Riflessioni Politiche…..Nessuno schiaffo dell’Europa, Grillo è un cretino politico!!


 

Eh già, quando tiri troppo la corda, succede che alla fine essa si spezzi, troppe frottole e troppa improvvisazione stanno dimezzando il mito di Beppe Grillo, sicuramente è troppo tardi per il tempo perso dietro a questi millantatori, ma è importante che la verità piano piano venga a galla.

Nico (max weber)

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

Nessuno schiaffo dell’Europa, Grillo è un cretino politico

Ma fateci il piacere, Fontana e Calabresi, che titolate “Schiaffo dell’Europa a Grillo” come fosse uno scontro d’establishment. Invece è subcultura, un bidone rifilato al popolo bue. Anche per mezzo vostro.

 

di Giuliano Ferrara 10 Gennaio 2017

 

L’Europa dice no a Grillo. Schiaffo dell’Europa a Grillo. Ecco. Corriere e Repubblica mi hanno svelato il mistero del giornalismo grillino, di cui il successo demenziale dei settari della Casaleggio e Associati è un sottoprodotto. A essere meno ingenui, a volerla dire vera e chiara, il titolo avrebbe dovuto essere: Grillo è un cretino politico, Casaleggio un avido (Casaleggio nel sommario). Poi si poteva aggiungere, nei quotes, che il cretino è anche un despota alla Alfred Jarry, un Ubu Roi senza fantasia (il Cav. lo supera di cento spanne). Fa votare liberale ed europeista all’improvviso quattro sfigati in rete che recalcitrano, e si espone alla più ridicola, grottesca delle brutte figure. Ma no.

 

La verità fa male alle copie vendute, fa male al senso di sé della grande stampa, fa rari i contatti con il famoso “primo partito italiano”. Così lo prendono sul serio, fanno i titoli che a lui convengono, i retroscena: sembra una lotta tra l’Europa cattiva delle banche e questo scassinatore di scatole di tonno da strapaese. Un vaffanculo così non si era mai visto, ma con quei titoli passa per un duello con l’establishment, ma mi faccia il piacere, amico Fontana, ma mi faccia il piacere, Marione Calabresi.

Perché quello tra M5s e Alde sarebbe stato un matrimonio impossibile

Il fact checking sull’alleanza (già) naufragata tra Grillo e e Verhofstadt dimostra una incompatibilità palese sui grandi temi dell’economia e della politica estera

Grillo è subcultura. Subpolitica. Subspettacolo. Promuoverlo statista e leader ha del fantasioso, richiama la seriosità di un’informazione che ha perso il contatto con la realtà, preferisce intrattenersi e intrattenerci con la subrealtà.

Uno va in Kenia da Briatore. Torna e diventa liberale per settecentomila sporchi euri, euri al plurale.

Spero che ora Farage gli chiuda la porta in faccia, e che resti seduto tra due sedie o incerto tra due sacchi d’avena come l’asino di Buridano.

Che altro si può sperare dell’uomo che ha conferito a Roma la signora Virginia Raggi e il signor Marra, anzi i fratelli Marra? Mi preoccupo per i connazionali detti elettori a 5 stelle. Hanno scelto lo sberleffo. Non si fidano dei partiti. Non si fidano dei movimenti seri. Non si sono fidati di Renzi. Si sono comportati da stupidi, per rabbia, per ignoranza, per spirito bue. E che bidone ci hanno rifilato, che immensa perdita di tempo, che storiella da Tg7 o da Strafatto quotidiano.

L’M5s e la logica che non c’è

Svolta garantista” e “svolta europeista”. Le capriole di chi vuole dare un senso alle giravolte di Grillo

Meglio di Grillo. I ladri. I corrotti. I peccatori. I Politicanti. Raggi e Scilipoti. Meglio di Casaleggio. Chiunque, un passante, un topino da poco, un contabile di quelli che non usano altro che nei racconti di Gogol.

Si fanno i fatti loro, ci tradiscono da secoli in tutte le società antiche e moderne, rodono e rosicano, ma qualcosa sanno fare, e all’atto pratico riescono perfino a governare, si fa per dire, un popolo di corrotti, di imboscati, di invalidi falsi, di protetti, riprotetti, dipietristi e falsi emarginati quali noi siamo, in particolare i gggiovani cosiddetti dai 18 ai 34 anni.

