non avranno molto significato, sappiate però che da sempre la Politica ha fatto affari con poteri occulti e criminali, al solo fine di aumentare l’arricchiemento personale dei politici, sappiate anche che ancora oggi continuano questi legami con la criminalità organizzata, gli scandali sono all’ordine del giorno, vediamone alcuni:

.

“Mario Chiesa, nel febbraio 1992 diede il via alla valanga Tangentopoli che pensionerà la Prima Repubblica. Da allora sotto i ponti sono passate decine di leggi salva-questo e salva-quello, ma soprattutto una quantità infinita di scandali. Dimostrazione che se la storia è maestra, in Italia non si impara mai niente.

IL MEDIATORE. Il fondatore del principale partito politico della Seconda Repubblica, Marcello Dell’Utri, è considerato da una sentenza passata in giudicato il mediatore del patto di protezione stretto negli anni Settanta tra i vertici di Cosa nostra e quello che diventerà ‘l’anima’ di questo ventenni, Silvio Berlusconi. Il quattro volte presidente del consiglio, evasore fiscale, imputato per corruzione con l’accusa di aver comprato senatori a suon di milioni di euro, condannato in primo grado per concussione e prostituzione minorile.

FURBETTI E ‘GNORRI’. I vertici dei DS D’Alema e Fassino finiscono intercettati mentre parlano con uno dei ‘furbetti del quartierino’, quel Giovanni Consorte protagonista della scalata BNL sostenuta senza se e senza ma dal centrosinistra. “Abbiamo una banca” diventerà uno slogan-boomerang, che riemergerà prepotente nel caso Monte dei Paschi di Siena scoppiato un anno fa. E che dire del ‘sistema Sesto’ messo su da Filippo Penati, uno che faceva il capo della segreteria politica di Pierluigi Bersani, salvato dalla prescrizione e dalla Ex-Cirielli, legge ad personas e ammazza-processi che il centrosinistra si è sempre guardato bene dal cancellare? Lo stesso centrosinistra che oggi scarica il sindaco di Venezia arrestato per lo scandalo MOSE, ma non si accorge che 24 ore prima il sempreverde Fassino, nel frattempo diventato sindaco di Torino, metteva la mano sul fuoco sulla sua onestà. Come non si è accorto di aver dato la tessera a Primo Greganti, tre volte pregiudicato durante Mani Pulite, ma di nuovo in prima fila sull’affare Expo.

CARICHE DELLO STATO. In vent’anni abbiamo avuto ministri come Claudio Scajola, oggi in galera per aver favorito la latitanza di un ex deputato colluso con la ‘ndrangheta. Sottosegretario all’Economia è stato Nicola Cosentino, al suo secondo soggiorno in cella, stavolta per estorsione, dopo l’accusa di concorso esterno in associazione camorristica. Abbiamo avuto l’onore di annoverare tra i ministri Cesare Previti, due volte condannato per corruzione in atti giudiziari. O Umberto Bossi, leader di una Lega entrata in Parlamento al grido di Roma ladrona e che ne stava quasi uscendo un anno fa dopo lo scandalo Belsito. Nicola Mancino, oggi imputato per falsa testimonianza nel processo sulla trattativa stato-mafia, noto per aver estromesso dai propri ricordi l’incontro con un tal Paolo Borsellino, è stato presidente del Senato. Come Renato Schifani, da tempo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, oggi fa la stampella di Renzi assieme al NCD di cui è presidente.

LE REGIONI. Giancarlo Galan ha governato il Veneto per quindici anni e su di lui pende una richiesta di arresto per lo scandalo MOSE. Roberto Formigoni ha guidato la Lombardia per 17 anni e oggi è imputato per corruzione nell’inchiesta sulla sanità lombarda. Giuseppe Scopelliti, già sindaco del primo Comune capoluogo che sarà sciolto per mafia due anni dopo il suo addio, condannato in primo grado a sei anni per averne falsificato i bilanci, è stato subito ricandidato alle Europee. Raffaele Fitto, recordman di preferenze lo scorso 25 maggio, quattro anni in primo grado per corruzione, avendo ricevuto un finanziamento illecito da mezzo milione di euro in cambio di appalti quando era governatore della Puglia. Ottaviano Del Turco, 9 anni in primo grado per corruzione, concussione e associazione a delinquere nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità privata in Abruzzo. In Sicilia i predecessori di Crocetta sono rispettivamente in galera per favoreggiamento a Cosa nostra (Cuffaro)  e condannato in primo grado per concorso esterno (Lombardo). Senza dimenticare le mutande verdi di Cota pagate dai contribuenti, come milioni e milioni di euro dello scandalo spese pazze che travolge i consigli regionali dello Stivale. O il caso Durnwalder (Trentino), lo scandalo che ha travolto la Polverini (Lazio), il coinvolgimento di Cappellacci (Sardegna) nell’inchiesta P3. E ci scusiamo per tutti quelli che non abbiamo citato.

