Riflessioni Politiche…… SIAMO LIBERI DI DISOBBEDIRE a questo sistema!!


 

 

“La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta”. (Theodor Adorno)

 

Ho sempre creduto in una Libertà totale che possa essere da noi esercitata in qualsiasi modo, ma sempre nel rispetto delle libertà altrui. Quando parliamo di Libertà parliamo di scelta, quella scelta che tutti dovrebbero sempre agire nel rispetto delle proprie opinioni e in sintonia con la propria onestà intellettuale, perché scegliere significa prendere delle decisioni e nello stesso tempo farsi carico delle responsabilità che accompagnano le stesse.
Ebbene, se mi guardo intorno non posso non aver paura del menefreghismo e del lassismo come conseguenza del senso di rassegnazione imperante della massa, i dati dell’astensionismo al voto e alla partecipazione politica in generale ne sono la prova.

Com’è possibile non percepire questo senso di sfiducia dilagante che rende difficile se non impraticabile qualsiasi riscatto sociale da parte del cittadino o qualsiasi proposta di un progetto di rinnovamento, la Politica intesa come potere ha creato danni enormi e non da ora, ha avvelenato tutti i pozzi dove restava quel goccio d’acqua chiamata “fiducia”, quella fiducia che ha lasciato il posto alla sopportazione per poter riuscire a “campare”.

Chi avrebbe il coraggio, la forza, la tenacia di mettersi di nuovo in gioco, quando chi dovrebbe farlo non riesce nemmeno a dare una vita dignitosa alla propria famiglia, in più colpevolizzandosi? Ed è qui il bello [sic!] di questa finta democrazia che prima ti mette in ginocchio con le sue scelte scellerate, poi riesce a farti credere che è tua la colpa della situazione in cui ti trovi: davvero non c’è limite alla spudoratezza.
Aveva ragione Tito Livio quando disse che sono le situazioni ad imporre le decisioni agli uomini, piuttosto che gli uomini le impongano alle situazioni. Sfido chiunque di voi a prendere decisioni senza essere condizionati dalla situazione di difficoltà economica in cui viviamo, non è possibile farlo e questo il Potere politico lo sa bene.

Occorre quindi la Ragione per iniziare un nuovo percorso politico fuori dalle logiche partitiche e di interesse personale: i cittadini hanno bisogno di aprire gli occhi per guardare in faccia la realtà e non per vivere una realtà apparente basata sulla speranza di poter realizzare qualcosa che non avverrà mai senza dover cambiare questo sistema di Potere.
Dobbiamo tener conto che il percorso da intraprendere sarà lungo, perché le ferite (disillusioni) sono profonde, ricreare il senso di fiducia nella politica e nelle istituzioni sarà quasi impossibile, occorre avere tenacia, forza e volontà, doti che non mancheranno di certo a quelle persone che come me, hanno da sempre “disobbedito” manifestando il proprio dissenso nelle piazze.

Servono dunque persone disposte a mettersi di nuovo in gioco per il bene degli altri, fra cui le nuove generazioni, perché occorre far capire loro che esiste un modo diverso di concepire la politica, una politica vera che risolva i problemi dei cittadini in difficoltà e che tramite il Valore della solidarietà non lasci nessuno indietro, una politica che rinneghi gli interessi personali e si faccia carico delle disuguaglianze sociali, e non questa politica mafiosa che governa esclusivamente per mantenere in vita se stessa mentre di nascosto, cede parte della sovranità popolare ai Poteri sovranazionali in cambio di quattro denari, e guarda caso, in tutto questo non esiste il Determinismo di Spinoza o Kant che viene raccolto dalla Chiesa cattolica a fortificazione del proprio Dogma, per cui tutto accade perché deve accadere per volere dell’Assoluto, ma al contrario, le cose accadono quando si ha il coraggio di agire i propri pensieri e le proprie idee.
Inutile dirlo, per cambiare le cose occorre combattere e al giorno d’oggi si combatte con gli stessi mezzi che il Potere usa per limitare la nostra Libertà.

 

Nico (max weber)

I Nomadi……Contro!


 

(..) Contro chi fa credere la guerra un dovere

contro chi vuole dominio e potere

contro le medaglia all’onore, alla santità

per tutta la gente che grida libertà (…)

 

Un bellissimo ma poco conosciuto brano dei Nomadi, Contro…tutti i tipi di potere, contro la reticenza delle stragi di Stato, contro l’ipocrisia Umana, contro tutti i dogmi religiosi, contro questo genere di Progresso e contro il Capitalismo cinico, causa di tutte le sofferenze Umane.

“Gli uomini, per essere liberi, è necessario prima di tutto che siano liberati dall’incubo del bisogno.”
(Sandro Pertini)

 

 

 

Contro

.
Contro i fucili, carri armati e bombe

contro le giunte militari, le tombe

contro il cielo che ormai è pieno, di tanti ordigni

nucleari

contro tutti i capi al potere che non sono ignari.

Contro i massacri di Sabra e Chatila

contro i folli martiri dell’Ira

contro inique sanzioni, crociate americane

per tutta la gente che soffre, e che muore di fame.

Contro chi tiene la gente col fuoco

contro chi comanda e ha in mano il gioco

contro chi parla di fratellanza, amore, libertà

e poi finanzia guerre e atrocità.

Contro il razzismo sudafricano

contro la destra del governo israeliano

conto chi ha commesso stragi, pagato ancora non ha

per tutta la gente ormai stanca che vuole verità.