Sempre con l’assistenza della pubblica informazione e di gran parte di quella privata. Michele Serra, che l’ha capita, forse la finirà di assistere sdraiato allo spettacolo.

Ma è incredibile che non si trovino dozzine di profeti, commentatori, direttori, opinionisti capaci di dire queste elementari verità, di sussurrarle con la precauzione di un condom allo scopo di non partorire falsa politica e falsa informazione per una falsa associazione illegale, di natura eminentemente fascista e antidemocratica, che si è impadronita delle fantasie malate, morbose, ignoranti di tanti italiani e gli ha rifilato la faccia di Di Maio, il libro di Di Battista e tutto il resto. Siete in arresto, dicevano. Arrendetevi. Ed erano solo un branco di avidi cretini.

da: Categoria Italia

http://www.simofin.com

Annunci

Riflessioni Personali……Il M5S, il FAKE più miserabile nella storia del nostro Paese!!


 

 

Questo articolo è dedicato espressamente a quelli che si ostinano ( compresi i filosofi de noantri e i loro mentori) a credere ancora nella farsa del M5S, di Grillo e Casaleggio!!

Beh, finalmente anche coloro che scrivono nel blog stellato hanno  capito che il M5S non è un movimento dove “Uno vale Uno” ma un vero PARTITO POLITICO organizzato in modo VERTICISTICO, dove solo i CAPI fanno quello che vogliono (Davide Casaleggio, Beppe Grillo) e tutti gli altri, onorevoli, senatori, gli amichetti del cerchio magico (Piero Ricca, Manuela Bellandi, Nicola Virzì alias Nik il Nero , Magda Andreola , Dario Adamo, Matteo Incerti, Rocco Casalino) comprese le mogli, fidanzate, sorelle, cugine, amanti che fanno parte dell’Harem e le quasi dieci milioni di persone che li hanno votati nel 2013, non contano un CAZZO!!

I fatti: Casaleggio e Grillo decidono di mettere in rete il quesito che chiede a quale gruppo far parte nel Parlamento europeo, la scelta ( se di scelta possiamo parlare) è : rimanere nell’EFDD ( l’Ukip di Faradge per intenderci) o entrare nell’ALDE (alleanza dei democratici e liberali per l’europa)).

Si apre la solita votazione on-line con i soliti tempi per votare (poche ore), il risultato della votazione è quello di entrare nell’ALDE con un risultato schiacciante, poco meno del 80%.

Tutto bene direte voi!!!

Eh no invece, la richiesta del M5S di entrare nel gruppo ALDE viene bocciata dallo stesso gruppo parlamentare, quindi nessun ingresso in ALDE, e allora cosa fanno? Hanno la bellissima idea di ritornare nel gruppo EFDD, a questo punto Faradge decide di far pagare un caro prezzo ( scopriremo nel tempo quanto sarà costato) ai Cinque Stelle riaccogliendoli nel gruppo.

Se non fosse tutto reale, sembrerebbe una farsa di Totò, ma purtroppo è tutto vero!!!!

CHIEDO A TUTTI COLORO CHE ANCORA SOGNANO SULLE PAROLE DI BEPPE DI AVERE UN PAESE DIVERSO E CHE PIU’ NESSUNO RIMARRA’ INDIETRO, QUALI GARANZIE POSSONO DARE QUESTI “ POLITICI-BUFFONI E MILLANTATORI DI DEMOCRAZIA” CHE NULLA SANNO DI POLITICA MA SONO BRAVI NEL MONETIZZARE I LORO INTERESSI ECONOMICI?

COME E’ POSSIBILE CREDERE CHE IL M5S RIUSCIRA’ A CAMBIARE IL SISTEMA DALL’INTERNO SENZA QUELLA VIOLENZA CHE OCCORRE PER FARLO SALTARE?

COME E’ POSSIBILE NON VEDERE CHE QUESTO MOVIMENTO CI STA PRENDENDO PER IL CULO FACENDOCI CREDERE CHE SIAMO TUTTI UGUALI (UNO VALE UNO)?

SONO INCAZZATO NERO, SE POTESSI SCANNARE QUALCUNO, SAPREI SICURAMENTE CON CHI PRENDERMELA!!!