GRANDI OPERE. Expo e MOSE sono gli ultimi tasselli di un puzzle della paura. Sistemi, potentati, associazioni a delinquere quasi sempre bipartisan, chiamati a ingollare pezzi sempre più grandi di torte milionarie. Ed ecco le risate preventive al telefono, mentre l’Aquila non ha ancora smesso di tremare, di chi si immagina gli affari sulla ricostruzione. Oppure Guido Bertolaso, in quei giorni descritto come se fosse il Messia,  e il ‘sistema gelatinoso’ sugli appalti del G8 alla Maddalena. I grandi affari sulla sanità, settore in cui spendiamo meno degli altri paesi europei ma una fetta finisce nelle tasche di privati corruttori o pubblici corrotti. O il TAV di Firenze per cui è finita agli arresti l’ex governatrice dell’Umbria Lorenzetti. O il business dell’eolico, che ha visto tornare in scena vecchi personaggi della Prima Repubblica come Flavio Carboni. Fortuna che hanno stoppato il Ponte sullo Stretto.

AZIENDE DI STATO. A partire dallo scandalo che travolse Lorenzo Necci, allora numero uno delle Ferrovie dello Stato, per arrivare a Mauro Moretti, oggi imputato di disastro colposo, uno “spiacevole episodio” (parole sue) che a Viareggio si portò via 33 persone. Oggi Moretti guida Finmeccanica, uno spaccato della Seconda Repubblica per le mille inchieste che la vedono protagonista (commesse indiane, brasiliane, sistema di tracciabilità dei rifiuti, etc) e che ha ‘perso per scandalo’ due degli ultime tre AD: prima Guarguaglini, poi Orsi. ENI è stata guidata per quasi un decennio da un reo confesso di Mani Pulite, quel Paolo Scaroni (oggi indagato per corruzione in merito ad una commessa Saipem, controllata Eni, in Algeria) sostituito da Emma Marcegaglia, la cui azienda di famiglia aveva utilizzato tra il ’94 e il 2004, negli acquisti di materie prime, “società off-shore, creando fondi neri su 17 conti esteri, intestati a Steno Marcegaglia e ai figli Antonio ed Emma. La parte che riguarda l’evasione fiscale viene archiviata perché quei capitali sono stati condonati e scudati”

(fonte: Report).

.

Ma torniamo alla storia di Roberto Calvi

“Il 9 giugno 1982 Calvi si allontanò da Milano, giungendo a Roma in aereo, dove incontrò Flavio Carboni, col quale organizzerà la fuga verso l’estero. L’11 giugno il banchiere si diresse a Venezia, per poi raggiungere Trieste, e successivamente la Jugoslavia. Dal paese slavo proseguirà poi per Klagenfurt. Il 14 giugno Calvi incontrò Carboni al confine con la Svizzera, per poi partire il 15 giugno verso Londra, dall’aeroporto di Innsbruck. Il 16 giugno Carboni partì da Amsterdam per raggiungere Calvi a Londra.

Il 18 giugno venne trovato impiccato da un impiegato postale, sotto il Ponte dei Frati Neri sul Tamigi in circostanze molto sospette, con dei mattoni nelle tasche, le mani legate dietro la schiena e 15.000 dollari addosso. Fu trovato anche un passaporto con le generalità modificate in “Gian Roberto Calvini”. Nelle sue tasche venne ritrovato anche un foglio con alcuni nominativi: quello dell’industriale Filippo Fratalocchi (noto produttore di apparati di guerra elettronica e presidente di Elettronica S.p.A.), del politico democristiano Mario Ferrari Aggradi, del piduista Giovanni Fabbri, di Cecilia Fanfani, dell’amico di Sindona ed ex consigliere del Banco di Roma Fortunato Federici, del piduista e dirigente BNL Alberto Ferrari, del piduista e dirigente del settore valute del Ministero del commercio con l’estero Ruggero Firrao e del Ministro delle finanze del PSI Rino Formica.

Il 17 giugno si era suicidata la sua segretaria personale, Graziella Corrocher, lanciandosi dal quarto piano dell’edificio dove ha sede il Banco Ambrosiano. La magistratura inglese liquidò la morte di Calvi come suicidio, come affermato da una perizia medico-legale. Sei mesi dopo, la Corte Suprema del Regno Unito annullò la sentenza per vizi formali e sostanziali ed il giudice che l’aveva emessa venne incriminato per irregolarità; il secondo processo britannico lasciò aperta sia la porta del suicidio, sia quella dell’omicidio. Lo scrittore Leonardo Sciascia in un articolo del 24 luglio 1982 comparso sul quotidiano Il Globo sostenne che Calvi si fosse suicidato e giudicò assurda l’ipotesi dell’omicidio.

