Maria Pia Caporuscio


 

poesia inedita in romanesco

 

 

barnum

 

 

 
Forza Romaaaaa! (inedito)

 

 
Roma, ma che sta succedenno?
La tua maestosità la stai perdenno.
Eri ‘na reggina superba e rispettata…
emmo’ me pari… ‘na pora disgrazziata!

 
De tutto Roma mia t’hanno spojata,
er campidojo è peggio de ‘na stalla…
però puro cosi’ nuda e…violata,
der monno arimani sempre la più bella!

 
Fa male ar core sentisse ‘mpotente,
vedé ‘sti ladri e nun poté fà ‘gnente!
Mortacci loro, de ‘sti fij de mignotte,
che nun zo’ degni manco de guardatte!
Nun t’avvili’ ch’er tempo nun cià torto…
ripija fiato…nun abbassà la testa,
le tue campane arisonerann’à festa,
mentre pe’ lloro rintoccherann’à…morto!

 

stì delinquenti arinchiusi in quer palazzo…
se credeno li padroni ma… cor cazzo
je la daremo vinta. E ‘n giorno a ‘sti sozzoni…
je romperemo er culo e li… cojoni!

 

 

Maria Pia Caporuscio

Maria Pia Caporuscio


poesia inedita

 

Oggi è Pasqua, molti di noi festeggiano, le famiglie si riuniscono per passare questo santo giorno insieme,

abbiamo acquistato le colombe, l’agnello, lo spumante, seguendo quella triste tradizione che il consumismo ci ha inculcato.

Ma in un giorno come questo, il mio pensiero va a chi è senza lavoro o lo ha perso da poco, perdendo insieme ad esso quella dignità che ogni uomo vorrebbe avere per mantenere la propria famiglia, perdendo anche la ragione tramite quel senso di smarrimento che pervade chi non ha più un punto di riferimento.

La poesia di Maria Pia è una poesia tenera  ma allo stesso tempo cruda, cruda come può essere la vita di chi resta senza lavoro.

 

Felice Pasqua a tutti voi cari amici, vi auguro di non perdere mai la speranza, vi voglio bene.

 

 

 

uomo-triste

 

 

 

ARBEIT MACHT FREI

 

 

Guardo mia moglie dormire supina,
sul viso una ruga che prima non c’era:
è bellissima ancora!
Penso al giorno in cui l’ho incontrata…
ai miei sogni svaniti,
di darle una vita serena.
La guardo e sale la voglia
di stringerla ancora.
Le accarezzo la mano,
un brivido mi attraversa la schiena.
L’ ho amata e l’amo ancora,
ma la vita è crudele: ho perduto il lavoro!
“Amore ora sono finito,
mi sento un fallito e ti chiedo perdono”.
Apro la stanza dove mio figlio riposa
abbracciato al suo orsetto
e nel sonno sorride.
Forse sogna una vita da fiaba,
con la mamma ed il babbo vicini,
che lo tengono sempre per mano.
“Ho sognato che la vita per te
fosse sempre un’eterna vacanza,
di vederti una laurea in mano
e portare alle giostre i tuoi bimbi.
Figlio mio hai un padre sbagliato,
incapace di offrirti anche il pane.
Un padre che sa solo amarti,
ma l’amore non basta a nutrirti.
A tuo padre hanno tolto il lavoro
E con esso, hanno ucciso la vita!
Perdonami figlio, figlio mio caro”!
Ora sono in cucina, il frigo è vuoto,
non potrò più riempirlo.
Non riesco a dormire…
Dalla finestra osservo la mia città
silenziosa e indifferente…
Uno spicchio di luna gioca con le nubi
a nascondino.
Nella testa le note
di una musica lontana…
Una finestra sbattuta dal vento,
un tonfo agghiacciante…
poi il silenzio!
Piange anche la pioggia!

 
inedito di Maria Pia Caporuscio

 

 

 

 

Maria Pia Caporuscio


poesia inedita in romanesco

 

 

 

politica3

 

LI GIOVANI…”LEONI”

 
Nun bastaveno li vecchi ladroni
a riduce i lavoratori a pelle e ossa,
mo so’ arivati ‘sti giovani… cojoni
a scavaje la fossa!
Sempre li piedi continuen’à scorticà,
d’accordo che ce nascheno li calli,
però, si so’ tumori puro quelli…
sanno che so’ facili a… stroncà!
Adano ‘ncomincià dar capoccione,
perch’è llà ch’er male nasce e cresce
fin’à ‘nfettà tutta la nazzione!
E da ‘sto male nessuno più… guarisce!
Come ’n collante li sordi tutti… unisce:
è troppo bello sedesse sur groppone
de ‘sti fessi, che jabbasta ’n minestrone
e si je levi puro quello… nun reaggisce!
E stamo ancora a sperà ch’à ‘sti banditi,
je rimorda la coscenza e so’… pentiti?
Defatti …st’ann’à giurà che chi se l’è sfregnati,
so’ stati sempre… li pori salariati!

 

inedito di Maria Pia Caporuscio

Maria Pia Caporuscio


opera inedita in romanesco

 

 

 

politici

 

 

ER MANGIME

 
Pe’ risorve la crisi ‘sti ladroni…
ce daranno er mangime pe’ salario,
tanto staremo lostesso… zitti e bboni!
Prima hanno ‘ncominciato co’ li polli,
defatti nun li senti più…chioccià,
l’hanno rinchiusi p’abbottalli de… magnà!
Me sta sorgenno ‘n dubbio sur momento…
nun serà che puro ar sindacato
je stanno a usà lo stesso trattamento?
Prima stavano all’erta, ad aspettà
‘no sbajo, a qualche legge a quarcheccosa,
pe’ scenne ‘n piazza tutti à protestà.
Mo che li sbaji so’ sempre deppiù,
nun c’è ‘na cosa che va ner verzo giusto…
se so’ nguattati… nun li senti più!

 

 

inedito di Maria Pia Caporuscio