In una delle rare volte, lo STAFF del cazzo del Blog Stellato ha avuto vergogna nel censurare i commenti contrari alla linea dell’Imperatore Casaleggio, se lo avrebbe fatto ne sarebbero rimasti ben pochi, perché questa volta a differenza delle altre, non ci sono commenti di fake, troll, anonimi e roba varia, ma solo commenti di utenti certificati che seguono il M5S da anni e che si dichiarano “DURI e PURI” cioè veri credenti di Grillo e Casaleggio.

 

Occorre farsene una ragione, il M5S è il più grande FAKE rivoluzionario nella storia del nostro Paese.

 

Nico (max weber)

 

immagine presa dal web ( i nodi prima o poi arrivano al pettine)
immagine presa dal web ( i nodi prima o poi arrivano al pettine)

 

 

Buona lettura di alcuni commenti presi oggi sul blog del M5S…

 

 

 

ALDE

ancora una volta la colpa e’ degli altri….prima la stampa, poi l’establishment…MAI UN’AUTOCRITICA….MAI!!!!!!

ma che ci avete presi per burattini?????

casaleggio….tornatene a contare il click sul blog..sei solo un figlio..non un predestinato…non eletto da nessuno quindi smamma e non rompere.

di maio…dopo le tue scuse su Roma , mi aspettavo anche ora delle scuse.Un politico che si scusa sta meglio a casa a contare i soldi che prendi ogni mese.

E tu dibba..che ci hai ammorbato per mesi per uscire dall’euro ( quando sai che con il nostro no al referendum) non si possono fare referendum propositivi, specie sull’euro…ora che hai caldeggiato di entrare in un gruppo liberale..torna a casa a studiare geografia, non falla Gruber.

E tu Beppe ( l’unico con la maiuscola)..ti sei fatto infinocchiare da chi???…quando sei uscito con la votazione …speravo che la cosa fosse preparata. Ma forse tu stavi a Malindi e ti sei fidato di gente incompetente.Fare una votazione con orari ristretti e con nessun confronto con gli iscritti, e’ stato un suicidio.

Ed ora????…l’establishment contro ilMovimento…roba da pazzi che con la boria di chi e’ sempre nel giusto si e’ fatto impallinare.

e gli yes men?????…finitela di dare la colpa agli altri..noi ci abbiamo messo del nostro….e diciamecela tutta…al nostro vertice ci sono persone non preparate che pensano che urlare e dare ascolto alla pancia si possa fare tutto…

il primo che dice…avanti..si guardi allo specchio e accetti come siamo ridotti..
Il Movimento era un movimento..quando abbiamo pensato a farlo diventare PARTITO…abbiamo fatto come tutti gli altri.(vicepresidenza!!!!!)
AUTOCRITICA ci vuole..non scaricare la frittata sulle colpe degli altri…ma dimmi Beppe…chi sarebbe questo establishment????…massoni??? banchieri???? stampa?????. Invece di sparare nel mucchio devi dire chi fa parte dell’establishment.
ps
il primo che dice che sono un troll ed un piddino si becca un vaffa alla 12esima potenza

carlo p.

 

Non capisco veramente questa doppia capriola senza rete di Grillo del passaggio da un eurogruppo euroscettico al gruppo liberale ,primo sostenitore di questa Europa. Come avrebbe Grillo potuto influire sulle decisioni di questo gruppo liberale? Un cavallo d Troia ,tra l’altro non riuscito ,che ha fatto fare a Grillo una pessima figura. Insomma ,diciamola tutta :UNA GRANDE DELUSIONE per chi ,come me, crede nel M5S. Io penso che questa decisione farà perdere al M5S non meno di 10 punti nella prossima tornata elettorale. Considerando anche il fatto che il movimento non si è preoccupato e non si preoccupa di costituire uno staff capace di governare ,pensando di farlo con quei ragazzotti ,che saranno onesti e capaci di di acquisire voti, ma non certamente di governare.

paolo d., Pescara

 

Qui alcune considerazioni buttate giù su Facebook, autonomamente e rispondendo ad altri utenti del Social:

Il mancato accordo con Alde è il primo serio errore politico che fa il MoVimento dal suo iniziale Vaffa Day. Per la distanza che separa le due formazioni, per lo sprezzo con cui si è fatto trattare, per l’improvvisa chiamata al voto che comunque ha sconcertato gli iscritti e la militanza di base. In Europa non dobbiamo più ripetere simili errori. Dobbiamo creare anche lì un gruppo dove far confluire gli anti sistema.