Contro tutte le intolleranze

contro chi soffoca le speranze

contro antichi fondamentalismi e nuovi imperialismi

contro la poca memoria della storia.

Contro chi fa credere la guerra un dovere

contro chi vuole dominio e potere

contro le medaglia all’onore, alla santità

per tutta la gente che grida libertà.

 

I Nomadi

 

Riflessioni Personali…….questi i nomi dei ladri!!!


 

Vi elenco i nomi di coloro che gestiscono il Potere Mondiale decidendo di conseguenza e a vario titolo della nostra vita, forse non sapete che la nostra Libertà è solo l’apparenza di quella reale, ci consentono di credere che siamo liberi solo per tenere basso il livello di attenzione nei loro confronti, in realtà tutto quello che ci accade è stato già programmato sin nei minimi particolari da questi signori,  siamo loro schiavi non con le armi ma con la Finanza.

Meditate e non siate….o imitatores, servum pecus, greggi di pecore come disse Orazio indicando quelle persone prive di personalità!!

Nico (max weber)

 

 

 

Per rinfrescare un po’ le idee ed essere sempre informati perche in questo momento appare indispensabile esserlo, vi ricordo i vari soci della Banca d’Italia, della BCE, e non ultimo della FED (Federal Reserve).

 

I Soci della Banca d’Italia

Gruppo Intesa (27,2%),

BNL (2,83%)

Gruppo San Paolo (17,23%)

Monte dei Paschi di Siena (2,50%)

Gruppo Capitalia (11,15%)

Gruppo La Fondiaria (2%)

Gruppo Unicredito (10,97%)

Gruppo Premafin (2%)

Assicurazioni Generali (6,33%)

Cassa di Risparmio di Firenze (1,85%)

INPS (5%)

RAS (1,33%)

Banca Carige (3,96%)

privati (5,65%)

 


I Soci della BCE

Banca Nazionale della Germania (23,40%)

Banca della Francia (16,52%)

Banca d’Inghilterra (15,98%) (Non ha l’euro)

Banca d’Italia (14,57%)

Banca della Spagna (8,78%)

Banca d’Olanda (4,43%)

Banca Nazionale del Belgio (2,83%)

Banca Centrale di Svezia (2,66%)

Banca nazionale d’Austria (2,30%)

Banca della Grecia (2,16%)

Banca del Portogallo (2,01%)

Banca Nazionale della Danimarca (1,72%)

Banca di Finlandia (1,43%)

Banca Centrale d’Irlanda (1,03%)

Banca centrale del Lussemburgo (0,17%)

 

I SOCI DELLA FEDERAL RESERVE U.S.A.
Rothschild Bank di Londra

Kuhn Loeb Bank di New York

Warburg Bank di Amburgo

Israel Moses Seif Banks d’Italia

Rothschild Bank di Berlino

Goldman, Sachs di New York

Lehman Brothers di New York (fallita)

Warburg Bank di Amsterdam

Lazard Brothers di Parigi

Chase Manhattan Bank di New York

 

e i personaggi qui sotto possedevano banche che a loro volta possedevano azioni della FED.

 

First National Bank di New York

Levi P. Morton

James Stllman National City Bank, New York

M.P. Pyne

Mary W. Harnman

George F. Baker

National Bank of Commerce, New York

Percy Pyne

A.D. Jiullard

Mrs.G.F. St. George

Hanover National Bank, New York

J.W. Sterling

Jacob Schiff

Katherine St. George

Chase National Bank, New York

H.P. Davidson

Thomas F. Ryan

J.P. Morgan (Equitable Life/Mutual Life)

Paul Warburg

Edith Brevour T. Baker

William Rockefeller

 

Tenete bene in mente questi nomi, sarà utile quando dovremmo PROCESSARE i nostri aguzzini!!

Nico (max weber)

 

 

 

 

 

 

 

 

Pier Paolo Pasolini


 

“L’ apatia e la tolleranza sono le ultime virtù di una società morente”  (Aristotele)

 

immagine presa dal web
immagine presa dal web

 

 

da: Scritti Corsari, 1974

Il Potere ha deciso che siamo tutti uguali.

 

“L’ansia del consumo è un’ansia di obbedienza a un ordine non pronunciato.
Ognuno in Italia sente l’ansia, degradante, di essere uguale agli altri nel consumare, nell’essere felice, nell’essere libero: perché questo è l’ordine che egli ha incosciamente ricevuto, e a cui “deve” obbedire, a patto di sentirsi diverso. Mai la diversità è stata una colpa così spaventosa come in questo periodo di tolleranza. L’uguaglianza non è stata infatti conquistata, ma è una “falsa” uguaglianza ricevuta in regalo. Una delle caratteristiche principali di questa uguaglianza dell’esprimersi vivendo, oltre alla fossilizzazione del linguaggio verbale, è la tristezza: l’allegria è sempre esagerata, ostentata, aggressiva, offensiva. La tristezza fisica di cui parlo è profondamente nevrotica. Essa dipende da una frustrazione sociale. Ora che il modello sociale da realizzare non è più quello della propria classe, ma imposto dal potere, molti non sono appunto in grado di realizzarlo. E ciò li umilia orrendamente…Non è la felicità che conta? Non è per la felicità che si fa la rivoluzione? Oggi , questa felicità – con lo Sviluppo- è andata perduta. Ciò significa che lo Sviluppo non è in nessun modo rivoluzionario, neanche quando è riformista. Esso non dà che angoscia.”

 

.
Pier Paolo Pasolini