Riflessioni personali……la Generosità!


In diversi miei articoli ho parlato spesso di solidarietà e generosità, valori assoluti che si spendono senza riserve al momento opportuno, a volte a rischio della propria vita. In un mio vecchio commento raccontai una storia simile a questa, ma con un finale diverso perchè nonostante tutto sono ancora qui a scrivere.

Onore a quest’uomo che con immensa generosità ha perso la vita per salvarne altre tre, quanti sarebbero capaci di donare se stessi in questo modo?

Ciao Bigio, grande Uomo!

Nico (max weber)

Pierluigi Bigio Ricci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salva tre bagnanti (padre e due figli), poi muore il bagnino.

Tre turisti milanesi (padre e due figli) sono stati salvati da un bagnino eroe, a Fano (Pesaro-Urbino). Purtroppo, però, il bagnino non ce l’ha fatta ed è morto colpito da un malore subito dopo il salvataggio.

Il dramma lunedì 7 agosto, dopo le dieci di mattina, in località Torrette di Fano. Il bagnino, Pierluigi “Bigio” Ricci nota due ragazzi in difficoltà e si tuffa per aiutarli. Li porta in salvo a riva e poi va a soccorrere anche il loro papà, rimasto in acqua. Ma stavolta (secondo le prime versioni della dinamica) non riesce a tornare a riva colto da infarto per il grande sforzo. Il papà viene anch’esso tratto in salvo ma lui annega.

Ricci, 57 anni, è molto conosciuto a Fano. Fino a qualche tempo fa era titolare, in centro storico, di una drogheria che porta il suo cognome. Poi, col figlio, aveva gestito il ristorante Mocambo al Lido. Da sette anni bagnino di salvataggio, da due anni nell’associazione Maredentro che si occupa della sorveglianza delle spiagge libere di Fano. 

da: milanotoday.it

 

Annunci

8 pensieri su “Riflessioni personali……la Generosità!

  1. Mi sono sempre sacrificato per chi merita anche se non con la vita, altrimenti non sarei qua a scrivere.
    La solidarietà non si sposa con questo sistema, ecco perché occorre cambiare.

    Ne avrei tante da raccontare… ciao!

    Liked by 1 persona

  2. Mi fà rabbia sopratutto perchè spesso la gente mette in pericolo la propria vita alla leggera, non curandosi affatto delle possibili conseguenze, e chi ci rimette poi sono quelle persone come Pier Luigi (non è il primo e non sarà l’ultimo) che ci mettono anima e corpo per dare una mano a questi personaggi!

    Liked by 1 persona

    1. Laura, hai ragione nel dire che molte volte siamo superficiali, non ci rendiamo conto che molte nostre azioni come ad esempio fare il bagno con mare mosso, mette a repentaglio la nostra vita ma anche quella degli altri…
      Come ho detto a Silvia, in questo caso specifico è l’istinto della generosità che viene agito senza pensare ai probabili pericoli e conseguenze. 🙂

      Liked by 1 persona

      1. ..è per questo che chi ha questo istinto non deve assolutamente farsi una famiglia…. morire per salvare alcuni e lasciare nella disperazione più nera chi si è giurato di amare e proteggere per sempre, è una colpa senza appello….
        so che sembra un assurdo, se non una provocazione, ma per agire col massimo profitto personale e sociale la generosità, occorre rinunciare alla compagnia di una famiglia

        Liked by 1 persona

        1. …non si fanno questi calcoli mentre qualcuno ti chiede di salvarlo, lo aiuti e basta, il rischio resta sempre un’incognita sconosciuta da tenere sempre presente, daltronde chi può conoscere il nostro destino?
          Se la generosità rende felici, perchè rischiare di non esserlo?
          Buona notte Aro..

          Mi piace

..dimmi ciò che pensi.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...