35.000 iscritti hanno votato per Alde. Si mantiene la libertà di voto. In Europa è così: ci si aggrega per non morire. I politici di tutti i colori lo sanno bene. Il MoVimento lo aveva chiesto ai Verdi ma gli orfani di Mattioli e della sua corte (vedi Capalbio) hanno detto No. E allora è rimasto solo l’Alde che in passato ha ospitato anche i radicali. Il quesito verteva su 3 risposte: da soli; con Farage; con Alde. Gli iscritti hanno scelto Alde. 7000 Farage. 2000 e rotti, da soli.

Chiariamo: era un pre-accordo tecnico come si fanno al Parlamento Europeo. È stato sottoposto ai propri iscritti con argomenti reali e da prendere in considerazione perché di un certo peso (un po’ come fa la CGIL con i lavoratori). Gli iscritti e la militanza di base ha dato il proprio ok. Poi l’Alde ha detto no spostando il problema di incoerenza al suo interno.

Io ho votato per l’adesione all’Alde. Però non credo che il Parlamento Europeo ci permetterà di accordarci con qualsivoglia gruppo, visti i risultati di questo pseudo accordo. Quindi l’unica strada mi sembra lavorare per un gruppo autonomo che raccolga altre forze anti sistema.

paolo emidio angelini, roma

 

 

Censure, voltafaccia, falsa democrazia, autoritarismo e avvisi di garanzia: se questo è il nuovo m5s beh, d’ora in avanti la strada la fate da soli (e vediamo dove arrivate..)

Davide
 

se e’ vero quello che ho letto che al parlamento europeo ritorniamo nel gruppo insieme all’ukip….ti riporto Beppe quello che TU hai scritto una settimana fa…..

Rimanere in EFDD equivale ad affrontare i prossimi due anni e mezzo senza un obiettivo politico comune, insieme a una delegazione che non avrà interesse a portare a casa risultati concreti. Ci ritroviamo nelle condizioni di rimanere in Parlamento con le prerogative derivanti dall’appartenenza a un gruppo politico, ma senza la possibilità di fare il massimo per realizzare il programma del MoVimento 5 Stelle in Europa. Non nascondiamo anche un certo disagio rispetto all’utilizzo improprio di capitali delle Fondazioni (a cui noi abbiamo rinunciato e continueremo a rinunciare) da parte di alcuni colleghi di EFDD, in riferimento alle notizie pubblicate e da cui prendiamo le dovute distanze.

ED ORA?????? vorresti ritornarci??????
Ci hai fatto votare in fretta e furia per andare nell’alde….qualcuno la’ a Bru ha toppato…e tu vorresti “tradire” il voto di noi che ti abbiamo seguito???????

Urge un commento su questa storia…ma senza dare la colpa agli altri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Rientrare sarebbe come se non fosse successo niente!!!!!!!!!…ed invece eccome che sono successe molte cose…..o no????????????

ps
di maio e dibba…per favore questa volta state zitti…tu luigi non chiedere scusa per la quarta volta..e tu dibba che hai difeso l’indifendibile dalla gruber…statetevene quieti ed in silensio.
Poi casaleggio continua a fare impresa e lascia stare la politica..troppa conflitto di interessi.

carlo p.

 

QUI NON SI TRATTA DI SAPERE. DI AVERE VOTATO, DI CAZZATE VARIE, IL PUNTO E’ SOLO UNO:
IL MOVIMENTO E’ FAVOREVOLE ALL’EURO ? BENE ALLORA VOTERO’ PER UN ALTRA FORMAZIONE POLITICA !
IL MOVIMENTO VUOLE QUESTA EUROPA ? BENE ALLORA VOTERO’ PER UN’ ALTRA FORMAZIONE POLITICA !
IL MOVIMENTO VUOLE CHE IL SISTEMA BANCARIO DETTI LE LEGGI NEL NOSTRO PAESE ED IN EUROPA ? SE E’ COSI’ VOTERO’ PER UN’ALTRA FORMAZIONE POLITICA !
IL MOVIMENTO VUOLE CHE PER I PARLAMENTARI E PER TUTTI I LACCHE’ DI STATO (PREFETTI, CORTI ECC. ECC ) RIMANGANO I PRIVILEGI ? ALLORA VOTERO’ PER UN’ALTRA FORMAZIONE POLITICA !!
SE IL MOVIMENTO NON VUOLE MANTENERE LO STATUS QUO DEVE EVITARE ASSOLUTAMENTE QUALSIASI TRATTATIVA, PSEUDO ACCORDI, O MINKIATE VARIE CON QUALSIVOGLIA ALTRO SOGGETTO POLITICO CHE NON ABBIA SOTTOSCRITTO IL PROGRAMMA DEL M5S !!!!!!
SE COSI’ NON E’, ALLORA NELLE NOSTRE FILA SI INTRUFOLERANNO CORROTTI, CORRUTTIBILI, LADRI, VOLTAGABBANA, ESATTAMENTE COME E’ STATO TENTATO DI FARE IERI IN EUROPA !!! QUEL VENETUNCOLO DI BONELLI (eletto al parlamento europeo) DEVE ESSERE CACCIATO A CALCIONI NEL CULO DAL MOVIMENTO !!!

