Anne Sexton


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tue mani ostinate

 

Poi a letto penso a te,
la tua lingua metà oceano, metà cioccolata,
alle case dove entri con disinvoltura,
ai tuoi capelli di lana d’acciaio,
alle tue mani ostinate
e come rosicchiamo la barriera
perché siamo due.
Come vieni e afferri la coppa di sangue,
mi ricompatti e bevi la mia acqua salata.
Siamo nudi.
Ci siamo denudati fino all’osso
e insieme nuotando risaliamo il fiume,
l’identico fiume chiamato Possesso
e vi sprofondiamo insieme. Nessuno è solo.

Anne Sexton

Annunci

Sergej Aleksandrovič Esenin


 

 

 

Stupido cuore, non battere…

Stupido cuore, non battere!
Noi tutti siamo ingannati dalla felicità,
Solo un mendicante chiede compassione…
Stupido cuore, non battere.
Tutti noi talvolta, come bambini,
Soventi ridiamo e piangiamo:
Abbiamo avuto a questo mondo
Le gioie e le sventure,
Stupido cuore, non battere.
Ho veduto molti paesi,
Dovunque ho cercato la felicità,
Solo che la sorte desiderata
Non mi metterò più a cercare.
Stupido cuore, non battere.
La vita non mi ha del tutto ingannato.
Ci inebrieremo di una nuova forza.
Cuore, se tu almeno ti addormentassi
Qui, sulle ginocchia dell’amata.
La vita non mi ha del tutto ingannato.
Forse, anche noi segnerà il destino
Il destino che scorre come una valanga.
E all’amore risponderà
Con un canto di usignolo.
Stupido cuore, non battere !

 

Sergej Aleksandrovič Esenin

Anileda Xeka


 

 

Tu trafiggevi il cielo, andando.
(e non volevi lasciarmi
non potevo fermarti)
inverno, all’improvviso!
al posto delle ali
due piedi scalzi.

Saperti irraggiungibile, m’uccide.
Per le mie vele spiegate
fermo, come un vecchio porto,
in un dipinto – il mare.

La tua assenza è piena dei miei respiri,
della mia voce, dei miei passi.
Non mi sono mai mancata tanto
da quando mi manchi.

Xeka Anileda