Roberto Calvi venne tumulato nel cimitero di Drezzo, frazione del comune di Colverde, in provincia di Como, dove aveva la sua villa.

Nel 1988 iniziò in Italia una causa civile che stabilì che Roberto Calvi era stato ucciso e impose a un’assicurazione il risarcimento di 3 milioni di dollari alla famiglia. Il 2 febbraio 1989 Clara Canetti, la vedova di Calvi, nel corso di una puntata della trasmissione televisiva Samarcanda affermò che il marito le avrebbe confidato che il vero capo della loggia P2 era l’onorevole Giulio Andreotti, il quale lo avrebbe minacciato indirettamente attraverso Giuseppe Ciarrapico in seguito al crack del Banco Ambrosiano e gli avrebbe fatto dei discorsi che lo turbarono: di tali affermazioni però non sono mai stati raccolti riscontri attendibili anche se è accertato che Calvi, prima di partire per Londra dove venne ritrovato morto, incontrò realmente Andreotti e Ciarrapico, che lo invitarono a cena per discutere di alcune divergenze che lui aveva avuto con Orazio Bagnasco, nuovo vicepresidente del Banco Ambrosiano

 

Nel 1996 Francesco Di Carlo, diventato collaboratore di giustizia, negò di essere l’assassino di Calvi ma ammise che Pippo Calò gli aveva chiesto di ucciderlo ma poi si organizzò diversamente e gli venne detto che «la questione era stata risolta con i napoletani»: infatti, secondo il collaboratore Nino Giuffrè, i camorristi legati ai Corleonesi (Michele Zaza, i fratelli Nuvoletta ed Antonio Bardellino) si erano affidati pure a Calvi per i loro investimenti e quindi avevano perso denaro anche loro; inoltre, secondo il collaboratore Pasquale Galasso, l’esecutore dell’omicidio di Calvi fu Vincenzo Casillo, membro della Nuova Camorra Organizzata che era passato segretamente dalla parte del clan Nuvoletta e per questo doveva fare un favore a Pippo Calò. Antonio Mancini, esponente della banda della Magliana divenuto collaboratore di giustizia, dichiarò che Calvi venne ucciso su ordine di Pippo Calò e del faccendiere Flavio Carboni, che costituiva un anello di raccordo tra la banda della Magliana, la mafia di Pippo Calò e gli esponenti della loggia P2 di Licio Gelli.

 

Fonte. wikipedia

Annunci

14 pensieri su “Riflessioni Politiche…..18 giugno 1982: Calvi e il Blackfriars Bridge!

  1. Personalmente le conosco tutte ste vicende, grazie a persone che mi hanno raccontato le vicende per bene.
    Qualsiasi Nazione che ha legami con la criminalità organizzata la sfrutta da sempre, per ottenere privilegi e altro. Questo sistema favorisce tutto ciò, è quasi un’ovvietà.

    Stamani ti ho scritto in mail, non so se hai visto. Ciao!

    Liked by 1 persona

  2. Pensa che molti non sanno che durante la Prima Repubblica, ci furono un paio di tentativi di Colpi di Stato, da parte di ambienti reazionari (Borghese per esempio, che fu un gerarca fascista). L’aspetto peggiore di che molti ambienti legati a militari, poliziotti, carabinieri e altro

    Liked by 1 persona

    1. Azz, me l’ha spedito prima di finire: l’aspetto peggiore è che molti ambienti legati a militari, poliziotti, carabinieri e altro, stavano coi tizi del Golpe. Per poi non parlare della GLADIO.

      Tornando al tuo post, ho un bellissimo libro che si chiama “Mani Pulite 25 anni dopo”. Se vuoi ti scrivo l’autore, è un buon testo.

      Liked by 1 persona

  3. La cosa di cui non mi capacito é l’accettazione da parte del popolo dell’inaccettabile:perché nessuno si è mai incazzato sul serio né s’incazza per i soprusi che stiamo subendo ora? Perché stiamo tutti a prendercela con altri come noi quando il nemici da combattere é altrove e basterebbe unirsi per rovesciarlo? Soldi e potere sono più forti di un popolo unito? A me hanno sempre insegnato il contrario! Certo,ci vuole consapevolezza,coraggio e voglia di cambiare davvero le cose da parte di tutti,non solo di chi sta peggio

    Liked by 1 persona

  4. …al riguardo mi piacerebbe leggere gli “appunti” contenuti nell’archivio personale di Andreotti, e non parlo di quello donato dallo stesso senatore nel 2007 all’Istituto Sturzo……..

    Liked by 1 persona

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...