Luigi Arezzo

 

AVERE FATTO TREMARE IL SISTEMA??? Non vi hanno voluto, tutto qui! Fatevi qualche domanda sull’affidabilità delle vostre scelte, il senso della democrazia interna, la schizofrenia delle politiche che proponete: di questo c’è da tremare. Del resto ricordo benissimo il vostro Beppe Grillo quando spaccava i computer in teatro dicendo che ci avrebbero mangiato il pensiero, rubato la libertà, il tempo … e li spaccava a ogni spettacolo. Aveva ragione, io temo che la Rete e il tentativo di creare attraverso di essa una democrazia ha avuto esattamente questo effetto su molti di voi sostenitori del Movimento.

Andrea Ciresola
#BEPPEFATTIDAPARTE
Caro Beppe,
ti scrivo queste poche righe per chiederti di fare formalmente un passo indietro.
Hai creato assieme a Gianroberto un movimento fantastico, fatto di persone normali ma super allo stesso tempo, di gente che non era cresciuta nei salotti politichesi e che si sta con fatica avvicinando alle difficili dinamiche di palazzo italiane ed europee.
Adesso è ora di fare il vero leader e sciogliere le briglie ai cavalli di razza.
La deriva postautoritaria che sta prendendo l’attuale gestione del movimento non è affatto confacente alle regole che lo hanno fatto nascere ed esplodere, una su tutte: UNO VALE UNO e tu sei solo UNO Beppe, non dimenticarlo mai, perchè senza gli 8 milioni di elettori non esisterebbe il movimento o comunque non avrebbe riconoscimento politico.
#BEPPEFATTIDAPARTE è un appello, una preghiera, un consiglio, una richiesta, ma soprattutto un favore che faresti al movimento, uscendo da leader fondatore e non da disfattore.
Grazie

Alessio Pronest

 

 

 

Riflessioni Personali…….basta con il buonismo da pecora, dobbiamo essere lupi!


 

foto segnaletica di un irriducibile (1977)
foto segnaletica di un irriducibile (1977)

 

 

 

Finiamola con il buonismo delle favole, tiriamo fuori la rabbia…….

 

Non ho scritto nulla in questi giorni ma ho letto tutto quello che avete scritto voi, ad essere sincero se tolgo pochissimi ma interessanti articoli di cultura e qualche altro di letteratura, quello che rimane è costituito dai soliti melliflui e sdolcinati auguri di buone feste che mi danno il “mal di pancia”. Tutto questo buonismo secondo me è eccessivo e deleterio, sembra  distogliere la nostra attenzione dalla realtà, annacqua il nostro pensiero critico e devia il nostro interesse  dalla politica che in questi giorni sta “scavando” di nascosto la nostra fossa con una raffica di aumenti.

Ho già speso tanto in questi due anni di blog, ho cercato di far capire che non esiste altra via d’uscita se non quella di far “sentire” subito al Potere politico la nostra rabbia e agirla con termini perentori, ho anche cercato di informare come cittadino sul costante e continuo aumento delle tasse, a dir la verità è notizia di questa mattina,  già avvenuto con aumenti complessivi di circa mille euro all’anno per famiglia (tributi, bollette energetiche, servizi, costi bancari e pedaggi), qui l’articolo .

 

Saranno le Banche ad essere aiutate e non il singolo cittadino in difficoltà!

Sono incazzato con tutti coloro che dicono che è impossibile cambiare questo Paese, per lo stesso motivo non nutro stima nei confronti dei finti rivoluzionari del M5S capeggiati da messer Grillo e dall’Imperatore Casaleggio jr. perchè sono coloro che stanno fermando la rivolta sociale di un popolo sottomesso, deriso e derubato.

La morale di questi individui  è rappresentata da quel “sentimento di sottomissione, coscienza di osservanza e obbligo” e come disse Ortega y Gasset senza questi valori si afferma soltanto una morale negativa che è nient’altro che la forma vuota di quella originaria, il filosofo sostenne anche che la rivolta genericamente si indirizza contro gli abusi e lotta per ridurre o eliminare del tutto gli stessi nell’ambito di un sistema politico e sociale.

Cari amici è arrivato il tempo di far valere i nostri diritti, occorre stanare per poi rieducare i “ruffiani” del Sistema che si annidano in ogni luogo, nel pubblico impiego, nell’informazione, nelle pieghe del capitalismo liberista, occorre cercarli anche dentro quelle autorità che proteggono il Potere con le armi, proprio in questi settori si annidano I VERI NEMICI DEL CAMBIAMENTO, I NOSTRI NEMICI!!

Le Rivoluzioni appartengono alle masse come disse Max Stirner, mentre la Ribellione appartiene al singolo, in una società individualista come la nostra che il Potere ha creato con il dividi et impera, la rivoluzione non potrà mai essere agita, sarà quindi la ribellione del singolo che darà il via alla ribellione di massa.

 

p.s. ultim’ora……mentre ci trastulliamo mangiando pandoro, panettone, torrone e quant’altro, il Governo con una votazione durata dieci minuti, oggi ha alleggerito le nostre tasche di altri venti miliardi di euro per salvare le banche, UN BEL REGALO DI FINE ANNO da parte della “nostra” politica.

 

Nico (max weber)

 

 

 

 

 

Riflessioni Personali…..La due giorni del M5S, ovvero i “Traditori del Popolo”


 

 

Ieri a Palermo è iniziata la due giorni del terzo raduno nazionale dei” FALSI RIVOLUZIONARI DE STA’ MINCHIA”, un raduno che si apre all’insegna del “vi ho preso per il culo sino ad ora, ma da oggi le cose cambieranno perché continuerò a farlo”, in effetti è evidente che questi cialtroni ci hanno preso per dei deficienti che credono ad ogni singola parola che esce dalla loro bocca, ma i giochi stanno per finire, stanno venendo a galla gli inciuci che hanno dovuto orchestrare per occupare la poltrona di sindaco a Roma e a Torino.

 

Marcello Sartori (vignetta su Grillo) presa dal web
Marcello Sartori (vignetta su Grillo) presa dal web

 

Vengono a galla anche le lotte intestine all’interno di questo movimentino dei “falsi rivoluzionari” i cui fili vengono mossi dall’erede dei un personaggio discutibile per le sue frequentazioni….alcuni link:

https://poesiacultura.wordpress.com/2016/05/19/il-movimento-stellato-il-piu-potente-strumento-per-il-controllo-della-massa/

https://poesiacultura.wordpress.com/2016/06/10/riflessioni-personali-la-deriva-destroide-del-movimento-stellato/

https://poesiacultura.wordpress.com/2016/05/31/m5s-chi-e-senza-peccato-scagli-la-prima-pietra/

Stanno tentando di giocare l’ultima carta, quella di far credere che gli errori fatti, siano stati causati dalla loro inesperienza ma anche da una politica di rigetto verso la trasparenza che ha gettato fumo nei loro occhi, cercheranno così di convincere i loro elettori che cambieranno modo d’agire, come?…..portando milioni di cittadini incazzati nelle piazze? NO!… occupando il parlamento come atto di forza per dimostrare di essere un vero movimento rivoluzionario? NO! ….iniziando a promuovere leggi che portino direttamente in galera i politi corrotti? NO!…cercando di rompere i patti scellerati del M.E.S, FISCAL COMPACT, TTIP o EUROGENDFOR? NO!…sapete allora cosa prometteranno a Palermo?

PROMETTERANNO CHE GRILLO TORNERA’ A GESTIRE IL MOVIMENTO DEI FINTI RIVOLUZIONARI ELIMINANDO DI FATTO IL FAMOSO “DIRETTORIO A CINQUE”...ahahahahhahahahahahah!!

Vi hanno preso per coglioni sino ad oggi e continueranno a farlo, informatevi da altre fonti che non sia quella del loro blog-ghetto dove si sprecano i “senza se e senza ma” che solo i dementi possono leggere, aprite il vostro cervello all’intelligenza per cercare di capire chi sono questi “FALSI” rivoluzionari che hanno promesso di aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, di puttanate ne hanno raccontate abbastanza, è l’ora di presentarsi alla “cassa” per coloro che sono stati traditi, circa dieci milioni di elettori, il CAPPIO è già caldo!!

Aprite gli occhi, la super potenza mondiale che “esporta” democrazia facendo la guerra in mezzo mondo, li sta appoggiando per farli andare al governo, se non provvederemo prima, sarà cosi che finiremo dalla padella nella brace!!

 

p.s. Sapete già quanto impegno misi in questo Movimento tempo fa, e mai avrei pensato che la mia fiducia venisse TRADITA da questi cialtroni, quindi ora, il mio impegno è soltanto quello di informare sulla reale identità di questi falsi rivoluzionari il cui motto, preso in prestito dalla storia, è… Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”    

 

Nico (max weber)

 

 

Qui sotto, una riflessione di un vero grillino della prima ora, prima che anche lui si accorgesse dell’inganno di questa gentaccia senza scrupoli!!

 

 

Francesco Menallo: “Il Movimento 5 Stelle di Grillo e Casaleggio è voluto dagli USA”

 

Io non ho il dubbio che dietro il Movimento 5 Stelle ci siano gli americani: io oggi ho la certezza che l’operazione politica ‘pilotata’ da Grillo e da Casaleggio sia voluta dagli USA”.

francesco menallo

Francesco Menallo

 

Non usa mezze misure Francesco Menallo, avvocato, grillino della prima ora in Sicilia, per la precisione a Palermo.

“Quando nel 2004 abbiamo iniziato quest’esperienza eravamo veramente in pochi – ci racconta Menallo -. Ho sempre vissuto quest’avventura come una prova di partecipazione civile ad un’idea di rinnovamento della politica e della società del nostro Paese. Oggi, alla luce di quanto ho avuto modo di vedere e di conoscere, mi rendo conto che i presupposti sui quali è stata portava avanti quest’esperienza sono molto diversi da quelli che ci sono stati presentati ed in cui, l’ammetto, anch’io ho creduto”

L’avvocato Menallo, negli anni ’80 del secolo passato, è stato dirigente di Legambiente, associazione di ambientalisti che, specialmente in Sicilia, ha condotto tante battaglie per la tutela dell’ambiente, all’insegna della legalità. Come tanti cittadini italiani ha vissuto tra speranze e scetticismi le evoluzioni e, soprattutto, le involuzioni della sinistra italiana.

Dal 2004 fino al 2012 – anno in cui, in Sicilia, sono state celebrate le elezioni comunali e le elezioni regionali – Menallo è rimasto dietro le quinte, lavorando per far crescere il Movimento 5 Stelle. Pronto a valorizzare i giovani per un progetto di cambiamento della società. Per un anno, dal 2012 al 2013, ha cercato di sostenere – in modo assolutamente disinteressato  il  gruppo parlamentare del M5S al Parlamento siciliano. Sempre dietro le quinte per dare una mano ogni volta che lo chiedevano i quindici deputati (poi diventati quattordici), tutti giovani, eletti all’Assemblea regionale siciliana (questo il nome del Parlamento dell’Isola).

A un certo punto, senza clamore, Menallo ha abbandonato il ‘pianeta’ dei grillini. Oggi, a distanza di quasi due anni, siamo riusciti a fare quattro chiacchiere con lui. Per farci raccontare perché, a un certo punto, ha deciso di lasciare il Movimento 5 Stelle.

“La mia non è stata una decisione affrettata, ma meditata – ci dice Menallo -. Dietro ci stanno precise motivazioni politiche e anche un approfondimento sulle vere radici di questa esperienza”.

Continuate a leggere su.. http://www.nientedipersonale.com/2015/12/10/francesco-menallo-il-movimento-5-stelle-di-grillo-e-casaleggio-e-voluto-dagli-usa/

 

Avv. Francesco Menallo